Domenica 24 Settembre 2017 - 12:26

Opificio 01, architettura e design

FRATTAMAGGIORE. È con un aperitivo dedicato all’architettura e al design che prende il via l’avventura di “Opificio 01”. Alle ore 19 di domani (venerdì 22 settembre) gli architetti Angela De Rosa e Rosanna Salvato (entrambe nella foto) apriranno il nuovo spazio a Frattamaggiore, in via XXXI Maggio 119. Uno studio-laboratorio dove sarà possibile trovare anche i progetti di “Ricreando”, la linea di oggetti di design e allestimenti ecosostenibili realizzati con materiali di riciclo che ha imposto le due designer all’attenzione di pubblico e addetti ai lavori. Come dare una risposta alternativa al problema dei rifiuti, dando nuova vita agli scarti destinati alle discariche attraverso manualità e creatività. Ma “Opificio 01” vuole essere soprattutto uno spazio aperto di confronto e ricerca. Uno luogo vivo, in cui possano trovare posto arte e creatività. Una zona del laboratorio è, infatti, dedicata alle esposizioni e pronta ad accogliere i lavori di altri professionisti. Fotografia, design, grafica. E altre forme di espressione artistica. Perché la creatività non ha limiti e dall’incontro e dal confronto nascono i progetti migliori. A questa idea ha già risposto l’architetto Mario Rea, che sarà presente con il suo marchio Marea Design. «“Opificio O1” - spiegano Angela e Rosanna - vuole essere uno spazio aperto a tutti. Architetti, artisti, designer. Questo è solo il primo di una serie di appuntamenti ed eventi culturali».

15:17 21/09

di Redazione

Commenta

Addio a Fulvio Marzocchella, talentuoso musicista del panorama partenopeo

NAPOLI. Aveva 70 anni Fulvio Marzocchella (nella foto con Peppino di Capri), talentuoso musicista, batterista, cantante ed innovatore nel mondo dello spettacolo. I funerali si terranno domani alle ore 11.30 nella chiesa di Santa Maria dell'Aiuto a San Giorgio a Cremano. L'artista, spesso protagonista di maratone musicali in televisione, e collaboratore di tantissimi artisti, lascia la moglie Antonella ed i figli Walter e Valentina, anch'essa cantante.

12:46 21/09

di Redazione

Commenta

Palazzo Cavalcanti sarà sede della “Casa del Cinema” a Napoli

NAPOLI. La città di Napoli punta sul cinema. La Giunta comunale ha approvato, su proposta del sindaco Luigi de Magistris e dell'assessore Nino Daniele, il progetto per la creazione della “Casa del Cinema”, uno spazio di circa 700 mq a Palazzo Cavalcanti in via Toledo in cui accogliere ed ospitare le produzioni cine-televisive presenti in città. Un progetto che nasce con l'obiettivo di incentivare la scelta di Napoli come ambientazione di film, fiction, spot. Un ulteriore passo, dunque, a sostegno di un comparto che, negli ultimi tre anni, dalla nascita dell’Ufficio Cinema comunale, ha scelto sempre più Napoli come set, con importanti ricadute in termini di indotto, di occupazione e di promozione dell'immagine della città. La “Casa del Cinema” - gestita dall'Ufficio Cinema, che troverà lì la propria sede – prevede uffici per le produzioni, sale per casting, sale riunioni. Ma soprattutto è uno spazio in cui creare una sinergia tra attori locali e produzioni nazionali ed internazionali, sviluppare progetti di formazione ed attività di promozione del cinema, perchè Napoli sia sempre più un punto di riferimento per il comparto dell'audiovisivo.

12:40 21/09

di Redazione

Commenta

Giornata mondiale Alzheimer: su Studio Universal corto con Leo Gullotta

In occasione della Giornata Mondiale per la lotta contro l’Alzheimer, il 21 settembre, Studio Universal (Mediaset Premium DT) presenta con Paradise Pictures, il pluripremiato cortometraggio “Lettere a mia figlia” di Giuseppe Alessio Nuzzo, interpretato da Leo Gullotta nei panni di un anziano padre che scrive delle lettere alla figlia nel tentativo di spiegare la sua malattia.

Il corto sarà in onda, sul Canale del grande cinema americano classico il 21 Settembre alle 15.15 all’interno del magazine A Noi Piace Corto.

«Un corto che serve a far entrare chi guarda in questa piccola storia di una malattia terribile, l'Alzheimer» così Leo Gullotta, protagonista del film breve “Lettere a mia figlia”, finalista in centinaia di festival in tutto il mondo e vincitore di decine di premi tra cui la menzione speciale ai Nastri d'Argento e il premio come migliore cortometraggio al Giffoni Film Festival.

Girato in Campania tra Napoli e provincia e prodotto da Paradise Pictures con Pulcinella Film, vede la regia di Giuseppe Alessio Nuzzo, che lo scorso Aprile ha esordito con il suo primo lungometraggio “Le verità” con Francesco Montanari, Nicoletta Romanoff, Anna Safroncik e la partecipazione di Maria Grazia Cucinotta.

«La storia che si racconta è quella di un uomo che ha vissuto la sua vita gioiosa in famiglia con la moglie e la bambina che diventerà presto donna – racconta Gullotta – In questo percorso lo aggredisce la malattia che porterà lui e la sua famiglia ad attraversare un dolore quasi “cosciente”».

«Raccontare di una malattia così delicata non è facile – dichiara il regista partenopeo, già direttore generale del Social World Film Festival – Ho ritenuto necessario far trasparire sin dai primi script il rispetto della dignità della persona in quanto tale cercando collaborazione nella stesura della sceneggiatura da parte di scienziati ed esperti in materia».

Il 21 settembre uscirà in distribuzione nazionale l'omonimo libro, edito da Pulcinella Editore e a cura di Giuseppe Alessio Nuzzo con la prefazione di Leo Gullotta. Il testo, che ripercorre la malattia di Alzheimer, le origini, le motivazioni e la vera storia di "Lettere a mia figlia", contiene il DVD con il film breve integrale e contenuti extra.

10:09 21/09

di Redazione

Commenta

Farmacisti al voto, si rinnova il consiglio dell'ordine

Si rinnova il Consiglio dell' Ordine dei Farmacisti di Napoli. Nei giorni 23, 24 e 25 settembre 2017, 5mila iscritti saranno chiamati a scegliere 15 Consiglieri e il Collegio dei Revisori dei Conti. A guidare la categoria si propone nuovamente, per il prossimo triennio, l'uscente Vincenzo Santagada. "Abbiamo a cuore da sempre gli interessi del territorio e dei cittadini - spiega il presidente uscente Santagada - e ci piacerebbe continuare nell'alveo della tutela della salute portate avanti attraverso molteplici iniziative e campagne di prevenzione e di informazione"

20:14 20/09

di Redazione

Commenta

Fashion spritz time da Eles boutique

It's Spritz time per “Eles”, il rinomato brand più che mai in pole position nel mondo della moda, che vanta due esclusive boutique nelle zone più  “in” di Napoli, quali il cuore del Vomero, in via Merliani ed il “salotto partenopeo”, in via Poerio nei pressi di piazza dei Martiri. Un addio all'Estate ed un benvenuto alla prossima  stagione secondo i migliori auspici, quella che la vulcanica Ester Gatta, titolare dell'azienda intende dare con questo doppio appuntamento  alle sue selezionatissime e numerose clienti, offrendo una capsule di quelle che saranno le collezioni Autunno/Inverno 2017-18. In prima linea, griffes di tendenza con outfit dalle nuance tipicamente stagionali  quali il rosso “vino”,  la carta da zucchero, il caramello. L'evento si articolerà in due interi pomeriggi in cui verrà offerto un originale cadeau alle partecipanti accanto a gustosi e coloratissimi cocktail e deliziosi finger food. Si comincia mercoledì 20 settembre pomeriggio con il punto vendita in via Merliani che vanterà una vetrina tutta ispirata all'Italia ed all'Italianità, mentre il pomeriggio successivo del 21 settembre, vedrà protagonista  l'esclusiva boutique di Carlo Poerio in  un'atmosfera tutta dedicata  al magico e misterioso mondo di Picasso.

15:55 19/09

di Redazione

Commenta

Approda in Italia l'artista cinese Mao Jianhua

Fino al 26 settembre il Complesso del Vittoriano - Ala Brasini di Roma ospiterà - sotto l’egida dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano e con il Patrocinio della Regione Lazio - la prima tappa della mostra The Timeless Dance. Beyond the Mountains, a cura di Martina Mazzotta: un viaggio fantastico e polisensoriale alla scoperta delle opere e dell’universo di valori del cinese Mao Jianhua.

Cento opere scandiscono un percorso a spirale, in sette tappe, suddiviso per concetti ed emozioni: tutte eseguite con pennello e inchiostro su carta di cotone fatta a mano, variano nelle dimensioni che vanno dai fogli di piccolo formato al rotolo più imponente che raggiunge la larghezza di sette metri.

Arte e vita s’intrecciano come non mai nella figura di Mao Jianhua, imprenditore a lungo impegnato a livello internazionale che, una decina di anni fa, ha saputo dare una svolta alla propria esistenza avviando un intenso percorso d’indagine dei fondamenti culturali e spirituali di certa tradizione cinese. Accompagnandosi alla costante presenza di un Maestro, guida spirituale all’esplorazione delle dimensioni più profonde del sé e insieme della natura, e non trascurando il contesto del taoismo e del buddhismo zen, Mao ha intrapreso con disciplina la pratica della meditazione e dell’isolamento, ha scoperto il rapporto simpatetico con la natura attraverso le montagne sacre, si è dedicato alla musica, agli scacchi e, con esiti sorprendenti, alla calligrafia e alla pittura. Il risultato di questo graduale processo, sempre in divenire, sono i suoi straordinari dipinti di paesaggi – inquadrabili nell’ampio spettro del Shan Shui – che stimolano criticamente a considerare le dimensioni della tradizione e della modernità in Cina. Si tratta di paesaggi dell’anima che tutti noi possiamo rivivere nelle straordinarie pennellate calligrafiche in bianco e nero, negli spazi vuoti che risuonano e nei fitti segni grafici che si trasformano allo sguardo, nell’abisso delle montagne come nello spazio aereo che sovrasta le acque.

Il percorso di mostra coinvolge il visitatore in una vera e propria danza senza tempo, alla riscoperta dei battiti del proprio cuore che risuonano con i ritmi della natura delle montagne incantate: quelle di Mao Jianhua. www.maojianhua.com

 

18:36 17/09

di Redazione

Commenta

Scoperto nella Gioconda americana un racconto di Leonardo da Vinci

Si nasconde una storia nel motto che accompagna il quadro realizzato da Leonardo da Vinci conosciuto come la Gioconda americana ed esposto alla National Gallery di Washington. A scoprirla la ricercatrice italiana Carla Glori. Il motto “virtutem forma decorat” che compare nella ghirlanda dipinta sul retro del quadro, rivela, anagrammandolo, 50 frasi tutte firmate Vinci dall'artista e che messe insieme raccontano la storia di Ginevra Benci, raffigurata nel ritratto, figlia di un ricco banchiere nell'imminenza delle nozze.

''Si tratta di anagrammi - dice all'Adnkronos Carla Glori - che si connettono tra loro in modo molto coerente a formare una storia completa, con personaggi e una trama del tutto verosimili''. Per arrivarci la ricercatrice ha ipotizzato che Leonardo abbia utilizzato il motto come una “macchina alfabetica” programmata per fornire attraverso anagrammi informazioni sul ritratto di Ginevra Benci, chi era e cosa le stava succedendo. La chiave per risolvere il tutto è stata aggiungere al motto virtutem forma decorat la parola latina iuniperus ovvero il rametto di ginepro che compare al centro del motto, simbolo di purezza.

Ne escono fuori cinquanta frasi decifrate che sono anagrammi perfetti e collegandoli insieme è possibile formare un testo coerente e significativo, coincidente con la storia biograficamente documentata di Ginevra alla data del 1474 quando il notaio Simone Grazzini da Staggia stipulò in Firenze il suo contratto matrimoniale datato 15 gennaio 1473. Il promesso sposo era Luigi di Bernardo Niccolini, un vedovo di quindici anni più anziano.

E a questo punto viene fuori la storia drammatica di una ragazza che ama un uomo e che è obbligata a sposarne un altro che detesta, mentre il suo amante è costretto ad essere un testimone impotente e condannato a subire la conseguenza del “contratto matrimoniale” (il “foedus” qualificato con la parola latina “fraus”).

E l’amante sarebbe l'ambasciatore veneziano Bernardo Bembo arrivato a Firenze nel 1475. Nel dipinto datato tra il gennaio 1475 e il giugno 1476, la ghirlanda con in mezzo un rametto di ginepro assieme al motto starebbe a rappresentare l'apoteosi della virtù di Ginevra sposa. Ma la scoperta della Glori racconta un'altra storia. E la stessa National Gallery di Washington ha scoperto con i raggi infrarossi che sotto il motto dipinto si cela un’altra frase. E’ il motto del Bembo: virtus et honor (la bellezza adorna la virtù) e la ghirlanda, senza il rametto di ginepro, palma e alloro, è il simbolo nobiliare dello stesso Bembo.

''La fiction anagrammata - dice Glori - è eccezionalmente fedele rispetto alla biografia di Ginevra datata 1474. L’identificazione del Bembo, definito eruditus, optimas, orator, poeta… è immediata. Lo sposo Luigi Niccolini viene definito ferus, rudis, usurpator..’’. Nel testo visionato dall’Adnkronos vi ricorrono frasi anche di repulsione della donna verso il marito impostole, come ad esempio "L’innocente si addossa il tormento attraverso il patto (nuziale,)", “Pura sumit torturam foedere”, “Quindi a causa del letto nuziale preferisce il sudario” (“Tum e toro praefert sudarium”). Insomma una specie di denuncia nascosta da lasciare per sempre.

''Il testo latino - spiega la ricercatrice all’Adnkronos - rigorosamente formato con i 50 anagrammi tutti firmati Vinci - nella traduzione italiana risulta straordinariamente vivido e riflette l’angoscia di una fanciulla casta e oppressa, tormentata dallo spettro del suo “letto nuziale” trasformato in un “letto di morte”, dove deve seppellire tutte le sue speranze e i suoi sogni. I “moti mentali” di Ginevra risultano fedelmente rispecchiati, e il testo è permeato da un senso di moralità e ribellione, a rivendicare giustizia contro una tradizione patriarcale che sottomette la donna e si appropria del suo corpo''. La ricerca scientifica di Carla Glori sarà pubblicata su Academia Edu.

20:08 16/09

di Redazione

Commenta

"Farmaco per Tutti", Santagada, (presidente farmacisti): "Da oggi un farmaco al giorno per gli indigenti"

Con il progetto "Un farmaco per tutti" ancora una volta l'ordine dei farmacisti della provincia di Napoli, insieme al Cardinale Crescenzio Sepe, Federfarma e dell’Azienda Ospedaliera Santobono Pausilipon mostra la sua sensibilità verso i cittadini in difficoltà in sintonia con la funzione dei farmacisti che si occupano da sempre e quotidianamente del bene primario dei cittadini e della loro  salute. "Questa iniziativa è un ulteriore segnale di attenzione verso il territorio - sottolinea Vincenzo Santagada, presidente dell'ordine dei farmacisti di Napoli - e in particolare per quelle fasce sociali di cittadini che in questo momento soffrono e subiscono la cosiddetta povertà sanitaria". Con la mozione proposta oggi da Forza Italia e dall'onorevole Mara Carfagna si è impegnato il governo, tra le altre cose, a verificare se un modello di raccolta e distribuzione farmaceutica, su base volontaristica e per fini sociali, come l’iniziativa "Un farmaco per tutti" che da due anni è attiva a Napoli e provincia, sia replicabile celermente in tutta Italia. L' iniziativa che ha carattere  permanente (è possibile donare e raccogliere farmaci ogni giorno) e volontario ha già distribuito oltre 90mila confezioni di farmaci o dispositivi medico-chirurgici facendo anche risparmiare circa un milione di euro al servizio sanitario nazionale.

19:40 15/09

di Redazione

Commenta

Bio-Value, la via campana all’energia da biomasse: verso nuovi bacini energetici tagliati su “misura”

Sul fronte delle agrobioenergie la Campania vive un paradosso: è un grande utente di biocombustibili ma sono pochissimi quelli prodotti sul territorio. Il progetto Bio-Value punta a invertire questa tendenza e a sfruttare per intero il grandissimo potenziale agrobioenergetico della regione. Per un valore di oltre 6 milioni di euro, il progetto Bio-Value del Distretto ad Alta Tecnologia della Campania per l’energia “Smart Power System” coinvolge tre imprese (Magaldi Power SpA, Graded SpA, Bioenergy Srl), tre università (Università di Napoli "Federico II", Università del Sannio, Università Vanvitelli) e l’Istituto di Ricerche sulla Combustione del Cnr.

Obiettivi 
Per agro-energia si intende  la potenzialità energetica che si può ricavare dai processi agricoli e agroalimentari ai fini della produzione di biocarburante (biodiesel, bioetanolo), e biocombustibili (biomasse solide, liquide).

Due, in particolare, gli obiettivi scientifici e tecnologici di Bio-Value. Sul piano della ricerca, Bio-Value mira a validare le potenzialità di una piattaforma integrata basata sul solare a concentrazione e sulla conversione termochimica di biomassa. Sul piano del trasferimento tecnologico, il progetto mira a realizzare una serie di impianti prototipali di cogenerazione di piccola taglia (fino a 200 kWe) basati su processi di pirolisi-gassificazione e di digestione anaerobica di residui biogenici. I dimostratori tecnologici saranno pronti entro il 2018.

Per vocazione territoriale – afferma Pietro Salatino, presidente di Smart Power System – quello delle biomasse potrebbe rappresentare uno degli asset più convenienti nel panorama della produzione energetica campana. Si pensi al potenziale di biometano che potrebbe venire da produzioni animali come gli allevamenti di bufale nel Casertano o ai residui cellulosici che potrebbero essere recuperati nei nostri boschi, ottimizzando così la seconda estensione forestale del Meridione. Le materie prime ci sono – conclude Salatino –vanno perfezionate le tecnologie”.

Allo sviluppo di nuove tecnologie mira appunto Bio-Value, puntando su materiali innovativi biobased e sulla loro applicazione mediante un approccio integrato di sintesi biochimica, design molecolare e miglioramento del processo. Il progetto servirà a potenziare entrambe le filiere delle biomasse: quella della biomassa destinata alla produzione di biogas attraverso digestione anaerobica e quella della biomassa lignocellulosica finalizzata alla combustione.

 

Oltre la filiera corta: verso un sistema ibrido per le biomasse

Il limite attuale della valorizzazione energetica delle biomasse è rappresentato dal rapporto tra massa ed energia prodotta. “Spostare un joule di energia – spiega Salatino – significa spostare grandi quantità di residui biogenici, per questo funziona la filiera corta, per cui si consuma laddove si produce”. Bruciare biomasse sul posto attraverso un boiler dà tuttavia rese molto basse per impatti ambientali non sempre brillanti.

Nell’ambito di Bio-Value, Smart Power System testerà sistemi distribuiti di pretrattamento delle biomasse che, convertite “sul posto” (presso fattorie e aziende agricole) in bio-olio ad elevatissima densità energetica, verranno poi inviate a bioraffinerie per i necessari processi di estrazione. Si creerà così un processo ibrido decentralizzato-centralizzato: decentralizzato nella fase di “pre-trattamento” delle biomasse, centralizzato in quella di raffinazione ed estrazione del potenziale energetico. 

Il progetto favorirà inoltre l’individuazione di bacini agro-energetici in coerenza con la tutela di biodiversità, delle produzioni tipiche regionali e della preservazione dei suoli agricoli ad elevata fertilità.

 

SMART POWER SYSTEM, RETE CAMPANA PER L’ENERGIA

Integrare conoscenze, sviluppare tecnologie e ampliare i mercati delle imprese campane interessate al settore energetico: è questo l’obiettivo di Smart Power System Scarl, il Distretto ad Alta Tecnologia per l’Energia della Regione Campania.

Nato nel 2013, Smart Power System mette a sistema 25 imprese, tra cui due big player come Getra Group e Magaldi Power, 4 Università (Federico II, Università di Salerno, Università Vanvitelli e Università Bicocca di Milano) e 2 Enti Pubblici di Ricerca (Cnr ed Enea) allo scopo di consolidare la competitività del network regionale dell’energia in quattro ambiti specifici: sviluppo di reti e micro-reti intelligenti (smart grid), valorizzazione di biomasse, produzione di tecnologie abilitanti per le fonti rinnovabili e, infine, misurazione e certificazione di sistemi prototipali di generazione e distribuzione di energia.

Su queste linee di ricerca Smart Power System ha investito circa 29 milioni di eurodestinati ai progetti Meter (METrologia per l’Energia e le Reti), Ferge (Fonti Energetiche Rinnovabili verso la Green Economy), Micca (Microgrid Ibride in Corrente Continua e Corrente Alternata) e Biovalue (Sistemi ibridi di generazione e cogenerazione da fonti energetiche rinnovabili). 

“Il nostro obiettivo – spiega Piero Salatino, Presidente del Distretto Smart Power System – è quello di conferire alla Campania un ruolo propositivo nel mercato sempre più diversificato dell’energia. Come Regione abbiamo già raggiunto la quota di burden sharing, ovvero la percentuale di consumo da rinnovabili rispetto al consumo complessivo di energia assegnata dall’Unione Europea. Tuttavia essere dei consumatori sostenibili non basta, non possiamo rassegnarci a una visione passiva del mercato energetico”.

“La  Campania – continua il presidente del Distretto – è la quarta regione in Italia per numero di Dipartimenti universitari coinvolti nei settori della green economy, disponiamo di know-how con competenze trasversali ai fabbisogni tecnologici dei settori industriali, possiamo e dobbiamo essere ambiziosi, non solo pensare ad assicurare i nostri fabbisogni energetici ma prepararci per essere anche fornitori. Ci sono tutte le condizioni per creare occupazione e vendere le nostre tecnologie a livello globale”.    

 

ENERGIA CAMPANA NEL MONDO: ACCORDI IN QATAR, CINA ED EMIRATI 

Per potenziare la capacità delle imprese del distretto di penetrare nei mercati esteri, Smart Power System ha avviato una serie di accordi quadro negli Emirati Arabi Uniti (Dubai, Abu Dhabi), in Qatar (Doha). “Il Distretto è impegnato – spiega Massimo de Falco, coordinatore di Smart Power System – nella ricerca e valutazione delle tecnologie innovative che caratterizzeranno il futuro del settore energetico-ambientale al fine di individuare gli scenari evolutivi del mercato a livello internazionale”.
Sono stati sottoscritti, in particolare, due importanti Memorandum of Understanding rispettivamente con la “Beijing Technology Exchange and Promotion Center – Btec”, agenzia cinese leader nel settore dello sviluppo e del trasferimento tecnologico in ambito energetico, e con il “Masdar Institute of Science and Tecnology”, università università di Abu Dhabi specializzata nella ricerca sulle energie alternative e parte integrante del Masdar City, mega-programma di sviluppo tecnologico svolto in collaborazione con il MIT - Massachusetts Institute of Technology (USA), che fornirà consulenza e supporto scientifico.

19:30 15/09

di Redazione

Commenta

Pagine

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici