Martedì 25 Settembre 2018 - 12:05

Babygang, Csm: a Napoli più episodi criminosi, ma meno denunce

La risoluzione della Sesta commissione sarà presentata al plenum domani al Palazzo di giustizia partenopeo

NAPOLI. Per fronteggiare il fenomeno della criminalità minorile «il forte impegno degli uffici giudiziari deve essere supportato da un intervento più ampio che valorizzi appieno le esperienze, le metodologie e le buone prassi già in atto e che coinvolga le istituzioni tutte in un disegno organico». È quanto si legge nelle conclusioni della risoluzione della Sesta commissione del Csm in materia di attività degli uffici giudiziari nel settore della criminalità minorile nel Distretto di Napoli, che sarà presentata al plenum del Csm domani nel Palazzo di Giustizia di Napoli. Nella risoluzione si individuano, tra le proposte, «la rilevazione tempestiva della dispersione scolastica», la «mappatura del rischio di devianza per i minori», la «promozione di iniziative didattiche, sociali, culturali, sportive, religiose e di educazione alla legalità». Vengono indicati inoltre «l'istituzione di un ufficio di coordinamento dei servizi socio-assistenziali dei minori» così come «il consolidamento, anche attraverso l'introduzione di normativa specifica, di un circuito informativo tra gli uffici giudiziari che consenta, senza compromettere gli esiti delle indagini, l'attivazione tempestiva di rimedi a protezione dei minori, con rispetto del contraddittorio tra le parti».

«EMULARE MODELLI VEICOLATI DAI MASS MEDIA». «Non velleità di controllo del territorio», quanto piuttosto «il desiderio di soddisfare bisogni materiali per emulare modelli veicolati dai mass media». È questa la genesi della criminalità minorile operativa nel settore dei reati di natura predatoria, secondo quanto si legge nella risoluzione della Sesta commissione del Csm sul fenomeno delle baby gang che sarà presentata al plenum previsto domani nel Palazzo di Giustizia di Napoli. Nell'ambito delle analisi del fenomeno secondo le sue caratteristiche peculiari nell'area metropolitana di Napoli, la microcriminalità minorile viene definita «di diversa natura» rispetto alla partecipazione di minori a gruppi criminali organizzati: in tal caso, infatti, «le aggregazioni, pur frequenti, non assurgono di norma al rango di gruppi associati, essendo piuttosto rutto di accordi occasionali ed estemporanei, funzionali al buon esito dell'azione programmata». Nessuna volontà di esercitare un controllo criminale del territorio, quindi, quanto la volontà di «soddisfare bisogni materiali per emulare modelli veicolati dai mass media».  

«PIù EPISODI CRIMINOSI, MENO DENUNCE». Il calo delle iscrizioni di procedimenti a carico di minorenni nell'area metropolitana di Napoli è da attribuire «alla mancata denuncia delle vittime, anche in vicende gravissime, nonché a una diminuzione delle segnalazioni da parte delle forze dell'ordine». È quanto riferito dal procuratore presso il Tribunale dei Minorenni di Napoli, Maria de Luzenberger, nell'audizione dinanzi alla Sesta Commissione del Csm, passaggio riportato nella risoluzione sul fenomeno delle baby gang che sarà presentata al plenum del Csm che si riunirà domani nel Palazzo di Giustizia di Napoli. Nel periodo tra il 1 luglio 2016 e il 30 giugno 2017, ha riferito alla commissione il procuratore generale presso la Corte d'Appello di Napoli Luigi Riello, le iscrizioni di procedimenti a carico di minorenni sono diminuite del 24%. Ma, ha precisato De Luzenberger, alla riduzione delle iscrizioni, attestata dalle statistiche, «non corrisponde un calo effettivo degli episodi criminosi, essendo la flessione attribuibile alla mancata denuncia delle vittime, anche in vicende gravissime, nonché a una diminuzione delle segnalazioni da parte delle forze dell'ordine»". Inoltre, si legge ancora nella risoluzione, «nel recentissimo periodo è stata registrata un'intensificazione senza precedenti dei reati contro la persona (tra novembre 2017 e gennaio 2018, sono state registrate 14 aggressioni, delle quali 7 con accoltellamenti, le altre con calci e pugni, in un caso, con l'uso di pistole, di tirapugni e di altri strumenti atti a offendere), con peggioramento del trend, già negativo, riscontrato, negli ultimi 2 anni, in questo settore e in quello delle violenze sessuali».

16:38 10/09

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno