Martedì 25 Settembre 2018 - 0:20

Lezioni gratuite di surfskate al Festival dell'Oriente

NAPOLI. L'associazione sportiva Surf your city, leader nel surfskate, è presente al Festival dell'Oriente alla Mostra d'Oltremare nell'aera dedicata agli sport games. Un’occasione per scoprire e conoscere questa affascinante disciplina sempre piu in voga a Napoli che offre a chi la pratica divertimento assicurato ma che è soprattutto un allenamento funzionale per perfezionarsi nei giorni di mare piatto nella pratica del surf da onda. E tutto all'asciutto, su una rampa e su uno skate che consente manovre acrobatiche ma in tutta sicurezza. L’Asd Surf your city di Livio Annunziata darà lezioni gratuite e si esibirà con i suoi giovani allievi di fronte ai padiglioni 5 e 6 (ingresso da viale Kennedy).

18:26 14/09

di Redazione

Commenta

Note in Cammino, appuntamento all'insegna del trekking nelle zone del Provolone del Monaco Dop

Si conclude la stagione estiva di Note in Cammino con un evento all'insegna del trekking nelle zone del Provolone del Monaco Dop. Domenica 16 settembre è in programma un evento che vede gli appassionati delle passeggiate all'aria aperta cimentarsi in un percorso che va da Santa Maria del Castello fino a Monte Comune. "Occasioni come questa -spiega il direttore del Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop Vincenzo Peretti- servono ai partecipanti per fare conoscere da vicino le zone che danno origine ad un prodotto. Percorrere le stesse strade degli allevatori e dei casari e respirare i profumi che poi finiscono nel latte e nei formaggi. Natura, turismo e biodiversità a braccetto per tramandare gusto e tradizioni". Il percorso prevede una escursione da Santa Maria del castello, antichissimo borgo di Vico Equense, che segna oggi il confine tra la provincia di Napoli e quella di Salerno così come un tempo lo segnava tra i Ducati di Amalfi e Sorrento, raggiungeremo la cima del Monte Comune: 850 metri di altezza abbelliti da una rigogliosa macchia mediterranea. Si parte alle ore 15.30. Il gruppo attraverserà zone a bosco di castagno camminando a strapiombo sulla costa di Positano. Nel tratto finale c’è una full nella natura, con passaggi su roccia e attraversando macchia mediterranea e bosco. Il tutto con l’ausilio della guida dell'Aigae. L'arrivo è previsto dopo due ore di passeggiata. Sulla sommità del Monte Comune i partecipanti saranno accolti dal Trio Tarantae che eseguiranno il "Canto Migranti" oltre che da una degustazione di tarallucci, vino ed ovviamente dal formaggio principe della penisola sorrentina e dei Monti Lattari: il Provolone del Monaco Dop. "L'estate volge al termine -conclude il presidente del Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop Giosuè De Simone- ma le belle giornate proseguiranno a lungo. Ogni momento di festa deve essere colto al volo non solo per passare tempo in famiglia in luoghi incantevoli, ma anche per assaggiare le gustose tipicità del nostro territorio". Info e prenotazioni: noteincammino@gmail.com | 3313102009 Disponibilità posti limitata

16:45 14/09

di Redazione

Commenta

Vaccini, dibattito organizzato dalla Federico II

Venerdì 14 settembre, dalle ore 14 presso la Sala Idelson Gnocchi a Napoli, avrà luogo un nuovo appuntamento del corso “L’importanza della segnalazione delle reazioni avverse successive alla somministrazione dei vaccini”, organizzato dal Dipartimento di Sanità Pubblica della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, diretto dalla Prof.ssa Maria Triassi, e finanziato dall’UOD 08 – Politica del Farmaco e Dispositivi della Regione Campania, responsabile Dott. Ugo Trama. “Eventi avversi: come ottimizzare la sorveglianza” è il tema del terzo dei sei appuntamenti previsti per il corso, in programma fino a novembre 2018. 

Da oltre un secolo, i vaccini costituiscono la pietra miliare nella prevenzione della morbilità e mortalità di numerose malattie infettive. Tuttavia, nonostante sia stato raggiunto l’obiettivo dell’eradicazione di alcune patologie, negli ultimi anni, anche nel nostro paese, si stanno avvertendo gli effetti di un crescente e scellerato attacco contro le vaccinazioni, finalizzato a screditare questo importante strumento di prevenzione primaria a difesa di tutta la collettività. Al fine di contrastare tale fenomeno, vi è l’esigenza di mettere in atto specifici eventi formativi come il corso sull’importanza della segnalazione delle reazioni avverse successive alla somministrazione dei vaccini, che si rivolge prevalentemente ai professionisti operanti a vari livelli in ambito vaccinale. 

<<In seguito ai primi due incontri del corso, nei quali abbiamo affrontato le implicazioni medico-legali delle vaccinazioni e le strategia per il raggiungimento degli obiettivi del Piano Nazionale Vaccini, affrontiamo un tema molto sentito ovvero gli eventi avversi e come ottimizzarne la sorveglianza - afferma la Professoressa Triassi, responsabile del progetto e a capo del Comitato Scientifico -. Per affrontare questo tema così delicato interverrà il Dottor Flavio Quarantiello, in qualità di relatore, il Prof. Bruno Nobili come moderatore e la Dottoressa Anna Rita Citarella come Presidente. Il corso approfondirà la gestione delle emergenze nei servizi vaccinali, il BLS-D pediatrico, prevedendo anche esercitazione pratiche per i partecipanti>>.

L’incontro successivo, dei sei previsti fino a novembre, è datato 21 settembre e affronterà il counselling in ambito vaccinale, per una scelta consapevole e autonoma. I relatori saranno il Professor Massimo Valsecchi e la Professoressa Giovanna Zanoni, moderatore il Dottor Ciro Cozzolino, Presidente la Dottoressa Maria Luigia Trabucco.

<<Ci rivolgiamo ai responsabili del settore– continua la Professoressa Triassi – per migliorare la consapevolezza, in ambito teorico e pratico, degli operatori addetti alla pratica vaccinale, ma anche dei genitori, troppo spesso totalmente disinformati>>.

10:59 14/09

di Redazione

Commenta

“Positano Gourmet” al ristorante La Serra con gli stellati Tramontano e Gioia

Terzo appuntamento per la rassegna culinaria “Positano Gourmet, a cena con le stelle” al ristorante stellato Michelin “La Serra” dell’Hotel Le Agavi di Positano (via G. Marconi, 169 - www.leagavi.it - 089 81 19 80) con l’incontro di giovedì 13 settembre alle ore 20,30 tra l’executive chefLuigi Tramontano e lo chef Michelino Gioia de “Il Pellicano” di Porto Ercole.

Gli chef

Luigi Tramontano, chef originario della Campania formatosi all’Etoile Academy, ha collaborato con alcuni dei più apprezzati alberghi e ristoranti italiani, tra cui il De Russie di Roma ed il Grand Hotel Quisisana di Capri, ma anche il “Don Alfonso 1890”, 2 stelle Michelin di Sant’Agata sui due Golfi, che lo ha consacrato come uno dei massimi interpreti della cucina mediterranea. Grazie al suo tocco di Re Mida “Il Flauto di Pan” a Villa Cimbrone (Ravello) ha ottenuto la stella Michelin, e la “Terrazza Bosquet” del Grand Hotel Excelsior Vittoria di Sorrento – dove ha lavorato come Executive Chef – è stata inserita nella Guida Michelin. Dal 2017 è alla guida delle cucine dell’albergo Le Agavi, che domina l’intera baia di Positano.

Michelino Gioia, chef stellato, mette gli occhi sul mare, il giardino mediterraneo, le colline e gli ingredienti appena raccolti, con il consueto rispetto per l’abbondanza di ingredienti freschi che arrivano da terra e mare. I suoi menu al Ristorante Il Pellicano, si basano su tre pilastri: le ricette legate al territorio, le materie prime dei piccoli produttori locali e il rispetto della stagionalità. Lo Chef Gioia ha trascorso 13 anni al ristorante The Cesar de La Posta Vecchia, ed è famoso per la sua capacità di trasformare la tradizionale cucina italiana in un’esperienza contemporanea. É uno chef amato per la considerazione dei gusti dei suoi ospiti e dei loro interessi culinari, in grado di creare piatti ai quali non si smette di pensare anche una volta lasciato il tavolo.

 

La cena del 13 settembre

Aperitivo

-       Scampi, stracciatella di bufala, shiso e aria di lime (Chef Gioia)

-       Acciuga farcita di baccalà avvolto in lardo, elisir di pomodoro, cru di cacao e rucola (Chef Gioia)

-       Piccole tagliatelle di seppie con limone salato e gel di cetriolo e menta (Chef Tramontano)

-       Perla di aperol (Chef Tramontano)

Antipasto

Astice blu, pappa al pomodoro, ricotta, levistico e basilico (Chef Gioia)

Primo piatto:

Fettuccine di barbabietola, thè verde, cipollotto e ostriche “Marie Morgane” (Chef Tramontano)

Secondo piatto:

Rombo, con scarola farcita e salsa d’acciuga (Chef Gioia)

Dessert:

Ganache soffice al bergamotto, liquirizia “Amarelli” e gelato di capperi (Chef Tramontano)

 

Il ristorante

Aperto dal 1982 il ristorante “La Serra” gode di un terrazzo da cui è possibile ammirare tutta la splendida baia. La sala è dominata da cupole decorate con foglie dorate e pavimento in maiolica azzurra. I tavoli per l’esterno, particolarissimi, sono stati realizzati a mano su disegno, che si è ispirato a differenti tipologie di marmo, le tappezzerie ed il tovagliato sono realizzati ad hoc, sempre su disegno. Propone piatti tipici e specialità nazionali ed internazionali a pranzo, gourmet solo la sera. La cantina, curata da Nicoletta Gargiulo, con annessa champagneria guarda il mare e gode di una vista eccezionale. Nel novembre del 2017 ha ottenuto il prezioso riconoscimento della Stella nella Guida Michelin 2018.

La chiusura della rassegna “Positano Gourmet” sarà affidata allo chef Nino Di Costanzo, due stelle Michelin, lunedì 8 ottobre, del ristorante “Da Nì Maison” di Ischia.

Prenotazione obbligatoria: telefono: 089811890 | email: laserra@agavi.itremmese@agavi.it  | WhatsApp: +3933172 32960

14:56 13/09

di Redazione

Commenta

Al Bano: «Non canto più»

"Io il primo di gennaio mi fermo". Ad annunciare il suo addio alla musica è Al Bano che a 'Mattino Cinque' ha detto: "Dopo quelle due mazzate che mi sono capitate (un infarto e un'ischemia, ndr) ho capito che dovevo ragionare con me stesso e ho ragionato".

Il leone di Cellino San Marco sarebbe insomma pronto ad appendere il microfono al chiodo a fine dicembre, anche se poi aggiunge: "Il mio cantare era disumano. Adesso sono diventato umano nel cantare e non mi sta bene. Quando ritroverò quella disumanità nel cantare, positiva ovviamente, allora ritornerò". In ogni caso "sia ben chiaro: non me ne starò con le mani in mano", ha aggiunto subito dopo Al Bano.

21:13 12/09

di Redazione

Commenta

Al via i bandi FLAG Cilento Mare Blu

Efficienza energetica, qualità dei prodotti e molto altro. Alla base, l’idea di accrescere il valore aggiunto del binomio prodotto-territorio derivante dalle attività di pesca e dall'implementazione dei processi di diversificazione economica, attraverso la promozione e il consolidamento di attività legate alla fruizione delle risorse marine, ambientali e storico-antropologiche locali, generando, in tal modo, opportunità di lavoro.
 
 È su questo fil rouge che sono stati pubblicati oggi, mercoledì 12, i bandi “Flag Cilento Mare Blu”, il gruppo di azione locale per la pesca, sul sito del Gal (Gruppo azione locale) Cilento Regeneratio www.cilentoregeneratio.com, sezione “Bandi e Avvisi”. 

Si tratta, nello specifico, del Bando Misura 1.41 “Efficienza energetica e mitigazione dei cambiamenti climatici”, con una dotazione finanziaria complessiva di 50mila euro (salvo ulteriori disponibilità), che ha come finalità quella di mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici e migliorare l’efficienza energetica dei pescherecci, dedicata armatori e proprietari di proprietari di imbarcazioni da pesca. Ancora, la Misura 1.42 “Valore aggiunto, qualità dei prodotti e utilizzo delle catture indesiderate”, con una dotazione finanziaria pari ad 100mila euro  (salvo ulteriori disponibilità) ha come finalità quella di migliorare il valore aggiunto o la qualità del pesce catturato, ed è dedicata ad armatori e proprietari di imbarcazioni da pesca. Il “Flag Cilento Mare Blu” ha ottenuto l’approvazione della strategia da parte della Regione Campania.  

Il flag è un partenariato misto, con capofila il Gruppo di Azione Locale Cilento Regeneratio che coinvolge la parte pubblica - sei comuni: Agropoli, Casalvelino, Castellabate, Montecorice, San Mauro, Pollica - e la parte privata - come FareAmbiente, Federpesca Campania, Coldiretti Salerno Impresa Pesca, Assoittica, Confcooperative Campania Federcoopesca, Associazione pescatori Castellabate, Associazione Pesca Sportiva Dilettantistica Castellabate, Associazione U.n.c.i. Agroalimentare - al fine di mettere in atto una strategia di sviluppo del valore complessivo di 1 milione e settecentomila euro.

20:12 12/09

di Redazione

Commenta

“Kassandra”, a Villa San Michele il dramma della migrazione raccontato dai migranti

Sabato 15 settembre alle ore 20,00, si alzerà il sipario sullo spettacolo Kassandra (o del mondo come fine della rappresentazione), scritto dal pluripremiato drammaturgo tedesco Kevin Rittberger e diretto dalla regista napoletana Alessandra Cutolo. In scena la compagnia Women Crossing composta per la maggior parte da donne africane e in particolare da Patience Sare,Saer Diop, Silvia Gallerano, Jean Hilaire JuruJames OsaweComfort SamuelSimonetta Solder racconta il dramma della migrazione vissuto sulla propria pelle.

Sulle coste del sud d’Europa, infatti, ogni giorno si consuma una tragedia: i migranti provenienti dall'Africa, affamati e assetati dal lungo viaggio, in barche completamente sovraffollate, giungono nella speranza di iniziare una nuova vita dignitosa in Europa. Molti affrontano un’odissea lunga anche un anno per essere poi mandati di nuovo indietro. E nonostante tutto, sono fortunati perché sono ancora vivi. Nessuno sa quanti uomini senza nome sono partiti, senza lasciarsi scoraggiare dagli avvertimenti, e quanti moriranno nell’agonia della lunga traversata. Questo è ciò di cui tratta Kassandra o del mondo come fine della rappresentazione. Ma l’opera riguarda anche la difficoltà di rendere giustizia a questo argomento in qualità di cittadini europei. Come parlare di tutto questo? Cosa effettivamente ne sappiamo? E cosa vogliamo sapere? In questo gioco, Kevin Rittberger cerca risposte nel cambiare prospettive e forme narrative: c'è un Lehrstück brechtiano su un’umanità in viaggio, ci sono autentiche interviste e interrogatori romanzati, e c'è la storia di due giornalisti e un traduttore che spingono fino ai propri limiti nella loro lotta per trovare un "nuovo punto di osservazione.

 

“È un onore per noi terminare la stagione culturale di quest’anno con uno spettacolo così attuale e urgente, afferma Kristina Kappelin, soprintendente di Villa San Michele. Non possiamo chiudere gli occhi davanti a questo dramma umano che avviene ogni giorno nel Mediterraneo”.

Come sottolinea la regista Alessandra Cutolo: “Riteniamo che sia fondamentale far raccontare il viaggio attraverso il deserto e il mare da chi l’ha vissuto e da chi può rivelare cosa davvero significhi. Per noi è importante la testimonianza, ma soprattutto, come dice lo spettacolo,intonare un canto che possa intenerire i cuori dell’Europa, come solo le alghe, le conchiglie e i coralli tra l’Africa e l’Europa sapranno fare”.

La stagione di eventi, organizzata dalla Fondazione Axel Munthe, diretta dalla sovrintendente Kristina Kappelin, è realizzata con il patrocinio dell'Ambasciata di Svezia e con il contributo di Progetto Piano.

Per l'acquisto dei biglietti (prezzo spettacolo teatrale € 10,00; ridotto ragazzi e studenti € 5,00) basta recarsi alla biglietteria mezz'ora prima o, in prevendita, presso il bookshop del museo, tutti i giorni dalle 9 alle 18. Per chi viene da Napoli vi è la possibilità di rientro con l'ultima corsa marittima.

Per informazioni: tel. 081.8371401 www.villasanmichele.eu

19:38 12/09

di Redazione

Commenta

“Realiti sciò”, Emilio Fede mattatore con Enrico Lucci

ROMA. Ottima partenza per “Realiti sciò... siamo tutti protagonisti”, la nuova striscia quotidiana di Raidue trasmessa in prima serata. La prima puntata, andata in onda lunedì, ha totalizzato 1 milione e 536mila spettatori con il 6,3% di share (ottimo risultato contro la partita di calcio Portogallo-Italia su Raiuno e la prima puntata di “Presa diretta” su Raitre. Alla guida del programma troviamo l’ex “Iena” Enrico Lucci (nella foto con Emilio Fede) che irrompe nell’estate di personaggi più o meno noti e dà voce alle nuove ossessioni, dalla ricerca della bellezza ideale fino alla moda di raccontare, giorno per giorno, la gravidanza sui social. E cosa succede quando si perde la tanto agognata celebrità? Le prime tre puntate del format, quelle di lunedì, di ieri e di stasera, hanno per protagonisti Emilio Fede e Lele Mora: si è visto finora, e si vedrà stasera, la cerimonia di chiusura definitiva dell’epoca berlusconiana e l’aprirsi, tra Tweet e “Mi piace”, tutti sempre connessi, del grandioso e fulgido presente dell’Italia, dell’Europa e del mondo dei muscoli contemporanei. Filo conduttore delle sette puntate, il bisogno di mettersi in mostra perché, nel “Realiti sciò”, si è tutti protagonisti. Il format è una produzione Raidue-FremantleMedia con la regia di Umberto Alezio. «Nell’era delle dirette Facebook e delle Instagram Stories - ha dichiarato Enrico Lucci - al centro di uno spettacolo perennemente in diretta, tutti possono vivere le giornate come fossero celebrità, accrescendo ego e follower. In bilico tra realtà e finzione, anche la casalinga o l’impiegato vivono come in un reality show dove la luce rossa resta sempre accesa».

16:16 12/09

di Redazione

Commenta

Contest Pizza Dolce ideato dalla pizzeria Magma di Torre del Greco

E’ sempre pìù presente la pizza dolce nei menù delle pizzerie italiane. Quel disco di pasta tanto amato riesce a soddisfare ormai tutti i gusti fino ad offrire delle golose interpretazioni del dulcis in fundo. Del resto ne è un valido esempio la Pizza Crisommola di Franco Pepe, un grande successo arrivato a sorpresa, dedicata all’albicocca del Vesuvio presìdio Slow Food. Così come la Polacca di Gianfranco Iervolino che richiama il classico dolce aversano con crema pasticcera e amarene. Appare ancora timidamente nei menù, proposta per lo più sulla spinta della pancia e in maniera veloce, più che ragionata al fine di raggiungere una sua identità ben precisa. Da questa incertezza nasce l’idea del Contest Pizza Dolce ideato da Ciro Di Giovanni, patròn della pizzeria Magma delle piscine Sakura a Torre del Greco. Se riusciamo a offrire così tanto con le pizze salate, classiche o gourmet, dice Ciro, attingendo dall’ offerta straordinaria dei prodotti agroalimentari della nostra Campania, si può fare altrettanto con quelle dolci. E lancia la sfida seguendo l’idea del gioco e della condivisione, sicuro che arriveranno idee interessanti dai blogger coinvolti. Il contest parte la seconda settimana di settembre ed è forte il desiderio di farvi partecipare anche professionisti delle singole categorie: pasticcieri, chef, pizzaioli. In questo modo si otterranno diversi punti di vista sul tema e scambi di opinione sicuramente costruttivi. E chissà che non si arrivi poi a vedere sui banchi delle pasticcerie qualche pizza dolce. Tutto può accadere. Intanto in carta la pizzeria Magma ha la sua proposta dessert, la pizza San Giuseppe, fritta e morbidissima, con crema pasticcera, amarene sciroppate e menta fresca, gli ingredienti che ritroviamo sulla tradizionale zeppola tanto richiesta nel giorno della festività del santo. Ma il desiderio di introdurne altre è forte, anche perché la clientela sta rispondendo molto bene a questo tipo di sollecitazione e sarà interessante introdurre nuove proposte arrivate proprio dal contest. Gioco, idee, contaminazione, grandi prodotti agroalimentari, mescoliamo senza pregiudizi queste preziose risorse e vediamo cosa ne viene fuori.

I bloggers che hanno desiderio di partecipare possono inviare la loro ricetta di pizza dolce e foto adigiovanniciro@gmail.com

Tutte le ricette raccolte saranno pubblicate suwww.sakuraclubpiscina.ite non mancherà una premiazione delle migliori.

13:03 12/09

di Redazione

Commenta

Buffa e Papaleo per Mozart Box 2018

Tutto pronto per il Festival “Mozart Box” che, con un prestigioso albo d’oro, arriva al suo quattordicesimo anno di vita. Organizzato dal Comune di Portici, fortemente voluto e portato avanti nel tempo dal Sindaco di Portici Enzo Cuomo e dal vicesindaco Assessore alla Cultura Fernando Farroni, e curato nella direzione artistica da Stefano Valanzuolo, il festival, dal 19 al 28 settembre, proporrà formazioni inedite, straordinari concerti e spettacoli teatrali intreccio di prosa e musica, che troveranno nella Reggia di Portici e nel Porto Borbonico del Granatello, i loro meravigliosi palcoscenici.

In calendario anche spettacoli che arrivano in Campania per la prima volta: “Il rigore che non c’era” con Federico Buffa (Reggia di Portici, 23 settembre, ore 21.00) e Rocco Papaleo live (Reggia di Portici, 27 settembre, ore 21.00). Opening affidata al trombettista Roy Paci, in formazione inedita con Carmine Ioanna (fisarmonica) e Gianluca Brugnano (batteria) (Porto borbonico del Granatello, 19 settembre, ore 21.15). Il 22 settembre, alle 21.00, in programma, alla Reggia di Portici, il concerto di Peppe Barra, cui verrà consegnato il Premio Mozart Box per l’edizione 2018. A seguire, Valentina Vitolo (soprano) e Noemi Faggio (pianoforte) in concerto (Reggia di Portici, 24 settembre, ore 21.00); “Sottovoce. Omaggio a Raffaele Viviani” con Marina BrunoElisabetta D’AcunzoErnesto Lama e i musicisti Giuseppe di Capua (pianoforte), Emiliano Berti(contrabbasso),Pasquale Benincasa (percussioni), Gianfranco Campagnoli (strumenti a fiato)(Reggia di Portici, 25 settembre, ore 21.00).

Settembre si chiude con James Senese & Napoli Centrale in “Aspettanno ’o tiempo”(Reggia di Portici, 28 settembre, ore 21.00).

Mozart Box torna a dicembre, alla Reggia di Portici e al Museo di Pietrarsa, con i Pueri Cantores della Malibran, Enzo Salomone, Claudia Gerini & Solis String Quartet.

 

“La prima domanda potrebbe essere ‘Perché Mozart?’. Facile: perché non esiste, certamente, nella storia di Portici un visitatore più illustre di lui.Lui che nella primavera del 1770 illuminò i saloni della Reggia con la propria presenza e, forse, le volte della Cappella Reale con la propria musica – racconta il direttore artistico Stefano Valanzuolo –. È stato naturale, quattordici anni fa, intitolare dunque proprio a Mozart una manifestazione musicale, la prima, ambientata a Portici, quasi volendo eleggerlo a testimonial dell’iniziativa. Mozart come esempio illustre ed ante litteram di artista trasversale, capace di coniugare alfabeti e stili diversi con geniale, moderna e personalissima sintesi espressiva. MozArt Box insegue appunto, anche in questa quattordicesima edizione (ma sono molte di più, considerando le sessioni invernali del Festival, proposte tra il 2006 e il 2012), l’ambizione di mettere insieme, nell’imprescindibile segno della qualità, suggestioni differenti e stimolanti, ad onta di investimenti significativi ma, in assoluto, non certo faraonici. Teatro e musica, dunque, si toccano per scelta, così come si intersecano la dimensione locale, da sempre al centro della vocazione del Festival, con quella nazionale o internazionale, di più ampio respiro. Non si dimentichi che MozArt Box, negli anni, ha ospitato star del valore di Sylvano Bussotti, Roberto De Simone, Paolo Montarsolo, Nicola Piovani, Uto Ughi, Luis Bacalov, Fiorella Mannoia, Mimmo Cuticchio, Ramin Bahrami, Enrico Rava, Richard Galliano, Ludovico Einaudi, Gian Maria Testa, Eugenio Finardi, Sentieri Selvaggi, Bang on a Can, Enrico Pieranunzi, Fabrizio Gifuni, Brodsky Quartet, Sarah Jane Morris, Erri De Luca, gli archi dei Berliner Philharmoniker, Alessandro Carbonare, Stefano Bollani, Avion Travel, Steven Bernstein, Paolo Fresu e moltissimi altri: la storia, in questo caso, rappresenta un incentivo a fare meglio, sempre. La scelta degli spazi diventa fondamentale nell’ideazione di MozArt Box, poiché la rassegna nasce con l’intento di dare visibilità alle bellezze notevoli, eppure non sempre svelate a tutti, di Portici (dalla Reggia all’Orto Botanico, fino al Porto del Granatello e al Museo di Pietrarsa), creando un’ovvia efficace sinergia tra contenitore e contenuti. Anche per questo, alla striscia iniziale di eventi, concentrati a settembre in spazi all’aperto, seguirà un’appendice invernale, a dicembre, che prenderà forma tra gli affreschi della Sala Cinese del Palazzo Reale e il fascino d’archeologia industriale evocato dalle locomotive di Pietrarsa”.

11:55 12/09

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno