Sabato 17 Novembre 2018 - 21:25

Omicidio Reparato: il boss Cesare Pagano confessa ed evita l’ergastolo

Con lui alla sbarra anche Oreste Sparano e Costanzo Apice: incassano 20 anni

NAPOLI. Anche questa volta è bastato ammettere in aula, alzare la mano e ottenere il minimo della pena per un omicidio di camorra. È accaduto davanti ai giudici della seconda Corte d’Assise di Napoli che hanno giudicato i killer di Ciro Reparato, affiliato al clan Di Lauro di Secondigliano, assassinato il 31 gennaio del 2008. Erano imputati Oreste Sparano, difeso dagli avvocati Claudio Davino e Michele Caiafa, Costanzo Apice, avvocato Davino, Cesare Pagano, difeso da Domenico Dello Iacono e Elmilio Martino, e Raffaele Amato. I primi due erano stati condannati in primo grado a 30 anni di carcere e ritenuti gli esecutori materiali dell’agguato che sancì la rottura totale tra gli scissionisti e il nuovo clan Di Lauro, risorto dalle ceneri della prima faida di camorra. E il Pg aveva chiesto l’ergastolo. 

13:50 16/06

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale