Domenica 19 Novembre 2017 - 11:03

Luisa Castro vince il Premio Letterario Quaderni Ibero Americani

È Luisa Castro, direttrice dell’Istituto Cervantes di Napoli, la vincitrice della IV Edizione del Premio Letterario Quaderni Ibero Americani che si è svolto per la prima volta nella città partenopea il 17 giugno, in occasione delle celebrazioni per il 300esimo ‘compleanno’ di Carlo di Borbone (1716-1788), Re di Napoli e poi di Spagna, massimo simbolo del legame culturale tra i due popoli. Il premio speciale alla 'Cultura meridionale' è stato assegnato a Raffaele La Capria. Il premio d'onore per il dialogo tra la cultura italiana e quella spagnola è stato assegnato a Teatri  Uniti (direttore artistico Toni Servillo) ed è stato ritirato da Angelo Curti (presidente).

Il Premio, che vanta tra i giurati gli scrittori Bernardo AtxagaAlfredo Conde, Ramón Pernas, Marcos Giralt Torrente, Rossana Balduzzi Gastini e  Brad Epps, Direttore Dipartimento di Letteratura spagnola e portoghese - The Cambridge University-King’s College (UK), e Raffaele La Capria, è promosso dalla più antica e prestigiosa rivista di letteratura iberica (Quaderni Ibero Americani) e da Ámbito cultural del Corte Inglés, con il sostegno dell'Ufficio culturale della Ambasciata di Spagna in Italia, con il Patrocinio dell'Ente Provinciale per il Turismo di Napoli. La premiazione si è svolta nei Saloni del Reale Yacht Club Canottieri Savoia ed è stata coordinata dal critico Filippo La Porta.

Per due giorni la città partenopea ha ospitato una folta delegazione di scrittori, ispanisti e personalità della cultura delegati delle istituzioni diplomatiche presenti in Italia. Principale novità di questa edizione sono i 'Reportajes', memorie e racconti di viaggio, che scrittori presenti realizzeranno sulle giornate napoletane, che saranno pubblicati  sui Quaderni Ibero Americani e sul sito della rivista.

Il premio ha una frequenza annuale ed è destinato ad una delle voci più importanti e rappresentative del panorama letterario spagnolo. – spiega Patricia Martelli, Segretaria del Premio - Nelle ultime edizioni si è svolto a Roma e per noi è un onore che quest’anno in concomitanza con i 70 anni della nostra rivista, la cerimonia abbia luogo proprio a Napoli, città perno delle relazioni culturali tra la Spagna e l’Italia in un 2016 di celebrazioni in ricordo di un  monarca che ha lasciato il suo segno nella storia dell’umanità. Basti pensare alla Reggia di Caserta, al Teatro di San Carlo, dove la nostra delegazione si recherà per una visita privata.”

Tra le prossime iniziative anche una sezione dedicata ai napoletani all'estero, in particolare a tutti coloro che hanno vissuto in paesi di lingua spagnola e portoghese, che vogliano scrivere un racconto sul loro paese di origine.

Il premio ha come obiettivo implementare le relazioni tra l’Italia e i paesi di lingua iberica, contribuendo a incentivare la reciproca conoscenza tra le due culture.

I vincitori delle passate edizioni sono stati Alfredo Conde, Javier Reverte e Bernardo Atxaga.

La Rivista, crocevia dell’ispanismo italiano ed europeo, si avvale di una ‘rete’ formata da 45 Università nel mondo. Hanno scritto per QIA alcuni premi Nobel: Juan Ramón Jiménez, Camilo José Cela, Vicente Aleixandre, Pablo Neruda, Mario Vargas Llosa, Miguel Ángel Asturias, Gabriela Mistral. Tra le firme anche quelle di intellettuali spagnoli come Dámaso Alonso, Ramón Menéndez Pidal e Américo Castro, italiani come Benedetto Croce, Carmelo Samoná, Cesare Segre, Oreste Macrí e Margherita Morreale. Le sedi ufficiali della rivista sono presso la facoltà di Filologia dell’Università di Salamanca, Catholic University of America di Washington, The Cambridge University, King’s College (UK) e Università Roma Tre.

LA PREMIATA - Luisa Castro, galiziana, scrittrice e poetessa, ha vinto numerosi premi prestigiosi tra i quali il Premio Azorín, il Premio Torrente Ballester, Premio Hiperion, Premio Rey Juan Carlos de Poesía, Premio Puro Cora per il giornalismo e il Premio Biblioteca Breve con il romanzo “La segunda mujer”, pubblicato in Italia con il titolo “La seconda moglie” (Cavallo di Ferro).

Ha scritto per importanti testate tra le quali ABC, El País, El Mundo, La Voz de Galicia. E' direttrice dal 2012 dell'Istituto Cervantes di Napoli, istituzione creata dallo Stato spagnolo nel 1991 con l'obiettivo di promuovere l'insegnamento della lingua e diffondere la cultura spagnola ed ispano americana, partecipare allo sviluppo degli scambi culturali in tutto il mondo. Ha sede a Madrid ed a Alcalá de Henares città natale dello scrittore Miguel de Cervantes. E’ presente in 70 città di 40 paesi nei quattro continenti.

16:34 20/06

di Redazione

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ: ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
TECNOLOGIA&INNOVAZIONE
di Michela Raiola
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica