Lunedì 28 Maggio 2018 - 1:54

Dalle colpe dei padri a quelle dei figli

Opinionista: 

Pietro Lignola

Cari amici lettori, io credo che nessuno possa accusarmi di simpatia verso Matteo Renzi, non più Petrusiniéllo da quando il 60% dei votanti referendari ha bocciato il suo tentativo di diventare il duce della seconda repubblica. Io ho, infatti, sempre espresso le mie opinioni sul suo mod o di ess ere e di fare s e nz a ma i t e n t a re d i m ostra rmi acco modante o politicam e nte c orretto. Og gi, però, s enza in alcun modo modificare i prece denti giudizi , d ebbo v er ificare che i tre organi malati del sistem a (pol it i ca , g iu st i zi a e media) s i stanno co mpor tando co n l’uomo di Rignano, sia pure in tempi molto più ristretti, come avevano già fa tto con Gia nfr an co Fini. È un a for t un a, per l’astro s orgente e poi ec liss ato della pol itica ital ian a, ch e non si f osse ancora provveduto a innalza re n e lle pi az ze giga nt e sch i monu men t i ri producenti le s ue giovanili fattez ze; s arebbero, i nf att i , g ià stati abbattuti c ome le st atu e d i S talin e di Saddam Hus sein. Gl i it ali an i, infatti , sa pevano già da lungo te mpo dei traf fic i attribuiti a papà Renzi. Nel settembre dello scorso anno Sperling & Kupfer editò un volume, scrit to da Maur izi o Belpietro con Giac om o Am adori e Fr ancesco Borgonov o, che c ustodisc o nell a mia bibli oteca: è int itolato “I seg re t i d i Re nzi ” e reca in sov raco perta la d ic itura “Tu t to q ue l lo ch e no n v ogli on o f ar v i s apere”. Vi so no es po sti m olti fa ttere lli interessant i , alcuni de i quali già p ubblica t i su “ L ibero” prima che Belp i e t ro fo sse li cen zia to dall ’ e di to re p e rch é co lp e v ol e d i “ ant i renzis mo”. La ca t astro f e re f eren dar ia non si era ancora ab battuta sul pov e ro Ma tteo e , q u in di , i fatt i es po sti da Be lpietro erano ancora tabù. Ora tutt o è i m provvi sa m e n t e c ambiato. I n po lit ica il s u o par t i t o s i è sciss o e quel ch e ne res ta ha gener ato almen o d ue c or re nti che proget tano la liquida zion e del lead e r di m issionari o, mentre i profug hi del c e nt ro des tr a c he lo sost e nev ano s t a nn o p rogett and o u n sal vi f ico rito rno in p atr ia. L a magistra tur a ha m e sso in mov imen to l e i nchies te su pa pà Re nz i e i s uo i ami c i, di cui i m e di a han no r icevu to e pu bblica to n otiz ie t almente p recise e det t agliate c he si è ar rivati a sostituire il coman do dei carab i nieri incaricato delle indagini per ga rantire , do po che i b uo i er ano sca p pa ti da lla stall a, un mi ni m o di ri ser v ate zza . Ne l “caso Fini” sono s tati n ecess ari sette anni perché si potesse sollevare il velo steso dal po t e re su lle antiche ma gagne; il p oliticamente corre tto ha resisti to t anto a lu ngo perché l’uomo de l ditino n on co nta va pi ù nu lla, mentre i l nemico Ber lusconi era ancora c onsider ato peri c oloso. N e l “caso Renzi ” il p oli ticam e nt e scorre t to è d iv e ntato velo c e mente c or rett o i n q uan to i l p e rs onag gi o d a el imina re non s’è ar re so e l ott a per recuperare le polt rone. L a le zio ne della cronaca è abba st an za ch ia ra . La ma la ttia dei tre o rgani d e l sist ema, ormai cro niciz zat a ma p er v enuta a un o st adio preag onico, c ons i st e n e ll’as so lu ta ma nc anza di un el e m en t o p i ù essenziale d i q ual sias i vita mina: l a veri tà . La ver ità do v re bbe e ssere l’unico obi e ttivo della magistra tura e de i mezzi d’inf ormazio ne e fonda re l ’a zio ne pol itica. Aver so stitu ito la v erità con la political correct ness è s t a t a u n’o p e ra zi one f al lim e ntare po ich é la ver ità n on m uta a ogni sto rm ir di fronde, men tre il suo surrogato oggi in v og a è pi ù mutevo le delle fa si della lun a. La s oci e tà d i og gi , in e f fet ti, re aliz za pienam ente il pens ie - ro di Pla tone , la qu ale scr i sse c he l’uo mo democr atico “no n accett a ra gion amen t i i sp i ra ti a v er ità e n on li amm e t te n el l a su a anim a”. La cor rectness, come og ni pensie ro ammalato di mancanza di v er ità, de ve fare le sue vit t ime. O ggi la vit t im a è Renzi p ad re: per quanto ga rantist i si p oss a e ss e re, no n l o si p uò ag e v ol - m ente sup po rre d e l tutto in no - cente, ma certamente og gi è inqu adr ato in un impietoso mir i - no . U n t emp o si discu t e va de i figli c he pag ano le c olp e dei pa dri; nel nostro caso , si t ratt a di u n pa dre c he rischia d i pa gare le c olp e di un f igli o.

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica