Sabato 23 Giugno 2018 - 0:51

A Torre del Greco c'è RHGallery 2018, un concorso di... idee

TORRE DEL GRECO. RussoHome Gallery presenta la seconda edizione di RHGallery 2018, concorso di idee: "Vesti il tuo divano", giovedì 21 giugno ore 18:30, presso lo showroom di Torre del Greco, via Alcide de Gasperi 53. Il concorso, a cui parteciperanno eccellenti designer campani, si divide in due sezioni: disegnare un tessuto e creare uno o più complementi d'arredo che integri con i divani della collezione brand MISURAEMME. Sono tre i modelli a cui i partecipanti devono ispirarsi per la realizzazione del tessuto.L'architetto puó scegliere di partecipare anche solo ad una delle due sezioni, in quanto per ognuna è previsto un premio. La creatività del designer sarà visionata sia da una giuria tecnica che popolare. A tal proposito, il brand MISURAEMME ha messo a disposizione tre divani nudi da rivestire. Saranno esposti tutti i progetti inviati e premiati i migliori per ogni categoria. L'evento sarà accompagnato da musica dal vivo e sundowner. I talentuosi designer campani che parteciperanno sono: Angelo Ferrucci, Alfonso Vitale, Marco Stradolini, Andrea Arpenti, Grazia Torre, Loredana Bilancione, Eduardo Cappelli, Barbara Visconti,  Antonella Venezia, Tina Conforti,  Francesco Zirollo, Ilaria Spagnuolo, Silvia Forese, Diana Melotti, Giuseppe Ventrella, Simone Fersino, Maria del Prato, Marco Tatafiore, Raffaele Calvino,  Paolo Basco, Marcello Panza, Roberto Cappelli, Francesco Scardaccione, Mario Criscitiello,  Francesca Faraone, Ciro Messere, Simona Barretta,  Federica Ferrara, Serena Carella, Vittoria Arpenti, Roberta Esposito, Francesco Scivicco,  Passaro,  Guadagno, Marco di Gennaro, Luigi Guidi, Livio, Boddi,  Brovero, Moscarelli, Luca Picardi, Paolo De Martino, Bruno Cimmino, Flavio di Fiore, Stefano De Gennaro, Fabio Pianese, Ettore Ambrosio, Davide Buccione, Pirozzi, Maria Fulvia Ristori,  Pippo, Maria Grazia Pirozzi, Antonio Capone, Antonio Pelella,  Fabrizia Costa Cimino e Paola Margherita artista. La giuria tecnica è composta da: Andrea Jandoli (Presidente ADI), Aldo Imer (Vice- Presidente Ordine Architetti di Napoli), Salvatore Cozzolino (Professore Università della Campania), Giuseppe Corvino, rappresentante RussoHome. Il concorso di idee: "Vesti il tuo divano" è patrocinato da ADI, associazione per il Disegno Industriale e da ARKEDA, mostra- convegno dell'architettura. Partner dell'evento: MISURAEMME e CAPRIHOME.

19:54 20/06

di Redazione

Commenta

White Ice Summer, i “Tre coni" a Palazzo Caracciolo

NAPOLI. Grande attesa a Palazzo Caracciolo dove per giovedì 21 giugno, a partire dalle ore 20.00, con i titoli “ Festa del solstizio d’estate” e “ White Ice Summer- Special Edition” il Gambero Rosso, porterà per la prima volta a Napoli  i maestri del “brivido” premiati con i “Tre Coni” della celebre guida. Così, accolta dalla magica atmosfera dello storico edificio di via Carbonara 112, oggi trasformato in un lussuoso Hotel- Napoli MGallery by Sofitel, la sesta edizione di “White Ice Summer”, per quest’anno si presenterà in una versione speciale per celebrare per la prima volta  in città i maestri gelatieri premiati con i “Tre Coni” sulla guida Gelaterie d’Italia 2018 del Gambero Rosso. Gli stessi che come artigiani, più di tutti, si sono distinti nel panorama italiano del gelato artigianale ottenendo il massimo punteggio della guida. Per i partecipanti, accolti, tra gli altri, dalla general manager di Gambero Rosso - Città del Gusto Napoli, Serena Maggiulli,  la possibilità di partecipare ad un percorso  di degustazione con i gelati artigianali di qualità divisi tra le rivisitazioni ed i grandi classici. Tra le novità che si potranno assaggiare: il gusto caffè al cubo, caffè degli artigiani, crema libanese e poi fichi, alloro e mandorle, finocchietto in salsa di visciole, orzo con datteri marinati al marsala e crumble alla liquirizia, fino a giungere al pistacchio lucano salato ed al gelato ai sapori di Sorrento. Tra i partecipanti si prevede l'arrivo di Alberto Marchetti e Marco Serra dal Piemonte, Candida Pelizzoli dalla Lombardia, Antonio Mezzalira dal Veneto, Stefano Guizzetti dall’Emilia Romagna, Paolo Brunelli dalle Marche, Alberto Manassei, Dario Benelli, Dario Rossi e Veronica Fedele dal Lazio, Raffaele Del Verme e Raffaele Cuomo dalla Campania ed Emilio Panzardi dalla Basilicata. Il premio “Tre Coni” è assegnato in virtù di una serie di valutazioni sensoriali e tecniche a tutti quei maestri che si dedicano alla produzione d’eccellenza: dalle materie prime alle tecniche di lavorazione alle nuove frontiere in fatto di gusti. Il tutto per un gelato che si sta attestando come complice e co-primario di esperienze gastronomiche a 360 gradi. La serata sarà caratterizzata dalle ambientazioni create dalla performer Hilde Soliani, artista dell'Olfatto e del Gusto, dalle dolcezze del Maestro Pasticcere Salvatore Gabbiano di Pompei, dai formaggi freschi e morbidi, selezionati da Paolo Amato per l’occasione, dell’Azienda casearia Aurora e da  una selezione di grandi etichette italiane scelte dal Gambero Rosso con Cantine San Marzano. Infine, l’evento, sarà accompagnato dalle atmosfere musicali lunari create ad hoc dal Dj set internazionale di Lunare Project, con special guest in consolle Roberto Barone.

18:30 20/06

di Giuseppe Giorgio

Commenta

“Territori da Gustare”, 60 artigiani del food and wine insieme per i bambini autistici

Un giro d’Italia del gusto per finanziare dei corsi di panificazione rivolti ai bambini autistici assistiti dalla Fondazione Istituto Antoniano di Ercolano. Sarà questa la finalità benefica della seconda edizione di Territori da Gustare, in programma lunedì 25 giugno dalle ore 20,00 presso la Masseria Guida di Ercolano, la struttura alle falde del Vesuvio di proprietà dei fratelli Giorgio, Tommaso, Francesco e Maria Guida da sempre sensibili alle tematiche sociali.

Pay-off dell’evento, organizzato dall’Associazione Radici in collaborazione con Laura Gambacorta e Fabio Oppo, è “il divertimento che fa bene”. Circa 60 gli artigiani del food and wine che hanno accettato con entusiasmo l’invito a partecipare proponendo piatti e specialità di tutte le regioni d’Italia.

A tenere i corsi di panificazione, a titolo del tutto gratuito, sarà il maestro Domenico Filosa di San Sebastiano al Vesuvio. L’importo raccolto durante la serata servirà per coprire i costi degli assistenti dei bambini.

Il ticket per partecipare all'evento è di euro 25 e dà diritto a 7 assaggi e include il calice da degustazione con relativa tasca portacalice.

15:57 20/06

di Redazione

Commenta

Mulino Caputo festeggia il Capodanno del Mugnaio 2018

E’ sempre più spumeggiante il Capodanno del Mugnaio celebrato dal Mulino Caputo. Anno dopo anno, la festa in campo diventa più partecipata, in perfetta sintonia con la tradizione contadina, che fa di questo momento un passaggio fondamentale dell’anno agrario. L’atmosfera è bucolica e gioiosa e l’intervento dei protagonisti legati alla lavorazione del grano è corale ed entusiasta.

L’appuntamento, quest’anno, è fissato per lunedì 25 giugno, (presso l’azienda D’Amore, a Frignano, in provincia di Caserta) a partire dalle 17.00, quando l’Ad dell’azienda, Antimo Caputo, firmerà il contratto di filiera per il prossimo anno: si tratta di un patto tra i contadini, attraverso la Green Farm diMichele Mennino, azienda campana specializzata nell’assistenza agli agricoltori, e il Mulino Caputo.

La stipula del contratto rende la coltivazione del grano sicura e controllata. Da anni, la gestione del “Campo Caputo” in Campania è animata da una condivisione di valori e visioni con la Green Farm che riguarda l’intera filiera: dalla selezione della varietà da coltivare, in funzione delle peculiarità climatiche e del suolo, alla semina  fino al raccolto e allo stoccaggio dei grani.

Un costante supporto tecnico alla filiera è offerto dal lavoro di un team di agronomi che curano la selezione e l’utilizzo di grani delle migliori varietà che, unite alle caratteristiche e alla gestione del territorio, consentono di ottenere un frumento di panificabilità superiore, con delle specifiche caratteristiche di forza, estensibilità, tenuta e sapore.

I campi Caputo, che il prossimo anno raggiungeranno i 3000 ettari di coltivazione, sono dedicati alle colture di grano tenero GRANO NOSTRUM.

Lunedì 25, dopo il rinnovo del  patto di filiera, si procederà con la mietitura e, infine, ci sarà una grande festa celebrativa e benaugurante, con la condivisione di un menu contadino, l’accensione di tre forni e la preparazione delle pizze da parte di alcuni dei più bravi maestri campani, tra cui: Gino SorbilloDavide CivitielloPasqualino Rossi e Teresa Iorio. Alla fine, come si conviene a una vera festa, ci saranno il brindisi e il taglio della torta, preparata per l’occasione dal maestro pasticcere di Pompei,Salvatore Gabbiano. Quest’anno, le celebrazioni della mietitura saranno accompagnate dalla musica de I Bottari della Cantica Popolare.

“Continuiamo nel progetto della tracciabilità perché è sempre più importante monitorare l’intero iter produttivo” ha dichiarato l’Ad dell’opificio, Antimo Caputo “un percorso ampiamente consolidato che ha portato, in questi anni, il Mulino Caputo, prima azienda al Sud, a sottoscrivere un vero e proprio contratto di filiera: dal grano fino al completamento dell’intero processo di trasformazione”.

 “Una delle nostre priorità è il rispetto della tradizione, nell’ambito della quale applichiamo tutte le innovazioni che ci consentono di garantire al consumatore prodotti di altissima qualità” ha sottolineato Caputo “La nostra solida esperienza, unita alla gestione del Campo Caputo, ci consente di avere un’antenna sul raccolto durante tutto l’anno, fino alla mietitura”.

In questo modo Mulino Caputo riesce ad assicurare ai consumatori e agli artigiani la genuinità del grano utilizzato e l’eccelsa qualità dei prodotti impiegati attraverso una filiera controllata.

Del resto, ricerca delle materie prime di qualità e tutela delle tecniche di lavorazione tradizionali sono le linee guida di questa azienda, giunta alla terza generazione di mugnai.

 
 
 

15:51 20/06

di Redazione

Commenta

Lego Tour in piazza Municipio

NAPOLI. Arriva a Napoli il coloratissimo e divertentissimo LEGO® Tour 2018 che, dopo il debutto a Torino nelle settimane a seguire toccherà anche Cattolica e Pisa.  Domenica 24 giugno dalle 11.00 alle 20.00 presso Piazza del Municipio LEGO Italia, con la collaborazione del Comune di Napoli, Assessorato ai giovani e politiche giovanili creatività e innovazione, nell’ambito della rassegna comunale Giugno Giovani 2018, farà divertire grandi e piccini con favolosi giochi pensati per tutte le età. Uno spazio di 250 mq sarà suddiviso in quattro aree dedicate ai più piccoli con i mattoncini LEGO Duplo, agli esploratori dei ghiacci con le nuove proposte LEGO City, alle ragazze che adorano le amiche di LEGO Friends e ai super Ninja che si vogliono mettersi alla prova con LEGO Ninjago.
 
 

15:32 20/06

di Redazione

Commenta

Daniela Cicatiello e i suoi souvenir

NAPOLI. C'è il profilo sinuoso del Vesuvio, che poderoso si staglia su una densa coltre di nuvole grigie. C'è la sagoma in controluce di Capri, che galleggia tra cielo e mare, in un'atmosfera sospesa che annuncia imminente tempesta. Ma nelle opere di “Souvenir, cartoline di piombo”, l'ultimo lavoro della napoletana Daniela Cicatiello, in mostra da questa sera alle 19 e fino al prossimo 15 luglio nella sede dell'associazione culturale Almao in via Posillipo, il panorama del Golfo trasfigura, si spoglia di ogni connotato “tradizionale” per diventare paesaggio emotivo, evanescente come un ricordo lontano e intenso come un sogno. E greve come il piombo, materiale sul quale l'artista ha graffiato, inciso, modellato i suoi paesaggi. «Le cartoline, così come i souvenir – spiega Daniela Cicatiello – sono da sempre oggetti leggeri, che riportano a tempi vacanzieri con immagini di luoghi assolati e ricordini un po’ kitsch. Ma le cartoline di piombo con il loro significato intrinseco, insieme alle luci e ombre ricavate dalla manipolazione a oltranza del piombo, in qualche modo riportano alla bellezza di un temporale». Il metallo, del resto, al pari del legno è da sempre materiale prediletto per la scultrice, formatasi al Chelsea college of Art & Design a Londra con indirizzo Public and Mural Art. «Sono partita dal segno astratto – racconta – tagliando col seghetto alternativo le mie forme nel ferro e “ricamando” il legno per poi coprirlo con vernici o colori metallici in polvere. Le mie opere sono quasi sempre state delle installazioni a parete». Senza abbandonare la passione per i materiali pesanti, su tutti «l'amato ferro e la sua ruggine», con “Souvenir” Daniela Cicatiello procede lungo il percorso che negli ultimi anni l'ha vista avvicinarsi sempre più alla figurazione, prima «utilizzando le lastre arrugginite come base e sfondo di delicati disegni floreali eseguiti con pastelli a olio colorati» e adesso con le “cartoline”, nelle quali, racconta l'artista, «paesaggi di isole e promontori sono disegnati su fogli di piombo con matite a carbone e pastelli a olio neri o riprodotti con pasta di soia colorata». Un paesaggio che è al tempo stesso reale e ideale, nel quale prende forma e si riflette l'anima inquieta, eclettica dell'artista napoletana. «Il contrasto tra il materiale e quello che raffigura – spiega infatti – mi rappresenta. I miei souvenir sono giganteschi e le mie cartoline sono pesanti. Il peso del materiale ha da sempre avuto una grande attrattiva su di me insieme al suo aspetto. È lui che mi guida nelle mie creazioni e che oggi mi spinge ad alleggerirlo con tratti accennati e colori senza sfumature».

15:27 20/06

di Redazione

Commenta

Dema, un melitese nel coordinamento nazionale

L’assemblea del movimento arancione celebrata nel pomeriggio di lunedì 18 presso la “Domus Ars”, nel cuore del centro storico di Napoli,  ha segnato importanti passi avanti nell’inquadramento della dirigenza politica del movimento.

Tante le riconferme, molti i nomi nuovi, tra cui anche quello di Renato Rinaldi che, già selezionato come “uditore” nel precedente congresso, entra ufficialmente nel coordinamento nazionale della compagine.

Appena ventitreenne, Rinaldi è stato eletto soltanto un anno fa alla carica di consigliere comunale nel comune di Melito di Napoli, cittadina dell’area nord del napoletano, dove siede tra i banchi dell’opposizione.

Proveniente dal mondo dell’associazionismo, si è candidato per la prima volta come capolista della lista recante il simbolo del neonato movimento creato dal sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, risultando il più votato e così rientrando di diritto tra i consiglieri comunali più giovani di tutta la regione Campania.

In questi anni la sua attività politica è stata in particolar modo contrassegnata da un notevole impegno per la riqualificazione e il riutilizzo sociale dei beni confiscati alla camorra ed altrettante numerose iniziative in tema di trasparenza dell’attività degli enti pubblici.

 

13:16 20/06

di Redazione

Commenta

Melito inondata di poesie: al via manifestazione dei Dreamers

“Verso la strada, la poesia fuori dai libri”: prende il via la nuova iniziativa promossa dall’Associazione The Dreamers.

Melito di Napoli è stata improvvisamente inondata di poesie. Moltissime le vetrine dei negozi sulle quali sono stati affissi i testi scritti da decine di poeti italiani contemporanei, numero destinato a crescere a dismisura nei prossimi giorni.

Promosso dall’associazione socio-culturale The Dreamers, il progetto punta a favorire incontri fatali con la poesia coinvolgendo i cittadini immersi nella loro quotidianità. Dal fruttivendolo al panettiere, passando per i bar, sino alle case popolari: nessun luogo è stato escluso.

“Il nostro obiettivo – ha dichiarato il responsabile del progetto, Francesco Russo – è quello di “colorare” e rendere più gradevoli le vie della nostra città. Abbiamo, inoltre, deliberatamente scelto di presentare i testi senza l’indicazione del nome dell’autore. Si tratta senza dubbio della peculiarità assoluta di questa iniziativa, nonché di un espediente attraverso cui incuriosire il lettore. L’unico modo per poter risalire al nome dell’autore infatti, è attraverso la scansione di un “QRCODE” posto a margine delle poesie, il quale conduce automaticamente ad una pagina internet che fornisce alcune informazioni sugli autori”.

 

13:13 20/06

di Redazione

Commenta

Il "Verace" Vincenzo Di Fiore fa bis ad Acerra e crea l'arancino Pulcinella

Un arancino dedicato a Pulcinella dal maestro pizzaiolo Vincenzo Di Fiore per celebrare l’ottenimento in tempi record della tabella esterna n° 736 dell’Associazione Verace Pizza Napoletana, consegnatagli dal presidente Antonio Pace, ad appena pochi giorni dall’inaugurazione della propria seconda pizzeria ad Acerra nel centralissimo Corso Italia.

A rendere speciale questo nuovo arancino dedicato alla celebre maschera partenopea, i cui natali si fanno risalire proprio ad Acerra, sono i rinomati fagioli cannellini locali denominati “dente di morto” per il loro colore bianco opaco che vanno a sposarsi con provola e pomodorini gialli.

Vincenzo Di Fiore può contare ora su spazi maggiori grazie a 150 coperti interni ed altrettanti esterni. Il locale di Corso Italia, ristrutturato dall'architetto Mario Dello Stritto, va ad aggiungersi alla pizzeria "Bella Napoli" con cui Di Fiore ha conquistato i 2 spicchi del Gambero Rosso.

 

Vincenzo Di Fiore

L’attività di Di Fiore come pizzaiolo-patron inizia nel 2009 con la prima sede della pizzeria Bella Napoli in via Muro di Piombo che nel 2014 viene spostata nei locali più spaziosi di via Ludovico Ariosto. Qui la leggerezza dell’impasto e l’importante opera di valorizzazione delle eccellenze acerrane e campane vengono notate dal Gambero Rosso che proprio nel 2014 lo inserisce nella Guida alle pizzerie d’Italia e dal 2016 gli riconosce i 2 spicchi. Nel dicembre 2016, vincendo il sondaggio organizzato da Mysocialrecipe, Vincenzo Di Fiore diventa il primo “pizzaiolo-pastore” a conquistare un posto sul prestigioso presepe di Ferrigno a San Gregorio Armeno. 

 

Pizzeria Vincenzo Di Fiore

Corso Italia, 28

Acerra (Na)

Tel. 081 3198112

Aperto tutti i giorni a pranzo e a cena (chiuso solo la domenica a pranzo)

11:44 20/06

di Redazione

Commenta

Oncologia e genomica, Napoli all’avanguardia: le innovazioni tecnologiche attirano pazienti da tutta Italia

Innovazione tecnologica nella diagnosi e innovazione tecnologica e genomica nella patologia di genere. Sono questi i temi al centro del congresso promosso dal CMO che si svolgerà sabato 23 giugno presso l’Aula Magna del Centro congressi dell’Università Federico II (via Partenope).

Ad un uomo su sei nell’arco della propria vita viene diagnosticata una neoplasia prostatica, mentre nell’ambito della patologia mammaria, ad esempio, è stato stimato che almeno il 7% delle neoplasia sia su base eredofamiliare. Una fetta consistente di tumori ha dunque una forte e spesso prevalente base ereditaria. Questa considerazione ha condotto i ricercatori che operano nel campo dell’oncologia a variare negli ultimi decenni l’approccio alla patologia neoplastica; alla mera finalità curativa e preventiva tradizionale (individuazione della malattia in fase pre-clinica) si sono infatti affiancate le notevoli capacità della Genomica nel campo della stratificazione dei pazienti (identificazione di fattori di rischio, creazione di programmi di screening “personalizzati”) e delle terapie mirate (terapia genomica, selezione del trattamento in base al profilo genetico/genomico). Tali capacità si traducono in diagnosi precoce e migliore terapia. Ed è questo l’obiettivo del convegno che si aprirà con i saluti del presidente della scuola di medicina dell’Università Federico II Luigi Califano, e con la lettura magistrale di Annamaria Colao, coordinatore scientifico del simposio, sul futuro della ricerca biomedica.

Tanti gli esperti che saranno presenti al convegno durante il quale saranno trattate le applicazioni della genomica nelle neoplasia del sistema nervoso centrale, della tiroide ed endocrine in generale. Si farà anche ampio riferimento a quanto gli avanzamenti diagnostici, specie nel campo dell’imaging di Risonanza Magnetica del Sistema Nervoso Centrale e della Medicina Nucleare abbiano migliorato le performance diagnostiche di queste forme tumorali. Nella sessione pomeridiana si tratterà invece di innovazione tecnologica e genomica nella patologia “di genere”, focalizzando l’attenzione sui due grandi topic della patologia neoplastica femminile e maschile, mammella e prostata.

Annamaria Colao, endocrinologo tra i quindici scienziati italiani più accreditati al mondo, l’endocrino chirurgo Stefano Spiezia, l’oncologo Antongiulio Faggiano, Sabino De Placido, il genetista molecolare Chiappetta l’urologo Mirone e l’oncologo Rigatti, il medico noto anche per aver  operato Berlusconi, sono solo alcuni dei nomi che interverranno al simposio organizzato da Imma Riccardelli e promosso dal CMO diretto da Luigi e Francesco Marulo.

Un laboratorio di genomica all’avanguardia consente al CMO di Torre Annunziata di fare moltissimi test oncologici che sono indicativi per la terapia del paziente ma soprattutto per l’approccio chirurgico, fondamentale per sapere se il paziente è affetto da mutazione genetica ed è stato anche elaborato un kit per far fare il prelievo direttamente dal chirurgo di fiducia e quindi avere il campione anche da un’altra città o regione perché con questi kit è possibile controllare in ogni momento il percorso compiuto dal campione raccolto che dunque è costantemente monitorato. Due kit, uno blu per i tessuti (colon, polmone, tiroide e ovaio) e uno rosso dedicato esclusivamente alla mammella. Al CMO non sono previste liste di attesa e infatti molti pazienti scelgono questa struttura da tutta Italia, in particolar modo da tutto il Sud e dal Lazio. Il laboratorio di anatomia patologica è all’avanguardia per tutti i test di genomica oncologica, ma anche per la farmacologia e altre patologie. La medicina nucleare consente di fare numerosi test per la neurologia, ma anche in questo settore si riscontrano eccellenze come i test realizzati con il rame. Poche sono le strutture in Italia che hanno la possibilità di utilizzare questo radio farmaco che ha requisiti particolarmente vantaggiosi in quanto viene smaltito velocemente e rende immagini molto nitide. Per quanto riguarda la prostata il laboratorio è all’avanguardia proprio per la capacità tecnologica di fare la PET con rame e la multiparametrica e quindi molti pazienti arrivano anche dal Nord Italia. “L’elevato standard tecnologico nel campo della genomica in oncologia e il monitoraggio costante consente dunque di invertire in molti casi la tendenza ad andare fuori regione e anzi attira molti pazienti in Campania”, spiega Imma Ricciardelli, responsabile della segreteria scientifica del congresso.

11:14 20/06

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli