Martedì 25 Settembre 2018 - 12:04

Stasera il concerto dei Foja in piazza Severini a Monterusciello

POZZUOLI. Nell'ambito della rassegna "Pozzuoli Ardente" promossa dall'amministrazione comunale di Pozzuoli, questa sera, alle ore 21, in piazza Severini a Monterusciello, ci sarà il concerto del gruppo napoletano "I Foja" (nella foto), in tour con "O treno che va", che riprende il titolo del loro ultimo album. Per l'occasione, ad accompagnarli ci sarà un ospite speciale: il chitarrista blues, Gennaro Porcelli.  
L'album dei Foja, il terzo all'attivo, è un percorso in bilico tra rock, pop, blues e country, tra la canzone classica napoletana e le melodie italiane. "Ogni canzone è una stazione, ogni composizione un pretesto per esplorare le proprie passioni liriche e musicali. Arrivi e partenze rivelatrici di molteplici sentimenti, un tour attraverso tradizione e modernità".
 

15:55 27/08

di Redazione

Commenta

“Street Parade”, anche Radio Yacht protagonista con la sua Love Mobile

ZURIGO. Uno tsunami umano ha travolto la Street Parade di Zurigo, la festa di musica techno e house tra le più importanti al mondo, rendendola anche in questa edizione un grande successo. 1.200.000 persone arrivate da ogni parte del mondo hanno ballato al ritmo di musica nelle strade e nelle piazze della città tra grandi palchi e tir di oltre 30 metri conosciuti anche con il nome di LoMos. Una grande occasione di gioia e di libertà, un ritrovo che ha messo insieme curiosi, affezionati e cultori della musica. Grande successo ed entusiasmo per Radio Yacht e la sua Love Mobile, grazie anche all’impegno organizzativo della direzione svizzera che fa capo a Nico e Sonia Lodise. La partecipazione alla Street Parade è stata l’occasione per celebrare ufficialmente l’esordio di Radio Yacht in Svizzera avvenuto alcuni mesi fa. A selezionare musica per oltre 10 ore è stata Lunare Project. In consolle, accanto al founder Roberto Barone (nella foto) e a Lupo di Mare, si sono esibiti dj Sonidy (UK) e Kloè Braun (Ch), con l’attenta guida di Piero Martingano. Un momento di divertimento, tolleranza e libertà che ha saputo trasformarsi in una delle manifestazioni internazionali più importanti del periodo estivo europeo. Vissuto tra Love Mobile, palchi allestiti intorno al Lago e la parata che si snoda per 2,4 km. E ora, dopo l’esordio in Svizzera e il grande successo riscosso alla Street Parade, Radio Yacht, con i suoi tredici anni di storia e le sue tecnologie all’avanguardia, si prepara a mettere bandiere in Costa Azzurra, proseguendo così il suo progetto di internazionalizzazione.

15:51 24/08

di Redazione

Commenta

"Techetechetè" dedica la puntata a Massimo Ranieri

ROMA. Un cantante tra i più amati del panorama nazionale, Massimo Ranieri (nella foto) è il protagonista della puntata di "Techetechetè" in onda domani sabato 25 agosto alle 20.30 su Raiuno. Sullo schermo passeranno le immagini della sua ampia carriera di cantante e attore di cinema e teatro, dagli esordi ai giorni nostri. Non mancheranno i suoi successi: dalla vittoria al “Cantagiro” 1969 con "Rose Rosse" ai trionfi di “Canzonissima” nei primi anni Settanta con “Vent'anni” e “Erba di casa mia”, in ricordo della sua giovinezza, fino ad arrivare a Sanremo 1988 con l'indimenticata “Perdere l'amore”. Nel corso della puntata sarà possibile rivedere anche alcuni recenti programmi televisivi che Ranieri ha brillantemente condotto nell'insolita veste di presentatore e artista a tutto tondo.

14:05 24/08

di Redazione

Commenta

Addio all'attore napoletano Antonio Pennarella

NAPOLI. Un male incurabile è la causa dell'improvvisa scomparsa di Antonio Pennarella (nella foto), attore partenopeo di 58 anni. Protagonista sulle tavole del palcoscenico, successivamente è stato apprezzato in tv in serie come "Il maresciallo Rocca", "Capri", “Un posto al sole” e "La nuova Squadra". Spesso protagonista in pellicole in gara al festival di Venezia, ha recitato anche nel film "Il sindaco pescatore" dedicato ad Angelo Vassallo. Sui social tanti messaggi da parte dei colleghi e di gente comune. I funerali si terranno sabato 25 agosto alle ore 11 nella chiesa di Porta San Gennaro a Napoli.

11:17 24/08

di Redazione

Commenta

In tv torna la nuova serie de “Il castello delle cerimonie”

NAPOLI. Dopo il grande successo inatteso della prima stagione de “Il castello delle cerimonie”, “Real Time” conferma sulla sua pagina Facebook ufficiale l’imminente arrivo a settembre di una seconda stagione del docu-reality girato al “Grand Hotel La Sonrisa” di Sant’Antonio Abate. Padrona di casa sarà ovviamente Donna Imma (figlia dello scomparso Antonio Polese), suo marito Matteo e tutta l’allegra brigata composta da maitre di sala, camerieri, cuochi e personale di servizio. Quali novità riserverà ai telespettatori la seconda stagione?
“Real Time” ha già iniziato ad anticipare le date di messa in onda dei programmi tv più attesi del Canale 31, tra cui “Il castello delle cerimonie” che sarà trasmessa il 7 settembre alle ore 23.10. Un trailer pubblicato sulla pagina Facebook della rete, nel corso della prima si vedranno Donna Imma e suo marito Matteo litigare per colpa di alcune polpette di melanzana preparate dalla mamma di lei, la signora Rita.
A parte le “scaramucce” familiari si scoprirà se Antonio Jr, figlio di Imma e Matteo, ha deciso di continuare la sua carriera di artista musicale (dopo aver lanciato il singolo “Popolare”) o se ha messo la testa a posto e tornerà a studiare. Non mancheranno, chiaramente, le cerimonie: fra feste di matrimonio, quelli per i 18 anni ed eventi speciali: il pubblico da casa tornerà a divertirsi davanti al sano trash messo in piedi più o meno involontariamente da sposi, festeggiati e invitati. Grande attesa anche per la rubrica gastronomica della signora Rita, vedova di don Antonio Polese. Sul web, infatti, era stata la protagonista di una spiritosa rubrica in cui mostrava la preparazione delle specialità della cucina partenopea: una rubrica che giocava sul fatto che tutte le pietanze da lei realizzate fossero in realtà ipercaloriche. 

20:31 23/08

di Redazione

Commenta

Casting per 150 “zombie” da impiegare per Halloween

ROMA. Hai uno spirito da mostro? Pensi che se solo fossi nato dall’altra parte dell’oceano un posto da comparsa in “The Walking Dead” sarebbe stato tuo? Allora hai l’occasione di dimostrarlo, perché Rainbow MagicLand è pronto ad assumere fino a 150 zombie. Il 15 e 16 settembre il parco divertimenti più grande di Roma aprirà il “mostruoso casting” per ingaggiare i figuranti che interpreteranno zombie e mostri vari durante le festività di Halloween, nel mese più spaventoso dell’anno. Il Parco in vista dei festeggiamenti dedicati all'Halloween, selezionerà fino a 100 nuovi volti, tra persone comuni, animatori e attori, che verranno assunti con contratto di lavoro. I ruoli sono quelli di mostri, ma anche di zombie, creature che fanno spavento, personaggi delle tenebre, tutti pronti a inseguire e spaventare i temerari ospiti del parco che visiteranno le Horror Zone predisposte, a partire dal 13 ottobre. Dunque: “Hai spirito e movenze da zombie? Ti piace interpretare personaggi da paura per spaventare chiunque ad Halloween?” MagicLand sta cercando proprio te. Fra i requisiti richiesti agli aspiranti morti viventi: make-up originale, andatura lenta, capacità di proporre un personaggio e la sua storia arricchiscono sicuramente il corredo del perfetto zombie. Una volta selezionati gli spaventosi “addetti ai lavori” si trasformeranno in una vera e propria orda di creature spettrali pronta a seminare il panico nel parco. Per candidarsi al “terrificante” posto ci si iscriverà online sul sito http://magicland.it/casting. entro e non oltre il 9 di settembre. Poi, presso il Gran Teatro di Rainbow MagicLand, il 15 e 16 settembre inizierà il casting vero e proprio, con una giuria formata da esperti di horror che selezionerà i mostri più credibili e spaventosi. Allora, se la routine quotidiana vi uccide, questa è l’occasione che fa per voi!

19:41 21/08

di Redazione

Commenta

Gli 80 anni di Costanzo: «Un solo rammarico: non aver mai intervistato un Papa»

ROMA. «Sono uno che i bilanci li fa spesso e, mai come stavolta, è proprio il caso di dire quanto sono stato fortunato. Sono arrivato a questo traguardo in salute e facendo il lavoro che ho sempre sognato. Non amo festeggiare i compleanni, ma pensandoci un regalo lo vorrei: che Maria non smetta mai di volermi così bene». Così Maurizio Costanzo (nella foto) in un'intervista esclusiva con “Chi”, in occasione del suo 80° compleanno. Dei sessantadue anni di carriera dice: «Dicono che sono un uomo severo, ma in realtà lo sono stato più con me stesso. E che ho anche potere, ma in realtà chi lo è, è colui che ordina e comanda, e io non lo faccio. Credo di aver fatto bene, ma se devo riconoscere un fallimento è quando facevo l'impresario del teatro Parioli di Roma: potevo farlo meglio. Mentre da giornalista non mi pento di nulla, ho solo un rammarico: non aver mai intervistato un Papa». E riguardo alla famiglia: «Non so se sono stato un buon padre, dovrebbero dirlo loro, ma i miei tre figli sono tutti persone per bene e forse il merito è anche mio. I miei nipoti? Adoro il nostro rito della pizza: ogni 20 giorni vengono nel mio ufficio e mangiamo tutti insieme: adoro ascoltarli».

19:38 21/08

di Redazione

Commenta

Lutto nella musica d'autore, addio a Claudio Lolli

Lutto nel mondo della musica italiana. Dopo una lunga malattia, si è spento a 68 anni Claudio Lolli, uno dei simboli della canzone d'autore italiana. Cantautore, poeta e scrittore, nell'arco della sua trentennale carriera, Lolli ha saputo trattare svariati temi: dalla politica all'amicizia, dalla desolazione alle crisi sociali e culturali, il tutto creando un culto più o meno sotterraneo di appassionati e fan che lo hanno seguito con devozione. Dopo anni di silenzio, alla soglia dei settant'anni, aveva vinto nel 2017 la Targa Tenco nella categoria “Miglior disco dell'anno in assoluto” con l'album “Il grande freddo”, oggetto di un crowdfunding lanciato su internet.

21:37 17/08

di Redazione

Commenta

Addio ad Aretha Franklin, la regina del soul

DETROIT. Aretha Franklin (nella foto), la più grande cantante di tutti i tempi è morta oggi a 76 anni a casa sua a Detroit, dopo i gravi problemi di salute avuti negli ultimi mesi. La Franklin, passata alla storia come “regina del soul”, era una delle più celebri personalità della cultura popolare del Novecento. L'artista è stata un’icona dall’epica irripetibile, vincitrice di ben 21 Grammy, addirittura otto consecutivi, dal 1968 al 1975, sempre nella stessa categoria "Best Female R&B Vocal Performance", ribattezzata ai tempi "The Aretha Award". La Franklin è stata la prima donna ad entrare nella “Rock and Roll Hall of Fame". È stata un’habituè delle classifiche di “Rolling Stones” secondo la quale è autrice del miglior album femminile della storia della musica (“I Never Loved A Man The Way I Loved You”), e detentrice del primato come voce più bella di sempre. Una voce capace di trasformare in oro qualsiasi cosa sfiorasse. Tra i brani più famosi va ricordato sicuramente “Think”.

16:31 16/08

di Redazione

Commenta

“Bella Storia", in 8 mila per l’evento cult della scena indie italiana

Grande successo di pubblico per il Bella Storia-Social Music Festival, l’evento cult della scena indie italiana, ben 8 mila gli appassionati di buona musica che hanno partecipato con entusiasmo alla due giorni di festa tra venerdì 10 e sabato 11 agosto al Polo Fieristico di Venticano di Avellino.

Due giorni magnifici, non solo per l'offerta musicale ma anche per l'efficienza organizzativa che ha saputo tener testa al temporale avvenuto poche ore prima della giornata inaugurale del Festival.

L’ evento è nato dall’intuizione dei membri dell’associazione culturale Invasioni, mentre a curare la direzione artistica è stato Felice Caputo titolare del «Tilt – tattoo bar events», spazio socio-culturale di promozione musicale da tempo riferimento nazionale per gli amanti delle varie tipologie musicali che hanno impreziosito la due giorni del festival: indie, trap e alternative rap.

Un gruppo di otto organizzatori e una cinquantina di fedelissimi collaboratori dell’associazione hanno dato vita ad un festival innovativo, come ormai se ne vedono pochi in giro, ma soprattutto ad un'esperienza emozionale.

Skin tra le stelle assolute di questa grandiosa festa, grazie al suo dj set di 3 ore pieno di emozioni ed energia, e ricca di suggestione la performance di Willy Peyote che ha spettinato il pubblico con le rime e per le rime.

Mattatori della due giorni del Bella Storia sono stati i The Jackal autori di un irresistibile e apprezzatissimo fake live.

Le star indiscusse del web hanno fatto credere a tutto il pubblico che sul palco ci fosse il rapper Liberato, salvo poi scoprire che sulle note del pezzo "Nove Maggio" il testo era quello de "La Campagnola" del noto Gigione, e che il cantante “misterioso” era, in realtà, un ispiratissimo Ciro Priello.

Durante l'annuncio della performance di Liberato scene da panico, vero e proprio, sono state registrate al Festival: frotte di fan accalcate sotto al palco ad aspettare l’esibizione del rapper partenopeo dall’identità nascosta hanno reso memorabile la performance dei The Jackal.

Grandi emozioni hanno regalato agli amici del Festival anche Frah Quintale, Ghemon, Nitro, Nu Guinea, Savastano, Quentin40, Zulù, Frenetik e Orange e tutti gli altri artisti presenti.

“Una magnifica esperienza che ripeteremo- dichiarano gli organizzatori- l’esito della manifestazione è un’ampia risposta positiva all’ entusiasmo del pubblico che è tutta benzina nei nostri motori!

Il Festival è stato un fatto memorabile, frutto dell’assoluta condivisione con il pubblico che ha accolto alla grande questa gran festa. Non vediamo l'ora- concludono poi- che arrivi la prossima Bella Storia.”

 

Una maestosa festa ricca di emozioni e non solo

Bella Storia ha regalato al suo pubblico ben 30 ore di musica ininterrotta, all’interno di un’area backstage di notevole ampiezza, che ha fatto da collante tra artisti di culto e un pubblico appassionato.

Due i palchi dedicati alla prima edizione di questo evento che ha potuto contare anche su un’area food and drink con tre postazioni bar, una pizzeria, stand enogastronomici di qualità, intervallati da una relax zone in cui il pubblico ha potuto rilassarsi e godere dell’aria pulita dell’Irpinia.

La manifestazione musicale ha sfruttato al meglio anche la suggestiva notte di San Lorenzo, venerdì 10 agosto, grazie ai telescopi di ASTRO - Atripalda che messi gratuitamente a disposizione del pubblico hanno guidato gli amici del festival verso le stelle e l’immensità dell’universo.

Sana aggregazione socio-culturale e tanto divertimento hanno accompagnato il primo vero Social Music Festival italiano grazie alla sua una duplice accezione social.

Social, attraverso la sua comunicazione crossmediale, accattivante e coinvolgente e altrettanto social grazie alla creazione di un momento indimenticabile e di reale interazione: aggregazione e scambio fra persone giunte da ogni parte del paese.

La line up è stata frutto di una meticolosa ricerca, realizzata grazie allo studio delle ultime tendenze della musica pop, che ha spinto gli organizzatori verso una selezione accurata dei migliori artisti delle principali indie label discografiche italiane.

A supportare l’organizzazione è stata l’esperienza di vari soggetti: i founders del 35mm, fulcro della nightlife avellinese, dell’Ufficio K, agenzia che organizza e promuove eventi musicali da oltre 15 anni, del Dreamers Studio, società specializzata in event management consulting, che ha curato la comunicazione dell’evento, e dell’Irpinia street Mood, associazione impegnata nella valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche irpine in chiave street food a cui è stata affidata la gestione dell’area food & beverage.

BELLA STORIA «Social music festival» è stato patrocinato dal Comune di Venticano e è ha avuto come main sponsor Chime e come sponsor tecnici «Ceres» e «Red Bull» che hanno impreziosito il festival con tanti gadget.

 

Venticano, Location perfetta per il Festival

Il Polo Fieristico di Venticano, in provincia di Avellino ha ospitato la manifestazione durante la due giorni di festa e buona musica.

Frutto di un accurata selezione, la location è stata scelta grazie alla sua posizione geografica strategica, dotata di un’uscita autostradale dedicata, è posta al centro fra Campania, Molise, Puglia e Basilicata.

Uno spazio molto ampio che ha accolto le 8 mila persone giunte da varie parti del Paese e che ha reso Venticano meta turistica sfruttando cultura, musica e socialità, elementi mai utilizzati prima per favorire le strutture ricettive del territorio.

Territorio che ha incassato un notevole feed back in termini non solo sociali ma soprattutto economici.

17:03 13/08

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno