Venerdì 21 Settembre 2018 - 3:21

Nuovo stop per Bagnoli? Alcuni grillini smemorati

Opinionista: 

Aldo de Francesco

Chi conosce la tormentata storia di Bagnoli, di cui il “Roma” ha dato sempre correttamente conto di retroscena, errori e nefandezze attraverso l’ineguagliabile narrazione critica fatta da Gerardo Mazziotti, non può non essere sconcertato e turbato dalle dimissioni del commissario governativo Salvo Nastasi, protagonista di una svolta operativa a questa scandalosa vicenda napoletana, targata, in complice successione, Bassolino, Iervolino e infine, anche de Magistris. Diciamo dimissioni spontanee per doveroso rispetto del suo gesto, in realtà, a leggere bene i fatti, determinate e dettate da senso di responsabilità e spirito di servizio, quando si è reso conto che, dietro alcune sempre più ricorrenti sinistre invocazioni di discontinuità, gli si stava preparando un benservito di ingrata rozzezza e di inqualificabile cinismo. Lo scenario, che ha portato alla scelta obbligata del commissario si commenta da solo, e fa capire come taluni comportamenti politici, anche di chi dice ad ogni piè sospinto di volere rifondare il mondo, avulsi e contrari alle esigenze e necessità di un territorio, finiscano per causare solo guai. Da una parte, abbiamo il pentastellato ministro per il Sud Barbara Lezzi che, dopo aver rigorosamente esaminato l’opera del commissario per Bagnoli, ne ha proposto al premier con parole lusinghiere e di netto apprezzamento la riconferma; dall’altra parte si segnalano le riserve, le prese di distanza, abbastanza fumose, del presidente della Camera Fico, del vicepremier Di Maio e del sottosegretario al ministero per il Sud, Pina Castiello decisi sostenitori di una discontinuità, che significherebbe in realtà mandare all’aria tutto il lavoro prezioso fin qui fatto e molti sanno tra quante ostilità preconcette e ostacoli. Ci mancava ora anche quest’ulteriore sconcertante capitolo, aperto, da una parte del governo pentastellato, segnatamente dell’ala napoletana, che se si fosse resa sul serio conto della gravità di questa storia, avrebbe dovuto sostenere a spada tratta la proposta illuminata del ministro per il Sud Lezzi, anch’ella grillina. E però senza grilli per la testa. Giova ricordare che la odierna ossessione della discontinuità potrebbe dire ritorno a una ordinarietà, che è stata la causa del trentennale fallimento di Bagnoli e dello spreco di milioni di lire e poi di euro, finiti più in “bonifici che per le bonifiche”. Avesse il commissario dato motivo di adeguatezza, avremmo potuto anche capirli; ma avendo questo signore messo a segno risultati impensabili rispetto allo sfascio di un trentennio, è doveroso non tacere sulle sue dimissioni, che andavano coralmente respinte. Visto che gli “anticommissari” dal mite Fico al “trottolino” Di Maio, alla Castiello, è giusto ripeterlo, sono napoletani, si rendono conto, a fronte di un passato brigantesco, del disboscamento che ha saputo affrontare Nastasi - una giungla di conflitti amministrativi, di procedimenti penali, sequestri giudiziari - riuscendo a rimettere in moto una progettualità fortemente compromessa da una casta di convenienze, di cui una parte è finita alla sbarra e condannata? “Governare ad ogni livello - ricordava spesso De Gasperi, che Di Maio e Fico avranno almeno sentito nominare - significa realizzare non demolire”.

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli