NAPOLI. «È una bella giornata di gioia in cui si coniugano legalità e giustizia e i legami fondati sull'amore. Una giornata che cade in un momento in cui c'è qualcuno che pensa che le libertà vadano ristrette invece che riconosciute. I bambini sono tutti uguali e l'uguaglianza di diritti è uno dei capisaldi di ogni comunità e ordinamento democratico». Così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, dopo aver firmato gli atti di nascita di 11 bambini registrando entrambi i nomi dei genitori riconoscendo ufficialmente il loro diritto alla bigenitorialità. Per sette coppie composte da due donne si è proceduto al riconoscimento della seconda mamma, mentre per le due coppie di uomini, i cui figli sono nati all'estero in Paesi il cui ordinamento giuridico già riconosce il secondo padre, si è proceduto alla trascrizione degli atti nell'anagrafe del Comune di Napoli. Da oggi, quindi, 11 bambini figli di coppie napoletane omogenitoriali hanno ufficialmente due genitori.