FIRENZE. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, partecipando a Scandicci all'inaugurazione dell'anno accademico della Scuola Superiore della Magistratura, ha lanciato un monito al mondo della giustizia, spiegando che quello del magistrato deve essere «un compito né di protagonista  assoluto del processo né di burocratico amministratore di giustizia. Si tratta di due atteggiamenti che snaturano la fisionomia della funzione esercitata». Mattarella ha ricordato il monito di Calamandrei: «Il pericolo maggiore che in una democrazia minaccia i giudici è quello dell'assuefazione, dell'indifferenza burocratica, dell'irresponsabilità anonima».