Mercoledì 14 Novembre 2018 - 21:47

Dopo le stese arrivano le bombe: preso di mira il locale dei Grassia

Per gli investigatori si tratterebbe di un attacco organizzato dai Mazzarella nell'ambito della faida con i Rinaldi per il controllo di San Giovanni a Teduccio

di Luigi Sannino

SAN GIUSEPPE VESUVIANO. L’ipotesi è da brividi: la guerra di San Giovanni a Teducccio, che vede al momento Sergio Grassia dei Rinaldi principale bersaglio delle “stese” degli affiliati ai Mazzarella, sarebbe uscita fuori dal perimetro metropolitano dopo essersi allargata ad altri quartieri napoletani. Si spiegherebbe così, secondo alcuni investigatori, l’attentato a una pizzeria di San Giuseppe Vesuviano gestita da due nipoti del luogotenente del ras Ciro “Mauè”. 
L’altra notte due giovani su uno scooter hanno fatto esplodere davanti alla saracinesca del locale una potente bomba carta artigianale che l’ha completamente distrutta, danneggiando parzialmente l’interno, due autovetture e un motorino parcheggiati nei dintorni. Erano le 4 (tra sabato e domenica) nella centrale piazza Garibaldi della cittadina vesuviana interna. 

CONTINUA A LEGGERE SUL ROMA IN EDICOLA O SUL GIORNALE ONLINE

 

12:18 10/09

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici