NAPOLI. «La legge Severino sta bene come sta. Se la possono impacchettare con la nocca e la carta argentata e mettere in frigo. A me della legge Severino non interessa assolutamente niente», a dirlo e il sindaco di Salerno e candidato alla regione Campania per il Pd Vincenzo De Luca, a Napoli per un'iniziativa a Città della Scienza. «Come ho già detto, mi sono mosso, mi muovo e mi muoverò nell'ambito del più rigoroso rispetto delle leggi». Ma il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, anch'egli a Napoli, gela lo sceriffo: «Facciamo i complimenti a Vincenzo, è stato ottimo sindaco ed è mio amico. Noi abbiamo il compito di far rispettare la legge, se poi si decide di cambiarla lo deciderà il Parlamento».