Martedì 13 Novembre 2018 - 8:58

Mondo di mezzo, riconosciuto metodo mafioso

Ribaltata la sentenza di primo grado del processo nell'aula bunker di Rebibbia che vede imputate 43 persone tra cui l'ex terrorista dei Nar Massimo Carminati 

Quella del Mondo di mezzo è mafia. I giudici della terza Corte d'Appello di Roma, presieduta da Claudio Tortora, in merito all'accusa di mafia hanno ribaltato la sentenza di primo grado del processo nell'aula bunker di Rebibbia che vede imputate 43 persone tra cui l'ex terrorista dei Nar Massimo Carminati e il ras delle coop romane, Salvatore Buzzi. I giudici di Appello hanno quindi ammesso il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso, accusa caduta nel verdetto di primo grado di luglio 2017, che aveva riconosciuto l'esistenza di due associazioni a delinquere "semplici" ai cui vertici c'erano Carminati e Buzzi.

L'ex terrorista dei Nar e il ras delle Coop romane sono stati inoltre condannati rispettivamente a 14 anni e mezzo e a 18 anni e 4 mesi. Collegati in videoconferenza dai penitenziari di Opera e di Tolmezzo, Buzzi e Carminati non hanno voluto essere ripresi dalle telecamere al momento della lettura della sentenza. Il pg aveva chiesto una condanna a 26 anni e mezzo per l'ex Nar e 25 anni e 9 mesi per Buzzi, condannati in primo grado rispettivamente a 20 e a 19 anni.

15:09 11/09

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici