Mercoledì 19 Settembre 2018 - 8:10

Imperativo categorico: salvare la Costituzione

Opinionista: 

Ottorino Gurgo

Forse scandalizzeremo più di un lettore perché per molti quella del "compromesso storico" è una formula assolutamente da esorcizzare. E anche noi, del resto, siamo convinti che quello voluto da Enrico Berlinguer e accettato da Aldo Moro (con tutta la considerazione che questi due leader meritano) non sia un modello da perseguire. Ma ci sono momenti storici nei quali le consuete categorie in cui si articola la dialettica politica - destra, sinistra, centro - devono essere dimenticate in nome di un interesse superiore che sovrasta quello dei singoli schieramenti. A volte, come sostenne un famoso scrittore, rifiutare aprioristicamente ogni forma di compromesso, non è indice né di saggezza, né d'integrità, ma di fanatismo. Crediamo che soltanto chi sia, appunto, vittima del fanatismo possa ignorare che Berlinguer non era democristiano. Tutt'altro. E che Moro non era comunista. Tutt'altro. Eppure vi fu una fase della nostra vita nazionale, che i meno giovani non possono aver dimenticato, nella quale i due leader ritennero di dover trovare, al di là di ogni divisione di parte, un'intesa per affrontare insieme un'emergenza che rischiava di travolgere il paese. Quando e se i misteri che ancora avvolgono questa tremenda vicenda si diraderanno, si comprenderà - è probabile - che aver operato per quella intesa, costò la vita al leader democristiano. Per fortuna, quei terribili anni di piombo sono alle nostre spalle e, per conseguenza, del tutto diversa è anche la natura del compromesso che potrebbe essere stipulato oggi tra forze politiche ideologicamente differenti. Ma è fuor di dubbio che quella che stiamo vivendo sia anch'essa una situazione di emergenza poiché sono in ballo valori ai quali sarebbe delittuoso rinunciare. Ci riferiamo ai valori proclamati nella nostra Carta costituzionale che sembra vengano gradualmente messi in discussione come conferma ampiamente l'offensiva contro Sergio Mattarella che, in qualche misura, soprattutto per il suo ruolo incarna. Si tratta di valori che costituiscono l'elemento fondante di uno Stato di diritto e che, come tali vanno difesi a prescindere dalla collocazione politica di questo o quel partito. Difenderli per chi in essi crede è un imperativo categorico. Intendiamoci. Non vogliamo assolutamente affermare che la Carta costituzionale debba essere considerata alla stregua di un immodificabile testo sacro. Al contrario essa va sempre aggiornata alla luce dell'evoluzione della società (purtroppo, quando qualcuno ha operato in questo senso. Il suo tentativo è stato clamorosamente frustrato con un referendum avventato). La Costituzione può - anzi, deve - essere oggetto di aggiornamenti. Ma essa contiene, tuttavia, alcuni immodificabili principi. È troppo, allora, auspicare che quelle forze politiche che in questi principi si riconoscono mettano da parte le rispettive diversità per far fronte comune in difesa della Costituzione rendendosi conto che essa e i suoi valori sono sotto il tiro di un'intollerabile insidia? Sappiamo che non è cosa facile. Bisogna superare vecchi rancori e nuovi pregiudizi. Diceva il grande Einstein che è più facile spezzare un atomo che un pregiudizio ed è proprio così, purtroppo. Ma, a volte, bisogna avere il coraggio di sfidare anche i propri pregiudizi. Restarne prigionieri può costare caro. 

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno