Domenica 16 Dicembre 2018 - 12:50

Una giornata "vulcanica": il Vesuvio e l'Etna si incontrano a Napoli

Storia e sapori di due terre, due vulcani, che si incontrano un giorno, a due passi dal mare. Ripercorrendo il "Viaggio a Napoli" di Goethe, all'interno del food-store Gran Gusto, in via Marina n°5, si potrà assaporare il connubio "Vesuvio e Etna" : mercoledì 26 (dalle ore 11 alle ore 18), va in scena una serata volta alla conoscenza di due culture, non solo un incontro vino-cibo, ma un'occasione per scoprire le storie e i protagonisti dell'eccellenza "made in Italy". Quella che si può assaporare ad ogni sorso di Nerello Mascalese e Cappuccio, di Carricante e Catarratto: tutte varietà di vitigni autoctoni dell'Etna, radicati nello storico vigneto dell'azienda Palmento Costanzo da oltre un secolo, saranno abbinate ai piatti tipici della gastronomia partenopea.

A raccontare la realtà etnea, la famiglia Costanzo: oltre dieci ettari vitati che si estendono fino a 800 metri di altitudine, botti Ovum - dalla particolare forma di "uovo" - di rovere francese, un'etichetta in polvere vulcanica e un processo di vinificazione a "caduta", che riprende i modus tradizionali della "terra nera". È questa la storia di una viticoltura eroica innovativa, dove ogni processo di lavorazione in vigna è biologica e manuale da tempi immemori.

Nei vigneti che risalgono il versante nord del vulcano più grande d'Europa, circostanti l'antico palmento, luogo originario per la vinificazione, c’è un tesoro raro e prezioso: viti pre fillossera. Lungo le sciare, si estende la parte più antica di questa vigna delle "meraviglie", con piante straordinarie per forma, dimensione, forza vitale. Si distinguono da quelle più giovani - che hanno fino a trent'anni di età - per la formazione del tronco, spesso evoluto in cerchi concentrici, spire e braccia contorte. Sono creature forgiate dal tempo, cariche di storia e allo stesso tempo tenaci e fruttifere. Sono a piede franco, sembrano fiere sculture della natura, in cui è ancora viva la memoria atavica di chi le piantò.

Un vero e proprio museo a cielo aperto, che Palmento Costanzo valorizza annata dopo annata per rendere omaggio alla storia della viticoltura etnea. La cucina partenopea e il servizio di Gran Gusto accompagnerà al meglio la serata. Info e prenotazioni 08119376800.

19:54 24/09

di Redazione

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)