Cronaca
03/07/2010
Gemma Giuliano si è data fuoco

NAPOLI. Il 4 giugno scorso, davanti alla sede della Criminalpol di Roma, si cosparse di benzina e si diede fuoco. La sua identità è rimasta ignota per quasi un mese. Quella 40enne disperata, che adesso ha ustioni sul 70 per cento del corpo, e lotta tra la vita e la morte all’ospedale Sant’Eugenio della Capitale, è Gemma Giuliano, la figlia di Luigi e Carmela Marzano. La primogenita della famiglia ha raccontato di essersi data fuoco perché depressa dopo la fine della relazione con suo marito. Ma a spingerla al folle gesto potrebbe essere stato anche un mancato trasferimento richiesto al servizio centrale di protezione. Nel 1990 le foto del suo sfarzoso matrimonio in un ristorante di Posillipo fecero il giro d’Italia. Due giorni fa invece i carabinieri hanno arresto tre suoi parenti per l’omicidio di Nicola Gatti. Ieri l’interrogatorio di garanzia dinanzi al gip: si sono avvalsi della facoltà di non rispondere ma Giuseppe e Salvatore Roberti, padre e figlio, hanno respinto le accuse con una dichiarazione spontanea: «Sono calunnie».