ROMA. Alla vigilia delle elezioni in Veneto torna a spaccarsi la Lega Nord. E i leader del partito si ritrovano adesso al centro di uno scontro che si fa giorno dopo giorno sempre più acceso. Matteo Salvini e Roberto Maroni hanno infatti deciso di fare squadra contro Flavio Tosi, schierato a sua volta contro Luca Zaia. Le ragioni del braccio di ferro tra il segretario del Carroccio e il sindaco di Verona vanno ricercate nel dubbio di quest’ultimo circa la sua partecipazione alla manifestazione della Lega prevista per sabato a Roma. Ma il nodo principale ancora da sciogliere riguarda le prossime elezioni regionali in Veneto: Salvini sostiene la ricandidatura dell’attuale governatore Zaia, mentre il sindaco Tosi si propone come candidato capace di guardare anche al centro.