Mercoledì 19 Settembre 2018 - 8:09

L'Europa sfila a Tunisi tra la gente
per la marcia contro il terrorismo

Renzi: non la daremo vinta al terrorismo e agli estremisti

TUNISI. Grande marcia a Tunisi per dire no al terrorismo dopo l’attacco al Museo del Bardo che, 11 giorni fa ha provocato 22 morti, di cui 4 italiani. Decine e decine di migliaia di persone sono scese in strada accogliendo l’invito del presidente tunisino a prendere parte alla marcia. “Tunisia libera, terrorismo fuori”, “Il nostro paese è più forte di voi”, gridavano i manifestanti, molti dei quali sventolavano la bandiera tunisina, sfilando lungo l’Avenue du 20 mars a Tunisi.

Con la gente hanno sfilato anche il presidente tunisino Beji Caid Essebsi, il premier italiano Matteo Renzi, la presidente della Camera Laura Boldrini, il capo di Stato francese Francois Hollande, il presidente polacco e quello palestinese, Bronislaw Komorowski e Mahmoud Abbas, e il capo del governo algerino Abdelmalek Sellal.
«La Tunisia non è sola in questa battaglia contro il terrorismo, quanto accaduto al museo Bardo è terribile per la Tunisia, per l’Europa tutta», ha detto il presidente del Consiglio, ricordando che anche l’Italia ha avuto le sue vittime. «È una ferita terribile che squarcia la storia anche di alcune famiglie italiane - aggiunge - La Tunisia non è sola siamo insieme nella battaglia difficile per la democrazia. Non la daremo vinta ai terroristi, non lasceremo il futuro in mano agli estremisti».
Per Hollande «era necessario partecipare a questa marcia, i tunisini auspicavano la presenza della Francia e la Francia voleva essere al fianco dei tunisini che sono stati all’origine delle primavere arabe e sono stati vittima, con cittadini di molte nazionalità, di un atto terroristico odioso».
«Un grande saluto al popolo tunisino che ha dimostrato che non intende cedere al terrorismo. Grazie a tutti e dico al popolo tunisino: “Avanti, non sei solo”, ha dichiarato l’88enne Essebsi, presidente della Tunisia.
Il presidente della Camera Boldrini ha ricordato che quella di Tunisi è «una marcia per dire no alla violenza che ha aggredito la giovane democrazia tunisina. Per dire no alla violenza in nome di Dio, per dimostrare che questo Paese non indietreggerà di un passo di fronte alla minaccia terroristica. Che in tanti siano scesi in strada - ha aggiunto - è un segnale prezioso, perché la sconfitta del terrorismo a matrice religiosa può venire solo dal rifiuto e dalla ribellione degli stessi musulmani. A questo segnale l’Europa deve saper rispondere. Per questo eravamo qui oggi, per dirgli che siamo al loro fianco. Perché globale è la minaccia e globale dev’essere la risposta».
La manifestazione si è conclusa davanti al Museo del Bardo per esprimere la solidarietà del mondo alle vittime dell’attacco terroristico del 18 marzo, rivendicato dall’autoproclamato Stato islamico.

E a poche ore dallo svolgimento della marcia, nove terroristi islamisti sono stati uccisi da unità speciali tunisine a Kafsa, nella parte meridionale della capitale. Lo riferisce il ministero dell’Interno tunisino, precisando che tra i morti figura un leader di spicco del movimento jihadista che opera nel paese.

19:39 29/03

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno