di Luigi Nicolosi

NAPOLI. Stupro alla stazione della Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano, il baratro dell’orrore potrebbe essere stato appena scoperchiato. Gli inquirenti della Procura di Napoli temono che la violenza consumatasi martedì scorso ai danni di una 24enne di Portici possa non essere stato l’unico episodio da brividi. Già la giovane vittima era stata tra l’altro avvicinata appena venti giorni prima sempre dalla stessa gang. Ma le indagini sul caso non sono ancora giunte al capolinea e l’ipotesi adesso al vaglio del pool guidato dall’aggiunto Raffaello Falcone vede la comitiva al centro di un atroce sospetto: anche altre ragazze potrebbero essere finite, seppur con esiti meno drammatici, nelle loro grinfie. Gli inquirenti, sul punto, vogliono vederci chiaro e fino in fondo. 

CONTINUA A LEGGERE SUL GIORNALE ONLINE