Giovedì 17 Gennaio 2019 - 19:07

A Città della Scienza una serata di spettacolo e solidarietà con Annamaria Ackermann

NAPOLI. La “Sala Newton” di Città della Scienza di Napoli sarà la prestigiosa cornice di un'importante serata di solidarietà e spettacolo, il cui scopo è racchiuso nello slogan “Salviamoci dall'amore malato”. Per amore malato si intende quello che spesso lega alcune donne ad alcuni uomini, che diventano di colpo nemici, o addirittura assassini, dando vita al triste fenomeno del femminicidio. Nelle splendide immagini di Antonio Aragona vedremo i volti di dodici donne, una al mese, per un calendario che René Bonante, visagista e truccatore di consolidata esperienza e fama, ha ideato e voluto fortemente. In quest'evento, previsto per venerdì 18 gennaio 2019 alle ore 18, oltre al calendario, sono in programma interventi di grande prestigio dal mondo dello spettacolo, della cultura e della medicina. Madrina dell'evento sarà la grande attrice di scuola eduardiana Annamaria Ackermann (nella foto), mentre sarà presente la cantattrice Ida Rendano, che ha offerto la sua immagine per la copertina del calendario. Il valente musicista Salvatore Pettirossi porterà la sua testimonianza sul tema, assieme a I Marasma Band, col video "Donne di nuvole", curato con Stafania Colasanti. Renato Grimaldi, esperto in politiche sociali, sottolineerà l'importanza dell'iniziativa, mentre un importante ponte con la salute sarà illustrato da Marinella Modica, per la federazione "AdAstra" e "Ciauro", e dalla dottoressa Fiorella Paladino, primario per il percorso codice rosa Antonio Cardarelli. L'ingegner Rino Carone presenterà il suo ultimo libro, mentre Antonio Marciano, consigliere regionale, sarà un'autorevole voce istituzionale per l'evento. Molto atteso il momento della moda, con una sfilata a cura dello stilista di fama internazionale Aldo Pignatelli. La serata sarà presentata dal giornalista Antonio Mocciola.

19:02 17/01

di Redazione

Commenta

Leda Bertè, sorella di Mia Martini, attacca Luca Barbareschi e Claudio Baglioni

ROMA. «L'idea di fare un film su mia sorella, Mia Martini (nella foto), è stata mia. Tre o quattro anni fa ho incontrato Luca Barbareschi, che ora ha prodotto il film “Io sono Mia”, e gli ho consegnato un progetto per fare qualcosa su Mimì. Tant'e' vero che avevo già scritto tutta la storia dei Berté e avevo depositato alla Siae il fascicolo. Eppure, nonostante questo, non sono stata interpellata per la sceneggiatura, a differenza delle mie sorelle Loredana e Olivia». Leda Berté, la sorella maggiore di Mia Martini e Loredana Berté, non ci sta e al settimanale “Spy”, nel numero in edicola domani 18 gennaio 2019, esprime tutto il suo dissenso sul film dedicato alla cantante che a febbraio sarà trasmesso su Raiuno dopo l'anteprima cinematografica. «Sono convinta che questo film non rispecchi la verità sulla vita della mia famiglia e di Mimì. Loredana e Olivia, le più piccole, non possono sapere tante cose della nostra famiglia. E poi ho intravisto la ragazza che la interpreta, Serena Rossi. Sarà pure brava a cantare, ma non ha niente a che vedere con Mia Martini, ovviamente. Fanno un film su Mimì e fanno cantare le sue canzoni a un'altra? Almeno come sottofondo potevano lasciare le voci originali». Il film sarà presentato sul palco del Festival di Sanremo, anche se Leda Bertè ha qualcosa da recriminare al conduttore e direttore artistico Claudio Baglioni. «Durante l'ultimo Sanremo non ha neanche consegnato il premio Mia Martini sul palco, l'ha fatto passare sotto silenzio: queste cose non si fanno. Quel premio è stato istituito proprio per dare risalto alla memoria di Mimì e chi conduce il festival ha il dovere di parlarne». Anche per lei la morte di Mimì è avvolta nel mistero. «Io e Loredana abbiamo visto sul cadavere di nostra sorella dei lividi sia sulle braccia sia sulle gambe. Il che fa pensare a una discussione piuttosto violenta con qualcuno, forse con nostro padre a cui si era riavvicinata? Lui è sempre stato violento. E poi perché, subito dopo i funerali, senza dire niente a nessuno, lui ha fatto cremare il corpo? Devono ancora darmi delle spiegazioni. È stata una morte avvolta nel mistero, ci sono troppi punti oscuri, anche se sono passati tanti anni credo sia giusto riparlarne».

16:58 17/01

di Redazione

Commenta

RIVA - Newpolitana

Venerdì 18 gennaio, nell'ambito del progetto musical-culturale NEWPOLITANA, al 10HP di Marigliano, i RIVA nuoteranno fuori dal loro recente "Acquario" per una serata dal forte intimiso segnata dal pianoforte e dalla voce di Simone Morabito e dalla chitarra di Flavio Ciotola.

I RIVA, con il loro ultimo singolo (appunto) "Acquario", hanno confermato di saper fin dalle loro "Ossa" proporre un elegante cantautorato pop dai testi significativi e dagli arrangiameti curati. 

16:40 16/01

di Redazione

Commenta

Festa domani al "Piccantino" per la Giornata del Pizzaiuolo

QUARTO. Grandi festeggiamenti per la Giornata del Pizzaiuolo. Un evento di grande coinvolgimento per la categoria, si terrà domani giovedì 17 gennaio, giorno dedicato a Sant’Antuono, protettore dei pizzaiuoli, alle ore 19, al “Piccantino”.  
L’evento è organizzato dall’Associazione Pizzaiuoli Napoletani, con i patrocini di Comune di Napoli, Associazione Pizza Verace e Fondazione UniVerde.
“La scelta di festeggiare anche in provincia, è stata fortemente voluta per sollecitare l’estensione dei festeggiamenti ovunque esista un Pizzaiuolo Napoletano e non solo nella città di Napoli” spiega Sergio Miccù, presidente APN tra i massimi esponenti della categoria. 
Questa decisione vuole rappresentare simbolicamente l’universalità della figura del pizzaiuolo, custode di un’arte antica che è patrimonio immateriale dell’Umanità, ed è al tempo stesso Storia di un Popolo che ha varcato tutti i confini, abbattendoli di fatto proprio grazie alla Pizza. 
L’appuntamento di giovedì fornirà l’occasione per riunire i pizzaiuoli, ai quali è strettamente riservato, nella Giornata a loro dedicata.
terluc

13:22 16/01

di Redazione

Commenta

"Shoah – La cintura del Male", il nuovo romanzo di Antonio Masullo

Sabato 26 gennaio, ore 10:00, presso Domus Ars, via Santa Chiara, 10, Napoli, si terrà la prima presentazione di Shoah – La cintura del Male, il nuovo romanzo di Antonio Masullo, Argento Vivo Edizioni, prefazione di Pietro Riccio, postfazione di Anna Bruno, acquistabile online.

Moderatore: Massimo Calenda – Giornalista RAI3 Napoli

Relatori: Pietro Riccio – Direttore Responsabile ExPartibus; Franco Biancardi – Pedagogista – Università di Napoli Suor Orsola Benincasa;  Aldo Masullo – Filosofo - Professore Emerito Università Federico II Napoli; Alessandro Cecchi Paone – Giornalista – Divulgatore scientifico;  William Silvestri – Direttore Editoriale - Argento Vivo Edizioni

Intervento dell’autore: Antonio Masullo – Avvocato – Giornalista Pubblicista

Letture:  Anna Maria Ackermann, Lucia Stefanelli Cervelli, Danilo Rovani

Il libro: La Shoah non riguarda soltanto gli ebrei: essa coinvolge tutte le vittime che hanno subito l'Olocausto, fino all'ultimo dei sopravvissuti, che rappresentano bene prezioso per l'Umanità intera. Essi sono la Memoria. La storia familiare delle sorelle Jenkins consente al lettore, in chiave romantica, di analizzare alcuni personaggi storici da vicino e di studiarli da un diverso e peculiare ambito prospettico. Il filo conduttore del testo è rappresentato dall'esoterismo nazista, che dal Castello di Wewelsburg attraversa e pervade l'Europa negli anni '40, fino all'ultio dei deportati di ogni campo di concentramento e/o di sterminio costituito. Questo "particolare binario", spesso ignorato, o ridimensionato dalla storiografia tradizionale, costituisce un importante capitolo per la comprensione di ideologie che non si limitano alle dottrine rivolte alle masse, ma che nelle élite hanno visto il riferimento ad un complesso sistema esoterico, a cui si era avvicinata la cosiddetta Mistica Nazista. La Shoah è Memoria, ed è la voce silente di ognuno di noi che oggi, cerca e tenta di capire, cosa effettivamente è accaduto.

L’autore: Antonio Masullo è nato a Nola (NA) nel 1976. Dopo il conseguimento della laurea in giurisprudenza presso l'università Federico II di Napoli, si abilita alla professione forense, e riveste dal 2008 la figura di avvocato penalista. Esperto in telecomunicazioni, diventa giornalista pubblicista nel marzo del 2018, iscritto all'ODG della Campania. Scrive da diverso tempo per il quotidiano online ExPartibus, di cui cura la rubrica "Risvegli". Sposato con un'insegnate, Giusy Ruggiero, ha tre figli: Maria Greca, Francesco Maria e Letizia Maria Grazia. Ha all'attivo tre pubblicazioni: Solo di passaggio (2001); Namastè in viaggio verso te (2011) e Il diario di Alma (2012). I suoi libri hanno ottenuto molto riscontro di critica e di pubblico, tanto da essere anche oggetto di Audizione del Consiglio Regionale della Campania nell'aprile del 2013 per la tematica del femminicidio.

10:47 16/01

di Redazione

Commenta

La Reggia Designer, il 120mila scelgono i saldi "griffati"

Si chiude con numeri da capogiro la prima settimana di saldi alla Reggia Designer Outlet. In 120.000 hanno scelto di dedicarsi una giornata di shopping e benessere al Centro McArthurGlen di Marcianise (CE). Italiani ma anche tanti turisti, soprattutto francesi, tedeschi e russi, che negli anni hanno raggiunto un numero sempre più interessante, facendo registrare un incremento costante del 10%. Il dato nazionale, che mette insieme il numero di visitatori di tutti i Centri McArthurGlen italiani durante la prima settimana di saldi rivela 625.000 presenze con un incremento del 6,5% rispetto allo scorso anno.

L'opportunità di scegliere tra tanti brand proposti dai 140 negozi, le imperdibili occasioni di acquistare finalmente il capo e l’accessorio tanto desiderati o, persino, di cambiare guardaroba, non è l’unico motivo che ha reso La Reggia Outlet centro di riferimento dello shopping in Campania. Il dato è stato rivelato da alcune interviste fatte alle persone che la prima settimana di saldi sono state a La Reggia Designer Outlet. Tra i brand più amati, anche quest’anno, si confermano Polo Ralph Lauren, Nike, Guess, Adidas, Timberland, Levi’s e Calvin Klein. E non è mancato chi ha raggiunto il Centro solo per l’unico flagship store Karl Lagerfled del Sud Italia.

“Per noi è un rito - ammette Maria, in compagnia di tre amiche -. Raggiungiamo La Reggia Outlet dalla Costiera Sorrentina, in occasione dei saldi estivi e invernali e trascorriamo qua una giornata di puro benessere. Arriviamo all'orario di apertura e andiamo via quando il Centro chiude. Passeggiamo tra i viali alla ricerca di quello che piace a ognuna di noi, pranziamo e ceniamo anche qua. Torniamo a casa felici, con tanti desideri esauditi!”.

“Insieme alla mia fidanzata, abbiamo scelto di venire in settimana – racconta Pierluigi –. Da liberi professionisti, abbiamo la fortuna di poter gestire il nostro tempo e la passeggiata è stata piacevole. Io sono arrivato alla Reggia Outlegt per Polo Ralph Loren, lei per Karl Lagerfeld, ma poi siamo entrati e abbiamo acquistato anche in altri negozi”.

“Guarda quante shopper – Rossella, in compagnia della sorella, mostra fiera i suoi acquisti –. Vestiti, accessori e trucchi: non ci siamo fatte mancare niente! Nessuna di noi due guida. Siamo partite da Napoli con la navetta e l’investimento di 10 euro A/R è valso davvero tutto. Siamo contente! Siamo clienti affezionate del Centro. Troppe occasioni da non perdere!”.

10:36 16/01

di Redazione

Commenta

Anastasio presenta “La fine del mondo"

MARCIANISE. Rivelazione alla 12esima edizione di XFactor 2018. Anastasio, rapper di Meta di Sorrento, ha 21 anni e grandi doti di scrittore, ed è infatti con i suoi testi che ha conquistato il pubblico. Prima di arrivare a XFactor si era fatto conoscere su youtube cantando le sue canzoni e rivisitandone alcune ottenendo migliaia di visualizzazioni. Il suo primo disco “La fine del mondo” è certamente il suo trampolino di lancio. Lunedì 21 gennaio alle 17 Anastasio incontrerà il pubblico e firmerà copie del suo disco al Centro Commerciale Campania di Marcianise. Tutti quelli che compreranno “La fine del mondo” al Mondadori Store avranno un pass esclusivo per l’accesso prioritario al firmacopie. Ingresso libero.

18:05 15/01

di Redazione

Commenta

“La Bottega del Caffè" in scena al Comunale

SCISCIANO. “La Bottega del Caffè", una delle più importanti commedie di Carlo Goldoni, è andata in scena al Teatro Comunale di Scisciano. La regia e l’adattamento è stata del regista Giuseppe La Rezza, che nella vita di tutti i giorni è medico pediatra. Una rilettura in chiave moderna del testo, una rivisitazione dal gusto delicato ma artisticamente forte. Il successo ed il divertimento sono stati assicurati. I protagonisti della commedia sono stati tanti giovani, animati da un solo forte batticuore, l’amore per il teatro. È stato davvero bello ed emozionante vederli  rapiti ed imprigionati in questi personaggi, parlare ed utilizzare la lingua fiorentina, quella usata nel 1750. Il dottor La Rezza è stato geniale nel porre i personaggi come su di un “carillon", muovendosi sul palco a ritmo di musica, trovando una sorta di carillon naturale tra parole, piccola danza e musica, il tutto in sintonia con il testo. Bellissimi i costumi degli attori, tutti originali e con stoffe pregiate. I trucchi sono stati autentici, ispirati alle maschere veneziane. Una maschera grande abbracciava tutto il palcoscenico e cadeva dall’alto, quasi a rimarcare l’autorità e la potenza di cui godeva allora Venezia. Per fortuna il bene vince sempre sul male ed anche questa commedia ha avuto la sua morale, che i vizi purtroppo distruggono le persone, soprattutto quello del gioco e che bisogna sapere ascoltare e cercare di tenere anche i segreti e non spifferare a tutti le cose che si ascoltano. Muovendosi da veri attori, hanno recitato: Cristiano Maria Rossi, Giovanni Di Palma, Francesco Albarano, Luigi Ambrosino, Lucia Esposito, Rosita Allocca, Anna Ambrosino, Giovanni Aliperti, Sergio Cassese, Massimo Damiano, Giovanni Piccolo.  Aiuto regia: Marika Perna. Audio e Luci: Antonio Buonincontro. Musiche: Antonio Franzese. Spettacolo presentato da "Altraccademia" in collaborazione con “I Menaechmi" e “I che brutta figura".

17:40 15/01

di Filomena Carrella

Commenta

Victor Zeta e il Mamamu

Venerdì 18 gennaio, torna sul palco dello storico locale di Napoli, il Mamamu, il progetto Victor Zeta e il loro oramai "classico" cantautorato folk balcanico-mediterraneo.

Per l'occasione, i Victor Zeta si esibiranno in formazione con Victor Zeta alla voce e chitarra, Marcello Vitale alla chitarra e mandolino e Giulio Fazio alla fisarmonica.  

16:33 15/01

di Redazione

Commenta

Emilio Fede porta la politica a teatro

NAPOLI. Mercoledì 16 gennaio 2019, alle ore 11 al teatro Bolivar (via Bartolomeo Caracciolo, 30 a Materdei) è in programma la presentazione de “La politica a teatro”, a cura del giornalista Emilio Fede, una serie di incontri e dibattiti su tematiche di attualità politica, con la presenza di personalità del mondo politico e culturale.

16:01 15/01

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)