CASERTA. Le carceri campane ancora nell'occhio del ciclone: un detenuto ha tentato di strangolare un agente e poi ha aggredito un poliziotto penitenziario a Carinola, mentre è stata trovata droga nel minorile di Airola. A denunciare gli episodi di violenza Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe: «Giovedì un detenuto definitivo, con fine pena 2025 e inserito nel circuito media sicurezza, già protagonista di altri eventi critici, ha aggredito i poliziotti di servizio nella Casa di reclusione di Carinola, a Caserta. In particolare un assistente capo coordinatore di Polizia Penitenziaria, nel tentativo di contenere la furia del detenuto che aveva stretto le mani al collo di un altro collega, nella colluttazione ha subito traumi e lesioni tali da essere ricoverato in via d'urgenza presso il pronto soccorso dell'ospedale di Caserta, dove gli è stata riscontrata anche una lussazione al braccio».