Mercoledì 14 Novembre 2018 - 8:54

La Quaresima passa, l’austerity continua

Opinionista: 

Benedetto Casillo

«’O pernacchio non è un suono.

’O pernacchio è rivoluzione, è libertà. ’O pernacchio è ’a voce d’ ’a gente ca nun tene voce. ’O pernacchio è un calcio in culo a tutt’ ’e putiente»

Quaresima. Tempo forte. Tem-po di digiuni e astinenze. Tempo di rinunce e sacrifici, liberi e volontari, attraverso i quali il popolo credente ricerca la purificazio- ne spirituale. Quaresima, tem- po di preparazione e di attesa, per poter poi godere dello splendore della rinascita pa- squale. Quaresima, sentitissi- ma ricorrenza religiosa, ma, mai come oggi, anche calzante metafora della situazione socio- economica di molti Paesi, tra i quali il nostro in modo partico- lare. Sulamente ‘a Grecia sta cchiù nguaiata. Digiuni, asti- nenze, rinunce, sacrifici. Po- trebbe anche leggersi “austeri- ty”. Pure stagnazione, reces- sione, deflazione, disoccupa- zione fanno ormai parte del ri- tuale liturgico della crisi fi- nanziaria che affligge milioni e milioni di persone in tutto il mondo. Ma, in, verità, tra Qua- resima e “austerity” le diffe- renze non sono poche. Innanzi- tutto si parla di sacro e di pro- fano. Senza dimenticare che la vita e la qualità della vita sono sempre sacre e inviolabili. Comunque... la Quaresima dura quaranta giorni. Solo quaran- ta. Questa drammatica situa- zione economica già si misura in anni. Nun saccio si' me spiego! Sì, ogni tanto ci fanno ba- lenare qualche barlume di spe- ranza... la famosa luce in fon- do al tunnel... ma poi puntual- mente, o ’a luce se stuta, o ’o tunnel s’allonga. Sacrifici, ri- nunce, digiuni, astinenze. I cre- denti, ripetono la Quaresima la fanno nella massima libertà e per convinzione religiosa, gli altri li subisono, li patiscono, ne sono vessati e tartassati. Un crudele cilicio di miseria che penetra nella carne della gente, fino a farla sanguinare. I di- giuni e le astinenze sono senza regole, né osservanze. Se fa ’ a famma e basta! Credenti e non credenti stanno quotidiana- mente arruvinate. Durante la Quaresima agli osservanti vie- ne proibita la carne il venerdì... per tutti la carne è diventata, più preziosa d’ ’o ccaviale. Non la si mangia il venerdì, né la do- menica, né nelle feste coman- date. Molto frequentemente ci si astiene anche da tanti altri generi di prima necessità. Il ci- bo è diventato un lusso. Per non parlare delle medicine. Curar- si è sempre più difficile e co- stoso. Una volta gli armadietti degli italiani erano stracolmi di farmaci che spesso scadevano senza essere utilizzati. Sì, uno spreco di non poco conto. Oggi pure una purga è diventata merce rara. Quaresima. Tempo forte. Tempo di sacrifici, di ri- nunce, di digiuni, di astinenza. Ma poi viene la Pasqua. Sem- pre. Puntualmente. Dopo que- sta lunga, difficile, crudele cri- si socio - economica che verrà? Di sicuro non mancheranno ’e pernacchie.

BENEDETTO CASILLO

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici