CASERTA. Erano stati costretti a ospitare nel proprio locale di Cellole, gratuitamente e senza potersi rifiutare, cerimonie e ricevimenti per familiari e parenti di alcuni pregiudicati legati al clan camorristico dei Muzzoni attivo a Sessa Aurunca. È quanto emerso nel corso delle indagini condotte dai finanzieri del Comando provinciale di Latina e coordinate dalla Dda di Napoli. Quattro le persone destinatarie di un'ordinanza cautelare per estorsione tentata e consumata, con l'aggravante del metodo mafioso.