Venerdì 14 Dicembre 2018 - 18:59

Di Maio e i disoccupati

Opinionista: 

Mimmo Della Corte

Al Sud servono investimenti veri, non assistenzialismo mascherato. Ma c'è ancora chi, ne propone lo sviluppo provvedimenti (tipo reddito di cittadinanza; azzeramento delle imposte sulle pensioni per 10 anni o riduzione definitiva delle aliquote fiscali, per spingere gli anziani a trasferirvisi) figli dell'improvvisazione e della caccia al consenso. Tant'è che il primo è parte integrante del cosiddetto “contratto” di governo giallo-verde e, per altro, non riguarda soltanto i disoccupati meridionali e del secondo, proposto da Salvini, si parla con insistenza, ma non è chiaro se potranno goderne anche i pensionati già residenti al Sud. Nel caso, si tratterà dell'ennesimo provvedimento pro-Nord sotto copertura “sudista”. La realtà è che mentre Di Maio tenta i disoccupati, il leghista ci prova con i pensionati. Certo, sono iniziative già in atto, e con risultati positivi, in altri Paesi e regioni europee, fra cui: Germania, Francia e Danimarca il primo e Portogallo, Bulgaria e Canarie, il secondo. In contesti e condizioni generali, però, ben diverse da quelli meridionali. Non è necessario essere geni per rendersi conto che così questa area non andrà da nessuna parte e farà molta fatica ad uscire dalla smorta gora che l'ospita. Obiettivamente, è difficile immaginare che i giovani 4.0, ovvero quelli della generazione a “tecnologia avanzata” e con “attributi”, pur di non muoversi da casa e restare aggrappati alla gonna di mamma ed ai pantoloni di papà, preferiscano sopravvivere contentandosi di un'elemosina di Stato di 7/800 euro al mese piuttosto che vivere, guadagnando decisamente di più, mettendo a frutto le competenze acquisite. Così come, è difficile pensare che basti una qualche riduzione delle aliquote fiscali per stimolare i pensionati a trasferirsi in un'area, qual è quella meridionale, dove i servizi pubblici non sono al top e condizionano negativamente e pesantemente la stessa qualità della vita. E, la questione sicurezza - già problematica di per se, ingigantita dalle strumetalizzazioni e dal boicottaggio di certe pseudo-guide turistiche (vedi quella della Feltrinelli che la settimana scorsa ha suscitato tantissime polemiche) - ne limita e non poco il livello d'attrazione agli occhi di chi, il Sud, lo conosce solo per come viene raccontato. Nel frattempo, si continua a rinviare nel tempo la soluzione delle questioni più significative per lo sviluppo dell'area, fra cui: quella dell'Ilva di Taranto (il più grande impianto siderurgico europeo), lasciando con il fiato sospeso 15mila lavoratori e le loro famiglie; il completamento del gasdotto Transadriatico (Tap) e Matera, capitale europea della cultura 2019, ancora priva di stazione delle Ferrovie dello Stato. E non parliamo delle 436 “grandi opere” per un importo complessivo di 1,4miliardi, congelate da tempo immemorabile. Fingendo di non sapere che, per recuperare il gap Nord/Sud servono investimenti in infrastrutture e non “chiacchiere vuoto a perdere” solo per procacciarsi un po' di visibilità.   

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno