ROMA. L’avventura di Solar Impulse 2 è cominciata: dopo rinvii legati a problemi di diversa natura, l’aereo alimentato unicamente ad energia solare è decollato da Abu Dhabi per fare il giro del mondo in 12 tappe e cinque mesi. A pilotarlo nella prima tappa è André Borschberg, mentre Bertrand Piccard subentrerà a Muscat, capitale del Sultanato dell’Oman, per condurlo verso Ahmedabad (in India). Con tanto di diretta streaming, l’impresa punta al record: fare il giro del mondo senza una goccia di carburante. Il velivolo, un quadrimotore ultraleggero costruito dal Politecnico di Losanna, è il secondo aereo di questo tipo realizzato in Svizzera, ha un’apertura alare di 72 metri (più di un Boeing 747) e pesa appena quanto un Suv. Il viaggio è di 35mila chilometri e i giorni effettivi di volo dovrebbero essere 25.