Mercoledì 19 Settembre 2018 - 6:14

Il clan D'Ausilio alle corde: è guerra per la successione

Dopo l'arresto di “’o chiatto", la cosca adesso è senza leader carismatici. Si fanno avanti le nuove leve, ma non hanno la forza di contrastare gli attacchi

di Bruno Pavone

NAPOLI. È adesso? Adesso si sta ad aspettare e per gli investigatori ad ascoltare. Dopo l’arresto di Luca Bilotti ci potrebbero essere dei radicali cambiamenti nella zona Occidentale della città. Innanzitutto dal punto di vista strategico. Potrebbe tornare, purtroppo, la stagione della violenza. Perché? Perché ogni volta che le forze dell’ordine, questa volta i carabinieri, mettono a segno un colpo importante con l’arresto di un latitante, succede che  se non c’è un successore già stabilito in precedenza, si cerca il suo sostituto e tutti corrono affinché possano prendere il proprio posto. È successo in ogni quartiere della città. Non dimentichiamoci che dopo i clamorosi arresti a Forcella e ai Decumani degli anni passati, nuove generazioni hanno creato cosche violente che sono state ribattezzate “paranze”. Quelle dei “bambini”, a Forcella, e quella dei “ribelli” legata ai Mazzarella. 

CONTINUA A LEGGERE SUL ROMA IN EDICOLA O SUL GIORNALE ONLINE

13:29 8/09

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno