WASHINGTON. Gli Stati Uniti hanno offerto una ricompensa complessiva di 20 milioni di dollari a chiunque fornirà informazioni su altri quattro uomini considerati figure di primo piano dello Stato islamico. Lo ha riferito il dipartimento di Stato americano. In particolare una taglia di 7 milioni è stata messa su Abd al-Rahman Mustafa al-Qaduli, considerato un importante esponente dell'Isis e in precedenza vice del leader di al Qaeda in Iraq Abu Musab al-Zarqawi, ucciso nel 2006. Sono invece cinque i milioni offerti per il portavoce ufficiale dell'Isis Abu Mohammed al-Adnani e altrettanti per Tarkhan Tayumurazovich Batirashvili, responsabile delle operazioni nel nord della Siria e supervisore di una prigione ad al-Tabqa dove si ritiene siano stati rinchiusi ostaggi stranieri. Infine le informazioni su Tariq Bin-al-Tahar Bin al Falih al-'Awni al-Harzi, considerato il responsabile dei kamikaze dello Stato islamico, sono valutate 3 milioni di dollari.

I quattro entrano così a far parte di una lista di sospetti terroristi del Rewards for justice program, il sistema di ricompense gestito dal dipartimento di Stato che in testa, con una taglia di 25 milioni di dollari, vede Ayman al-Zawahiri, nominato capo di al-Qaeda nel giugno 2011, poco dopo la morte di Osama Bin Laden. Segue, con una taglia di dieci milioni, il leader dell'Isis, il "califfo" Abu Bakr al-Baghdadi.