Sabato 17 Novembre 2018 - 8:41

Cantone teste: «Landolfi mi segnalò caso di estorsione»

Il presidente dell'Anac testimone nel processo che vede imputato l'ex ministro delle Telecomunicazioni

SANTA MARIA CAPUA VETERE. «Nel 2002, quando il boss di Mondragone Augusto La Torre era già in cella ma non aveva ancora deciso di collaborare, Mario Landolfi (allora deputato di An) mi contattò per parlarmi del tentativo di estorsione subito da un imprenditore ad opera di un uomo di La Torre. Su mio consiglio l'imprenditore denunciò il suo estorsore ai carabinieri, che lo arrestarono e da allora iniziò il declino del clan». Affermazioni rilevanti quelle rilasciate al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere dal presidente dell'Anac Raffaele Cantone, sentito come testimone al processo che vede imputato l'ex ministro delle Telecomunicazioni ed ex deputato di An e Pdl Mario Landolfi, accusato di corruzione e truffa con l'aggravante mafiosa. Landolfi oggi, in aula, ha annunciato la sua rinuncia alla prescrizione per i vari capi di imputazione. «Landolfi contribuì a smantellare il clan La Torre?» chiede l'avvocato Michele Sarno, difensore dell'imputato. «Ci mise in contatto con l'imprenditore, che poi lasciò Mondragone e fu inserito nel programma di protezione» risponde l'ex pm. 

20:59 17/07

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale