Giovedì 15 Novembre 2018 - 18:48

Pd in piazza il 29, M5S all'attacco: «Sarete tra intimi»

A Roma contro il governo

Il 29 settembre il Pd sarà in piazza a Roma contro il governo. "Sarà 'la piazza per l'Italia che non ha paura'", dice il segretario del Pd, Maurizio Martina, in un'intervista alla Repubblica, annunciando una manifestazione nazionale per rilanciare e rivitalizzare il rapporto tra partito e cittadini. "Penso che sia venuto il momento - spiega -di chiamare a una mobilitazione nazionale gli italiani che non si rassegnano a vedere questo Paese in preda ai seminatori di odio. Il Pd fa un passo avanti e chiede a tutti di fare altrettanto".

"Milano - aggiunge Martina riferendosi alla manifestazione di protesta per l'incontro tra Salvini e Orban - è stato un segnale chiaro che va colto. Proprio per questo promuoviamo una manifestazione nazionale a Roma, chiamando a raccolta persone ed energie,come tappa essenziale del nostro lavoro. Tanti lo chiedono. Insieme dobbiamo costruire un'alternativa al governo, un progetto unitario, un pensiero nuovo. Il momento lo impone".

"Lega e Cinque Stelle stanno demolendo i sacrifici fatti dagli italiani. L'Italia sta diventando la frontiera più delicata del futuro europeo. Affronteremo un autunno rischioso dal punto di vista economico e sociale. L'attuale governo maneggia con una superficialità disarmante questioni che hanno a che vedere con la fatica che la gente ha fatto in tutti questi anni di crisi", conclude Martina.

L'annuncio ha scatenato l'ironia dei 5 Stelle. "Il popolo italiano non dimentica, e se a fine mese Martina e i suoi andranno in piazza sarà un appuntamento tra intimi, come è stato alle urne lo scorso 4 marzo'', commenta Manlio Di Stefano, sottosegretario M5S agli Esteri. ''Martina - afferma - pensa a un nuovo Pd, quando tutto, nella politica dem, resta vecchio. Forse il segretario dimentica cosa rappresenta il suo partito per il Paese: l'ex governo delle inchieste penali della famiglia Renzi, dei favori ad Autostrade, dello svendersi all'Ue per 80 euro di flessibilità.

''Come fa Martina - chiede - a parlare di un nuovo partito che si butti nel Paese reale, se l'esecutivo di cui faceva parte viveva nel mondo dei sogni e delle banche? Se è sua intenzione allearsi con un Macron che vuole fare dell'Italia l'unico porto di approdo per i migranti? L'ipotetico nuovo Pd sarà esattamente come il vecchio, con il solo chiodo fisso di gestire l'accoglienza con le proprie cooperative".

"La fatica e i sacrifici della gente, di cui parla Martina, sono gli stessi sui quali il Pd ha sciacallato con i suoi sprechi, come i 150 milioni dell'Air Force Renzi. Siamo noi, che stiamo ricomponendo i cocci di un'Italia distrutta dai vecchi partiti, che abbiamo inaugurato la Terza Repubblica con il governo del cambiamento e che siamo realmente al fianco dei cittadini, a rappresentare il presente e il futuro. Loro potranno anche cambiare nome al partito, ma l'intento resterà sempre e solo occupare le poltrone'', conclude Di Stefano.

14:53 1/09

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici