Sabato 17 Novembre 2018 - 12:56

Morto il boss Ciro Lepre “’o sceriffo": è finita la vecchia camorra del Centro

Il capoclan stava scontando una pena per associazione ed estorsione, ma più volte era stato necessario il ricovero

NAPOLI. Aveva avuto una ischemia cardiaca il 28 maggio al carcere di Nuoro in Sardegna. Poi fu trasferito all’ospedale Molinette di Torino e infine ha avuto i domiciliari il 2 marzo, dopo una lunga battaglia giudiziaria. È morto ieri mattina nella sua casa del Cavone, un budello di vicoli tra via Salvator Rosa e piazza Dante a Napoli, il boss Ciro Lepre, soprannominato “lo sceriffo". Lo conoscevano così perché era in grado di controllare il quartiere come uno sceriffo, con le vecchie leggi della strada e del far west. Il capoclan stava scontando una pena per associazione ed estorsione per aver imposto tangenti a una società che si occupava del lavaggio di biancheria ospedaliera a Napoli e Caserta, ma più volte, durante la sua detenzione, era stato necessario il ricovero per sottoporsi alle cure. Diverse volte i familiari, in primis la moglie Vincenza Cianciulli, hanno lanciato appelli ai media affinché il loro congiunto fosse curato in una struttura ospedaliera per il male che lo affiggeva. Ciro Lepre ha una storia criminale che affonda le radici nel passato. 

CONTINUA A LEGGERE SUL ROMA IN EDICOLA O SUL GIORNALE ONLINE

 

 

12:43 3/09

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale