Martedì 19 Settembre 2017 - 22:38

La svolta francese nell’Italia fossile

Opinionista: 

Giuseppe Scalera

Svolta la Francia, Macron, a soli quarant’anni, dopo aver vinto le Presidenziali, conquista anche la maggioranza assoluta nell’Assemblea Nazionale. Entra in Parlamento un infinito elenco di facce nuove ed un partito nato solo il 6 aprile 2016 (La Republique en Marche!) in pochi mesi sbaraglia ogni concorrenza, guadagnando 361 seggi, confermando il suo tranquillo destino di poter guidare da solo il Paese. Succede in Francia, ma è uno scenario che, in prospettiva, si può replicare anche in Italia? Dalle nostre parti, oggettivamente, il sistema appare più cristallizzato. Ci sono stati, nell’opinione pubblica, soprassalti politici di una certa efficacia. In archivio, alla ricerca di qualche precedente, ci sono solo l’esordio di Berlusconi con Forza Italia nel 1994 (21%, a pochi mesi dalla nascita), il debutto dei 5 Stelle in Parlamento (2013, percentuale del 25, 5 %, primo partito alla Camera, deputati e senatori tutti alla prima esperienza) , la storica vittoria di Renzi alle Europee del 2014 con un 40, 82 %, che nessuno è mai riuscito a replicare. Successi chiari, indiscutibili ma lontani da ogni forma di maggioranza assoluta. Perché il sistema politico italiano è ancora legato ad un meccanismo elettorale che soppesa il gioco incrociato dei reciproci interessi. Perché, in effetti, nel Belpaese, sopravvive ancora una mentalità fossile, con le mille incrostazioni del passato che ne limitano una vera, autentica evoluzione. Perché, in fondo, l’Italia, al di là di qualche specifico, particolare momento storico, appare politicamente ancora impermeabile a mutare radicalmente la sua pelle. Là dove il voto appare meno disancorato dalla logica di localismi ed interessi parcellizzati, le novità appaiono possibili, rapidamente concretizzabili. Su questo versante, i Comuni hanno sicuramente saputo rappresentare una prima, autentica frontiera di cambiamento. L’effetto di un candidato sindaco nuovo, credibile, autorevole, in grado di offrire un percorso alternativo, ha finito spesso per scompigliare le carte, a Napoli come altrove. Il prodotto di questa evoluzione è oggi, anche in Italia, materia di discussione. Non essendo riconducibile ad un unico denominatore e, quindi, ad una valutazione comune. E la risposta a questi rapidi cambiamenti vive oggi, esclusivamente, nel giudizio collettivo di quella specifica cittadinanza. Il fatto poi che dovunque, in Italia come in Francia, diminuisca progressivamente l’afflusso alle urne, che gli agnostici, i perplessi, gli uomini e le donne del dissenso restino fuori dalla competizione elettorale, che le schiere dei delusi si rafforzino ad ogni tornata, che la politica continui ad esercitare un fascino sempre più decadente sono le profezie di un Vangelo laico che tutto il mondo, ormai, ha imparato ad apprendere.

Share

Commenta

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Full HTML

  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici