Giovedì 15 Novembre 2018 - 20:59

Tutti a terra i 450 migranti

Verranno poi smistati nei paesi della Ue che hanno annunciato la loro disponibilità ad accoglierne una parte

E' terminato lo sbarco al porto di Pozzallo dei 378 migranti dei 450 rimasti a bordo delle due navi della Guardia di Finanza e del dispositivo Frontex. In 377 uomini sono stati accompagnati all'hotspot di Pozzallo, un solo uomo è stato portato in ospedale per una ferita a un piede. Il pattugliatore della Finanza, Monte Sperone, e la Protector di Frontex si trovavano da quasi due giorni in rada in attesa delle comunicazioni. 

Le donne e i bambini erano stato trasbordati già ieri pomeriggio a bordo di piccole motovedette della Guardia costiera, su disposizione del Viminale. Soltanto poco prima di mezzanotte è arrivato, invece, l'ok dal Governo per fare scendere anche gli uomini che da oltre 24 ore stavano sulle due navi al largo di Pozzallo.

I 450 migranti verranno poi smistati nei paesi della Ue che hanno annunciato la loro disponibilità ad accoglierne una parte. Dopo Francia, Malta, Germania, Spagna e Portogallo, oggi anche l'Irlanda ha accettato il ricollocamento di 20 migranti.

Tra i minori non accompagnati sbarcati ieri sera a Pozzallo anche un ragazzino eritreo di 15 anni, arrivato da solo in Sicilia dopo aver perso il padre durante la traversata nel deserto. Magro, triste, taciturno, il minore ha raccontato con fatica la sua odissea al team di Save the children, riferisce la portavoce Giovanna Di Benedetto.

Durante lo sbarco la Squadra mobile di Ragusa ha fermato alcuni uomini con l'accusa di essere gli scafisti della traversata nel mare. Gli uomini sono stati portati in Questura e interrogati. Gli interrogatori "non si esclude che potrebbero sfociare in arresti", ha spiegato il sindaco di Pozzallo Roberto Ammatuna.

E' "una vittoria dell'Italia tutta e dell'Europa, ha commentato inoltre il primo cittadino, che per 48 ore ha seguito la vicenda da vicino. "Con questo sbarco la consolidata capacità organizzativa è stata messa a dura prova - sottolinea Ammatuna - Si rende opportuno un celere incontro con il Ministro Salvini per discutere e approntare ogni dettaglio per il futuro - conclude - al fine di evitare possibili errori che potrebbero compromettere un lavoro certosino che viene effettuato da anni avendo cura nei minimi dettagli".

12:59 16/07

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici