CASTELLAMMARE. Derubavano gli utenti della Circumvesuviana, in manette. Questa mattina, a Castellammare di Stabia, i Carabinieri dell’Aliquota Operativa della locale Compagnia e quelli della Stazione di Vico Equense hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina a carico di due indagati (uno è sorvegliato speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno a Castellammare e l’altro ha l’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria) ritenuti responsabili di alcuni furti con destrezza commessi tra settembre 2016 e agosto 2017 nel tratto stabiese della linea Eav (ex circumvesuviana) Napoli – Sorrento. L’indagine, coordinata dalla Procura di Torre Annunziata e condotta dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia stabiese e della Stazione di Vico Equense mediante servizi a bordo dei treni e visione delle telecamere di videosorveglianza installate all’interno delle stazioni ferroviarie, ha consentito di: accertare le responsabilità degli indagati, in concorso tra loro, di un furto con destrezza avvenuto nel settembre del 2016 presso la stazione della linea Eav (ex circumvesuviana) di Castellammare di Stabia ai danni di un turista; appurare il coinvolgimento di uno dei due in un analogo episodio criminoso consumatosi, in concorso con un altro soggetto rimasto ignoto, nell’agosto del 2017 presso la stessa stazione ferroviaria e sempre ai danni di un turista; ricostruire il modus operandi dei due indagati consistente nell’avvicinarsi alle vittime nel momento di apertura delle porte del treno e qui, approfittando della calca in ingresso e in uscita, riuscire a procurarsi un contatto fisico con la vittima alla quale sottraevano il portafogli.