Lunedì 24 Settembre 2018 - 12:39

Attacco terroristico
a Copenaghen:
un morto

Spari a un convegno sull'Islam, un civile morto. Nella notte spari contro la sinagoga, ucciso un terrorista

COPENAGHEN. Un uomo di 40 anni ucciso e tre ufficiali di polizia feriti è il bilancio di un attacco a colpi d'arma da fuoco messo a segno poco prima delle 16 ora locale da due uomini all'esterno del caffè Krudttoenden di Copenaghen dove si teneva un convegno su blasfemia, Islam e libertà di espressione. All'evento erano presenti l'ambasciatore di Francia in Danimarca e il vignettista Lars Vilks, autore delle controverse vignette di Maometto, entrambi illesi. Secondo alcune fonti, sarebbero stati sparati una quarantina di colpi.

ATTACCO ALLA SINAGOGA. Colpi d’arma alla Sinagoga di Copenaghen nella notte tra sabato e domenica. Nella sparatoria due agenti della polizia sono rimasti feriti a braccia e gambe e un uomo è stato colpito alla testa. L’attacco potrebbe essere legato all’assalto armato compiuto poche ore prima, sabato pomeriggio, all’interno di un bar della capitale, dove era in corso un dibattito sulla blasfemia e la libertà di parola («Arte, blasfemia e libertà d’espressione»)in ricordo della strage al giornale satirico Charlie Hebdo di inizio gennaio: un uomo è entrato nel locale e ha sparato all'impazzata causando una vittima e tre feriti tra le forze dell'ordine. Solo per caso non è stata una carneficina. L'attentatore si è poi allontanato a bordo di un'auto. Anche l'agguato alla sinagoga sarebbe stato compiuto da un attentatore solitario che si sarebbe allontanato a piedi e sarebbe ora ricercato. Tutto il centro della città è passato al setaccio in queste ore. Difficile, al momento, dire che si tratti della stessa persona. La polizia mantiene la cautela anche sulla correlazione diretta tra i due episodi. Difficile però non vedere delle analogie con i fatti di Parigi: anche in quel caso al primo agguato, alla redazione del settimanale, ne è seguito un secondo che ha preso di mira la comunità ebraica.

La polizia ha riferito che obiettivo dell'attacco era proprio il disegnatore che nel 2007 ritrasse Maometto con il corpo di un cane. Secondo il ministero degli Esteri francese, i tre feriti - poliziotti che erano stati dispiegati a protezione della sede dell'evento - sarebbero in gravi condizioni. Lo stesso Quai d'Orsay ha precisato che gli spari sono cominciati in coincidenza con l'inizio del seminario e che l'ambasciatore, che stava presentando gli ospiti, si è rifugiato sotto un tavolo. «Tutto suggerisce che la sparatoria sia stata un attacco politico e quindi un atto di terrorismo» ha detto il primo ministro danese, Helle Thorning-Schmidt. La polizia, ha aggiunto, è in allerta e »ogni risorsa è stata dispiegata" per dare la caccia ai due attentatori, che sarebbero fuggiti a bordo di una Volkswagen Polo. «Circostanze fanno presumere che la sparatoria sia stata un attacco terroristico" affermano anche i servizi di sicurezza danesi. Secondo l'Intelligence danese, l'attacco "sembrava essere stato pianificato». La televisione danese TV2 ha riferito di aver visto 30 fori di proiettile fuori dal Krudttoenden café dove si teneva il convegno organizzato sulla scia degli attacchi del 7 gennaio scorso contro la rivista satirica Charlie Hebdo, costati la vita a 12 persone.

20:51 14/02

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli