Martedì 25 Settembre 2018 - 2:14

L’inciucio populista che resuscita Renzi

Opinionista: 

Vincenzo Nardiello

Tutto è bene quel che finisce bene. Per Renzi, s’intende. Eh già, perché il Governo M5S-Lega che si va profilando, con la benedizione di Berlusconi estorta sotto la minaccia delle urne, in realtà fa felice un solo partito: il Pd. Non a caso il leader dem - quello vero, non quello che sembra il gemello malnutrito di Fassino - è stato l’unico a tifare fin dal primo momento per questa soluzione. Si capisce, mica è scemo. Avvertimmo in tempi non sospetti che avrebbe vinto chi sarebbe riuscito a restarne fuori. A Renzi non sembra vero: d’ora in avanti avrà di fatto il monopolio dell’opposizione e potrà esercitarsi nel tiro al populista, puntando a ciò che resta dell’area moderata e a coloro che comunque non si riconosceranno nell’Esecutivo. La posizione ideale per provare a recuperare almeno una parte dei consensi persi. Se poi Matteo ’o statista e Sua (ex) Premierenza Giggino dovessero toppare qualche scelta di governo importante - cosa tutt’altro che improbabile soprattutto in economia, viste le fregnacce raccontate agli italiani durante la campagna elettorale - per il prestigiatore di Rignano si aprirebbero praterie. Renzi ha anche un’altra ragione per esultare. Comunque la si giri e per quante vagonate di zucchero Fi e Lega usino per indorare la pillola, il Governo M5S-Carroccio certifica la fine del centrodestra come progetto politico originale e autonomo. Certo, né Berlusconi né Salvini lo ammetteranno mai, sono troppi gli interessi in ballo per dividersi; ma la coalizione continuerà a vegetare solo come cartello elettorale e di buona amministrazione. La situazione è paradossale: chi aveva votato Lega, immaginando d’impedire così le larghe intese Berlusconi-Renzi, deve ora fare i conti col grande pasticcio populista. Insomma, da un inciucio all’altro. Come faranno Salvini e Di Maio a mettere assieme il reddito di cittadinanza e la flat tax al 15% è un mistero. Come concilieranno queste misure con l’abolizione della legge Fornero e la necessità di trovare i 12,5 miliardi per evitare l’aumento dell’Iva è qualcosa che rivaleggia col “quarto segreto” di Fatima. Il rischio è che, constatata la velleità di quelle proposte e l’irrealizzabilità di simili corbellerie, tirino a campare spacciando per grandi rivoluzioni ed epocali riforme un po’ di manutenzione del sistema. L’abolizione della Fornero diventerebbe un allungamento dell’elenco dei lavori usuranti; la flat tax si trasformerebbe in un pannicello caldo (ad esempio applicandola solo sui redditi incrementali); il reddito di cittadinanza si ridurrebbe ad un rafforzamento del già esistente reddito d’inclusione e si potrebbe continuare a lungo. Per non parlare dell’Ilva - che Di Maio vorrebbe chiudere - o della politica estera ed europea che divide i due leader. Invece di puntare a sommare due populismi così diversi, Salvini avrebbe dovuto guidare il processo d’una rinnovata sintesi tra populismo sovranista e popolarismo. Quello sì che sarebbe stato un inedito laboratorio politico per il centrodestra in tutta Europa. Certo, i due potrebbero accordarsi per un Governo che duri meno di un anno per poi tornare alle urne e massimizzare il risultato di qualche provvedimento. Ma sarebbe una strategia di corto respiro. In ogni caso, il rischio di un fallimento è alto. Se ciò dovesse accadere, difficilmente sarebbe Fi - condannata ad un’opposizione morbida per non irritare oltremodo il finto alleato leghista - ad avvantaggiarsene. Renzi, invece, raccoglierebbe i frutti della contrapposizione dura e pura che si appresta a fare. Per non parlare dei rischi economici che correremo a partire dalla seconda metà del 2019, di cui nessuno parla. Difficile che ne venga qualcosa di buono per l’Italia.  

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno