Una vita ricca di emozioni quella di Gaetano Russo, una vita che accanto alla passione per la buona tavola ed i grandi vini (espressa professionalmente insieme all'altro paladino della gastronomia e del buon bere, Antonio Triunfo nella celebre e storica “Cantina di Triunfo” alla Riviera di Chiaia) trova un'altra emozionante forma d'espressione nella poesia napoletana. Autore di deliziose poesie composte nella stessa lingua che fu di Ferdinando Russo, Libero Bovio e Salvatore Di Giacomo, il bravo verseggiatore napoletano tra una specialità gastronomica, un Cannubi ed un Sassicaia, sembra trovare ulteriore ristoro nella composizione di poesie che trattano di tradizione, di usi, costumi e personaggi. E tra i tanti personaggi cui il poeta Russo ha dedicato una sua poesia, si è aggiunto, proprio in questi giorni, uno dei più grandi difensori del calcio italiano di tutti i tempi come Ciro Ferrara. Una poesia, quella dedicata al Ciro nazionale, intitolata “Girù” che evoca l'infanzia del campione ed il suo amore per il pallone composta da questi emozionanti e passionali versi.

'Ncoppa Pusilleco 'll’unnice fevraro d' 'o sissantasette,
nascette 'nu criaturo già cu' ‘a maglia e cu’ ‘e scarpette.
‘A piccerillo pe' mmeza d' 'o denucchio,
arrummaniste 'ncoppa 'a seggia comme a Pinocchio.

Ma tenive ‘o pallone dint' ‘a capa e dint' ‘o core, 

e ‘a ciorta te fuje amica e te facette addiventa' ‘o 'cchiù forte difensore.
‘O uttantacinche o’ suonno tuio addiventaie overo,
ire abbiato 'a carriera toja comme a 'nu guerriero.

'A 'ggente allucava “Girù” sbattennese 'a mano 'mpietto,
quanno ‘o Napule vincette ‘o primmo scudetto.
'Mmiez' 'o campo ire 'nu di' ‘e mastino,
'll’attaccanti cu' 'tte jucavano a nascondino.

T’hanno sempe vuluto bene tutte quante,
e 'a vita toja nun sape che so' ‘e rimpianti.
'O core tujo spara ammore comme a 'nu cannone,
Cu’ tutto 'o 'bbene ca faje cu' ‘a fondazione.

Si' amico ‘e tutte quante,
partenno d' 'o pustino e arrivanno ‘o famoso cantante.
Maje te scurraraje ‘a città d' 'e scugnizze,
e mo' grazie a 'tte a Torino sanno che d'è ‘a vera pizza.

Si' jucatore, allenatore e 'ncoppa a tutto pate 'e figli,
e cu' 'lloro nun t'è maje asciuto 'nu sbadiglio.
Tu pe' 'mme si' 'n’idolo e 'n’esempio 'e vita,
speranno ca 'sta storia è rimasta a 'tte gradita.

Giuseppe Giorgio