Giovedì 17 Gennaio 2019 - 11:12

Grasso: «M5S ondivago, sull'intesa valuteremo»

Il leader di LeU: il voto a noi è il voto alla sinistra

ROMA. Laura Boldrini chiude a qualsiasi alleanza con M5S? "Comprendo", "però poi decide qualcun altro". Lo ha detto il leader di Liberi e Uguali, Pietro Grasso, a 'L'intervista' su SkyTg24, aggiungendo "certo" alla domanda di Maria Latella se sarà lui a decidere.

A proposito di eventuali accordi con il Movimento il presidente del Senato ha aggiunto: "Dopo il voto valuteremo la situazione: il M5S è però così ondivago che non riusciamo a capire le sue politiche: un giorno è per l'euro, un giorno apre alle alleanze, un giorno è per l'Europa, un giorno no. Quando riuscirà a dare l'esatta valutazione alle sue politiche forse anche noi potremo fare delle valutazioni".

LOMBARDIA - Odio di Leu verso il Pd? Quella di Gori "è una visione distorta - ha affermato - Non ci sono né rancori né odii. Noi parliamo di politiche di sinistra e dalle sue parti le promesse non sono state mantenute".

LAZIO - Invece "nel Lazio la situazione, rispetto alla Lombardia, è diversa. Ho convocato anche per il Lazio un'assemblea dei delegati regionali che mi hanno dato un mandato per trattare con il presidente Zingaretti, che ricordo è in carica, per portare avanti politiche di sinistra". Da Zingaretti, ha aggiunto, possono arrivare "segnali di discontinuità".

ELEZIONI - "Il voto a Leu è il voto che rappresenta quelli che sono i valori e i principi della sinistra - ha rimarcato il presidente del Senato - I voti li ha levati forse Renzi quando ha cambiato la sua politica spostandola verso destra. Noi cerchiamo di recuperare i voti che ha perso Renzi, che era partito dal 40% e ora è al 20%".

Quanto a un governo con Forza Italia "non è che lo escludo io, ma le loro politiche che non potranno mai essere compatibili con le nostre. Per noi la componente essenziale per ogni alleanza è una svolta a sinistra, giustizia sociale, rivoluzione dell'uguaglianza, il diritto di avere diritti".

"NON SONO UOMO SOLO AL COMANDO" - "Non sono un uomo solo al comando - ha detto Grasso - non mi sento un 'leader', sono convinto che la politica non possa essere fatta così. Io sono a capo di un gruppo dove c'è pluralismo. Ed ho ottimi rapporti con tutti e pure con D'Alema".

BANCHE - Poi il capitolo banche. "Penso che se fossi presidente del Consiglio starei molto attento alle cose che dico, soprattutto a un finanziere" ha affermato. Alla domanda se lui facesse colazione con i 'poteri forti', il presidente del Senato ha replicato: "La mattina faccio colazione con mia moglie". Quanto alla commissione banche, "se la relazione non ci soddisfa, dovremmo riprenderla nella prossima legislatura".

21:14 13/01

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica