Mercoledì 14 Novembre 2018 - 8:49

Pozzuoli, traffico di droga per conto del clan: due condanne

La Cassazione annulla, il processo torna in Appello. Otto anni per Antonio Luongo, nove per Pasquale Lucci. Assolto Giovanni Marfella

POZZUOLI. Due condanne e un’assoluzione. È questa la sentenza della Corte di Appello di Napoli nei confronti di tre uomini del clan, finiti in manette nel 2008 nel corso di un’operazione contro il traffico di droga gestito del clan Beneduce  nei quartieri di Monterusciello, Rione Toiano e a via Napoli. Si tratta di Antonio Luongo, 37 anni, detto “o pazz”,  condannato a 8 anni di reclusione in quanto ritenuto capo e promotore di un’organizzazione  dedita al traffico di sostanze stupefacenti; Pasquale Fabio Lucci, 35 anni, condannato a 9 anni; e Giovanni Marfella, 28 anni, assolto dopo una precedente condanna a 10 anni. I tre sono difesi dagli avvocati Antonio Abet, Giuseppe Perfetto e Achille Rinforzi. Sentenze ribaltate dopo che nel 2011 la Cassazione aveva annullato le pensanti condanne nei confronti dei tre. Infatti, in Primo Grado e poi in Appello Luongo era stato condannato 26 anni, Marfella a 10 anni e Lucci a 12 anni di reclusione. Ma la Suprema Corte aveva annullato tutto e il processo era ritornato in Appello. Nel 2011 la tesi difensiva dell'avvocato Abet aveva dimostrato che non sussisteva un sottogruppo del clan facente capo a Luongo e che Marfella e Lucci non facevano da promotori a Luongo. Elementi mutuati dal processo per associazione. Da qui la decisione della Cassazione di annullare le sentenze fino all’epilogo di ieri. I tre erano finiti in manette per i reati di “associazione per delinquere finalizzata all'acquisto e alla vendita di stupefacente” il 15 luglio 2008 su disposizione del Gip presso il Tribunale di Napoli e su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia. L'operazione scaturì a seguito dei controlli delle attività illecite condotte dal clan Beneduce che ha nel Rione Toiano, a via Napoli e a Monterusciello le piazze di spaccio della droga. Indagini partite dal maggio del 2003, quando fu emessa una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di esponenti della fazione che fa capo a Gennaro Longobardi. Nel corso delle indagini, condotte attraverso le intercettazioni telefoniche ed ambientali e i racconti dei collaboratori di giustizia, partirono serrate attività investigative in merito alla vendita di sostanze stupefacenti al Rione Toiano. Periodo in cui si registrò l’ascesa di Antonio Luongo, detto “o pazz”, quale braccio destro di Gaetano Beneduce.

13:40 14/02

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici