Mercoledì 21 Novembre 2018 - 15:55

Ma le Regioni sono da rifondare

Opinionista: 

Aldo de Francesco

Da anni, dietro il “territorio”, una parola densa di nobili significati di appartenenza e di radicamento, oltre alle realizzazione di opere rilevanti, si sono “mimetizzate” anche scelte dubbie, per non dire spregiudicate, spesso in contrasto con gli stessi oggettivi interessi delle realtà locali. In molti casi essa è servita addirittura come “passepartout” per progettualità utili soltanto a soddisfare diffuse clientele. Non parliamo poi di tutta la problematica ambientale, del ciclo rifiuti e del torbido indotto, derivante da mancate programmazioni. Un malvezzo, che ha avuto la sua massima espressione nel regionalismo, divenuto un ingordo “pan regionalismo”, qualcosa di dirompente rispetto al passato. Se facciamo una breve sintesi di quanto accaduto dopo l’Unità d’Italia, del comportamento avuto dallo Stato centrale in rapporto alle politiche del territorio, del Sud, pur con tutte le approssimazioni dei tempi, è innegabile che il confronto non premia le Regioni. I risultati non saranno stati ottimali, comunque puntarono a una politica di sostegno, finalizzata ad attrezzare aree, totalmente tagliate fuori da ogni collegamento. In questa luce, tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, dopo la fine delle politiche differenziate al Sud, promosse dalla “Destra storica”, vanno visti gli interventi, come la legge speciale per Napoli, alcune successive opere urbanisti che e infine, dal 1950, la stessa istituzione della Cassa per il Mezzogiorno. La cui azione è stata fondamentale. Non siamo noi a dirlo ma eminenti meridionalisti di ieri e di oggi. Purtroppo con il varo delle Regioni, i trasferimenti previsti e attesi, che avrebbero dovuto ottimizzare il rapporto tra istituzioni e territorio, sono stati inconcludenti e deludenti. Il nuovo Ente invece di fare da rigoroso organismo di programmazione di una nuova politica più vicina alle comunità, se n’è dimostrato lontano per scelte non coordinate: una serie di interventi a pioggia, che hanno lasciato le cose come stavano, anzi peggio. Basterebbe a provarlo l’immenso problema dell’assetto idrogeologico, ancora smagliato e fragile, nonostante i miliardi spesi, prima, durante e dopo ogni emergenza. Purtroppo la logica del consenso ha avuto la meglio sul bene superiore della collettività, trasformando il decentramento non in una opportunità di modernizzazione e di sviluppo ma in un “votificio”. Lo lascia sospettare anche un curioso e singolare studio di qualche anno addietro, che, segnalava in corrispondenza di consultazioni nazionali e regionali, una parossistica impennata delle bollette telefoniche dei vari assessorati. Studio che ha avuto ben altre e più amare verifiche dall’impiego dei fondi strutturali, spesi per finalità anguste, come quella di presumere di fare politica culturale acquistando palazzi gentilizi per tenervi dentro sagre e tavolate. Questa è la realtà regionale, fatte salve le eccezioni di efficienza, troppo poche per fare primavera. L’auspicio è che la vicina sfida di maggio tra Caldoro e De Luca, dopo le schermaglie delle primarie, ruoti intorno a una svolta non più rinviabile, competitiva, di qualità. Ora possibile. Visto che il vecchio nella nostra Regione pare davvero archiviato.  

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici