Mercoledì 14 Novembre 2018 - 19:46

“B&B quartet”, una band rigorosamente al femminile

NAPOLI. In principio era il “B&B duo”, ovvero la bionda e la bruna, Ileana Mottola, vocalist, ed Eleonora Strino, chitarra, jazz per tutti gusti, swing e ballad in prevalenza. Poi l'estate scorsa le chiamarono a Pompei per una serata celebrativa delle voci storiche femminili italiane, Mina, la Vanoni, Patti Pravo... Progetto impegnativo, da qui la decisione di diventare “B&B quartet”, ma sempre rigorosamente al femminile. Ed ecco Beatrice Valente, contrabbasso, e Laura Klain, batteria. Saranno di nuovo sul palco venerdì 9 al Music Art, ore 21,30, dove proporranno un percorso di standard americani tratti da musiche da film nate nei musical di Broadway, tipo il celeberrimo “The lady is a tramp” o “My favorite things”, brano di Rodgers che Coltrane portò con grande fortuna sui palchi del jazz. Il “B&B quartet” insomma accompagnerà il pubblico del MA attraverso un repertorio musicale che parte da Broadway anni '30-'50, per approdare sul grande schermo e poi passare sui palchi del jazz. Quattro donne, dunque, quattro musiciste giovani ma con un solido percorso personale già alle spalle. Quattro campane, anche se Strino e Klain vivono da tempo a Torino. Ileana Mottola, vocalist salernitana, è la leader del gruppo. Laureata in lingue e letterature straniere, pianista da bambina, è stata poi sedotta dal canto ed in particolare dalla musica afroamericana e cubana. Napoletana da anni trapiantata a Torino, Eleonora Strino studi a S. Pietro a Maiella, ha perfezionato la sua chitarra nel prestigioso conservatorio di Amsterdam. Vive da anni a Torino dove ha stretto un collaudato sodalizio artistico con il celebre contrabbassista americano Greg Cohen. Famiglia di musicisti, Beatrice Valente nasce pianista ma a 14 anni resta folgorata da un disco di Marcus Miller regalatole dal padre. E abbraccia il contrabbasso dal quale non si è più separata, studiando fra l'altro con il compianto Rino Zurzolo. Frequenti anche i suoi interventi vocali in controcanto. Nata a Tolosa ma napoletana da quando era in fasce, Laura Klain ha impugnato le prime tammorre a sette anni ed ha lavorato con Eugenio Bennato fino a 17 anni. Dall'etno al jazz, il passo è stato spontaneo: un'esigenza istintiva di allargare i propri orizzonti, ed ecco una delle rare (almeno in Italia) protagoniste del jazz con le bacchette fra piatti e tamburi. Un gruppo tutto al femminile di recente costituzione, insomma, con tutta l'intenzione di andare lontano. Anche il jazz, insomma, reclama le quote rosa.

lucis

14:28 9/11

di Redazione

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici