Venerdì 19 Ottobre 2018 - 18:38

“Tina Pica 1884-1968”, mostra nello spazio Quartieri Airots

Cinquant’anni fa moriva Tina Pica, grande caratterista, attrice di teatro e di cinema, formidabile “spalla” di Eduardo, Vittorio De Sica, Totò. Venerdì 15 giugno, alle ore 18, nell’ambito della “sezione mostre” del Napoli Teatro Festival Italia, si inaugura un’esposizione a lei dedicata, “Tina Pica 1884-1968”, curata da Giulio Baffi e realizzata dallo scenografo Luigi Ferrigno, allestita nello spazio Quartieri Airots (l’antica Chiesa della Congregazione dei 63 Sacerdoti) in via Carlo De Cesare 30 nei Quartieri Spagnoli di Napoli.

In questa occasione sarà inoltre proiettato in anteprima assoluta il docufilm “Fratello ricordati di Tina Pica” di Lucilla Parlato e Federico Hermann, prodotto da Identità Insorgenti. La mostra organizzata da Vesuvioteatro.org, con il coordinamento di Angioletta Delli Paoli, le ricerche di Velia Basso e la collaborazione all’allestimento di Sara Palmieri e Laura Simonet, resterà aperta e visitabile, ad ingresso gratuito, fino a domenica 8 luglio (ore 17 – 20, lunedì e martedì chiuso).

“Tina Pica – sottolinea Giulio Baffi –  ha lasciato il segno della sua forte personalità nella memoria di generazioni di spettatori e di attori. Le rendiamo omaggio ricordandola con una mostra ed un docufilm. Riapriamo per l’occasione l’antica "Chiesa dei 63 sacerdoti”, da tempo in disuso ma che diverrà a breve uno spazio teatrale e culturale. Nella Smorfia napoletana alla chiesa è attribuito il numero 84 e così ho voluto costruire questo percorso dedicato a Tina Pica attraverso 84 testimonianze, tra fotografie “di famiglia”, immagini dai set cinematografici, ritratti, locandine, articoli, copioni, oggetti appartenuti alla grande, popolare ed amata donna-personaggio. Materiali messi a disposizione dai nipoti Franco e Francesco Pica, da Gioconda Marinelli, dalla Libreria del cinema e del teatro di Napoli e da tanti altri collezionisti cui va il mio ringraziamento”.

Esposti, tra gli oggetti appartenuti alla Pica, il Nastro d’argento ricevuto nel 1955 come migliore attrice non protagonista in “Pane, amore e gelosia” diretta da Luigi Comencini, ma anche oggetti da toeletta, alcuni cappellini (“la sua passione”), il portasigarette ed il suo lungo bocchino di bachelite, fino agli occhiali di “Don Anselmo Tartaglia” del padre Giuseppe Pica, noto attore comico degli inizi del secolo scorso e acclamato interprete della maschera napoletana pasticciona e balbuziente.

Nella serata che inaugura la mostra al Napoli Teatro Festival Italia, sarà proiettato anche il docufilm “Fratello ricordati di Tina Pica” che attraverso alcune testimonianze, tra cui quelle di Mario Franco, Ruggero Cappuccio, dei nipoti attori e dello stesso Giulio Baffi, documenta lo straordinario percorso artistico di Tina Pica, capocomica, inventrice di un linguaggio unico, compagna di lavoro di tanti grandi del nostro Teatro, alla ricerca di tracce ed indizi della sua arte ancora evidenti nel teatro e nel cinema dei nostri giorni. “L’eleganza – dice in proposito Mario Franco – di una donna che a 40 anni ne dimostrava 60 e non tentava di fare il contrario, come accade oggi. L’ambiguità e al tempo stesso il fascino intramontabile di Tina Pica, restano vivi nonostante, in tv o altrove, i suoi film si vedano raramente”.

10:56 14/06

di Redazione

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli