Mercoledì 14 Novembre 2018 - 15:22

Racket a prostitute e trans: è libero il figlio di Mazzarella

In carcere perché accusati di imporre tangenti: il Riesame cancella tutto

NAPOLI. Manco due settimane e il Tribunale del Riesame ha scarcerato Francesco Mazzarella, il figlio del boss Vincenzo. Incensurato era stato accusato di essere uno degli estorsori di prostitute che “lavorano” su San Giovanni a Teduccio. Una inchiesta complicata che si è avvalsa sia di intercettazioni telefoniche che del racconto di una delle donne che è stata vittima. Merito della strategia difensiva dell’avvocato Sergio Lino Morra che studiando il provvedimento emesso dal gip di Napoli su richiesta della Dda è riuscito a dimostrare che non c’erano le esigenze cautelari necessarie per trattenere in carcere il rampollo della famiglia di San Giovanni a Teduccio, figlio Vincenzo detto “’o pazzo”. Tra le persone scarcerate c’è anche Daniele Noviello, conosciuto come Tony. Per lui la misura è risultata inefficacia per un difetto di notifica. Assistito dall’avvocato Leopoldo Perone è tornato libero.
Secondo l’accusa transessuali e gay che si prostituivano tra San Giovanni a Teduccio e Gianturco non sfuggivano alla morsa di un gruppo legato ai Mazzarella e capeggiato da una donna molto conosciuta nell’area orientale di Napoli: Annalisa Improta detta “Lisa” o “Mamma”,  sorella di Antonio “o’ provolone”, autista di fiducia della famiglia Mazzarella ammazzato in un agguato nel 2004, e Raffaele “o’ bumbularo”, ucciso il 6 giugno 1991.  Con lei collaboravano altre 4 trans, che l’accompagnavano nei giri notturni per controllare i movimenti delle “lucciole” sotto pressione. Un giro di estorsioni, tra i 10 e i 30 euro a notte, che si consumava da anni tra via Reggia di Portici, via Brin, via Galileo Ferraris e via Gianturco. Fino a quando una cittadina albanese, arrivata in Italia con bel altri sogni che finire sui marciapiedi, s’è stufata e seguita dopo poco tempo da una connazionale ha denunciato i malviventi.
A dimostrazione del legame del gruppo con il clan Mazzarella del quartiere Poggioreale c’è una circostanza importante: tra gli 9 arrestati c’era anche Francesco Mazzarella, incensurato 25enne figlio del boss Vincenzo “o pazzo”. Il giovane è stato riconosciuto in foto da una delle vittime per un apparecchio acustico ed è accusato di gravi minacce alle vittime del “pizzo” insieme con Antonio Sarnelli, esponente dei Mazzarella del rione Luzzatti, ma non è bastato per trannerlo in galera. Le accuse, a seconda delle varie posizioni, sono di associazione per delinquere finalizzata all’estorsione e all’usura e di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Il bilancio dell’inchiesta, coordinata dalla procura ordinaria, comprende anche una donna denunciata a piede libero:  Pasqualina Improta, sorella di Annalisa, per la quale il gip non ha ritenuto sufficienti gli indizi per far scattare la misura cautelare. Le comunque, è già detenuta per altri reati. Le indagini, condotte dai carabinieri della compagnia Poggioreale, sono partite dalla denuncia presentata dalla giovane albanese, ma l’asso nella manica degli inquirenti è stata una microspia piazzata nell’autovettura di “Lisa”.  Così si è scoperto il capillare controllo in particolare sui trans che si prostituivano nella zona, ai quali era stata assegnata una “postazione fissa”.  Spostamenti e orari venivano monitorati senza sosta e con la violenza e le minacce gli indagati (da ritenere innocenti fino all’eventuale condanna definitiva) avevano imposto il pagamento di 30 euro al giorno: la somma necessaria per prostituirsi ”tranquillamente”. Attraverso l’ascolto delle conversazioni e mettendo sotto controllo man mano i telefonini dei “sospetti”, sono emersi anche prestiti di denaro ad usura.

 

17:56 14/08

di Bruno Pavone


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici