Martedì 13 Novembre 2018 - 22:23

Migranti, Gentiloni: «Italia unico Paese europeo con politica decente»

Il premier al meeting del Cuamm "Medici per l'Africa”

L'Africa per l'Italia si trova "in una posizione strategica e, diciamolo l'Italia è l'unico Paese che ha una politica sui temi migratori decente nell'Europa di oggi". Così il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni parlando al meeting del Cuamm, 'Medici per l'Africa'. «Quando - aggiunge - Juncker dice che l'Italia ha salvato l'onore dell'Europa sul tema noi siamo orgogliosi. Noi - continua - non alziamo i muri, non chiudiamo i porti, e lavoriamo per sottrarre i flussi ai criminali».

In meno di anno, l'ultimo progetto sulle mamme e sui bambini del Cuamm Medici con l'Africa ha permesso di assistere in sette Paesi africani oltre 55.200 parti, 2.410 bambini malnutriti gravi e 17.167 malnutriti cronici. Per fare il punto sull'esperienza del primo anno di 'Prima le mamme e i bambini. 1000 di questi giorni', la prima Ong italiana in campo sanitario ha chiamato a raccolta 1.800 persone, tra società civile e ospiti istituzionali. "Grazie, semplicemente, per quello che fate: il vostro esempio fa bene all'Italia", ha detto il presidente del Consiglio, alla platea di cittadini impegnati, tra medici rientrati, associati di ong, gruppi d'appoggio a livello locale, donatori, volontari e semplici sostenitori. L'appuntamento al Teatro della Luna è stato una sorta di assemblea collettiva per fare il bilancio del progetto lanciato lo scorso anno, il 5 novembre, alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. L'obiettivo del programma, da 15 milioni di euro, è quello di raddoppiare i parti assistiti all'anno nei prossimo cinque anni. Partito da quattro paesi, si è esteso a dieci ospedali e a sette stati africani: i fondi raccolti permetteranno di garantire a 320mila mamme il diritto al parto assistito e l'assistenza nutrizionale per i loro figli nei primi due anni di vita in Angola, Etiopia, Mozambico, Sierra Leone, Sud Sudan, Tanzania, Uganda. I medici impegnati in Africa hanno raccontato di persona l'emergenza fame in Sud Sudan o, ad esempio, la lenta 'ripartenza' della Sierra Leone dopo l'epidemia di Ebola. "Bisogna fare di più e meglio con l'Africa, con più coraggio e più determinazione", ha esortato il direttore del Cuamm, don Dante Carraro. La percezione di molti, infatti, è che la situazione nel Continente sia in molti casi peggiorata o, per dirla con le parole di Gentiloni, che l'Africa "sia di nuovo in bilico". 

17:40 11/11

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici