Sabato 15 Dicembre 2018 - 20:32

Caro Sindaco, perché vendi i beni di famiglia?

Opinionista: 

Gianni De Felice

Caro Sindaco, da napoletano verace in volontario e gradito esilio lombardo da quasi sessant’anni, sono sensibilissimo alle notizie della mia città natìa e oggi mi ha colpito quella del rischio di default comunale
e della conseguente decisione di mettere in vendita l’Ippodromo di Agnano. Un monumento dell’ippica italiana e della tradizione scommettitoria napoletana. Il telegiornale chiariva che, dopo quello dell’ippodromo, sono sotto osservazione altri beni dell’argenteria partenopea: come, per esempio, il mercato del pesce in piazza Duca degli Abruzzi. E dava conto di un suo post su Facebook, dove imputa la responsabilità di questi dolorosi sacrifici a una non meglio precisata “usura di Stato”. Deve trattarsi della stessa “usura”, che scortica vivi noi contribuenti. E che i compagni di Sinistra – suoi colleghi di ideologia, mi pare – vorrebbero non solo non tagliare, ma addirittura accrescere. E qui mi viene in mente il bifrontismo alquanto ipocrita di tanti sindaci, per i quali le imposte sono “usura” quando glie le chiede lo Stato e “dovere civico” quando le pretendono dai cittadini. Il mio allarme, caro Sindaco, è fondato. Non vedendo alcun modo di porre fine alla bieca “usura di Stato”, mi domando che cosa altro il suo Comune metterà in vendita in futuro. I preziosi di periferia, come l’ippodromo di Agnano, prima o poi finiranno. E allora, su quali pezzi si appunteranno i rapaci occhi comunali? Mi sgomenta l’ipotesi di vendere l’Albergo dei Poveri, l’immensa costruzione voluta da Carlo III, a un qualche emiro arabo voglioso di farci un mega-hotel orizzontale. Oppure il Castel dell’Ovo, che un tycoon cinese potrebbe trasformare in resort con annesso casinò, rispolverando un vecchio progetto del Comandante Lauro. Anche Castel Sant’Elmo e la Certosa di San Martino potrebbero fornire una discreta sommetta, se venduti come possibili grand hotel con vista panoramica… Però, caro Sindaco, mi permetta di rivolgerle una domanda indiscreta ma partinente: prima di rassegnarsi a mettere in vendita l’ippodromo di Agnano, la sua Giunta ha provato a far pagare le imposte comunali a tutti i contribuenti napoletani? Ha provato a far pagare le multe a tutti gli automobilisti e scooteristi indisciplinati? Ha provato a farsi pagare il plateatico da tutti i multi-etnici titolari delle bancarelle che si ammassano nelle strade del Vasto e nel Borgo di Sant’Antonio? Ha provato a far controllare i biglietti di tutti quelli che salgono sui mezzi pubblici napoletani? Lo Stato italiano è certamente “usuraio”. Ma lei e i suoi assessori siete proprio sicuri di non essere prodighi, involontari e distratti benefattori civici? Al posto vostro, prima di cominciare a vendere l’argenteria di famiglia, darei una guardata più attenta al fondo del barile.

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno