Martedì 13 Novembre 2018 - 6:50

Se con Alitalia vuoi volar in Venezuela devi andar

Opinionista: 

Vincenzo Nardiello

Animo ragazzi, arrivano buone nuove. Dunque, il fatto è questo: dopo il Governo del Popolo presieduto dall’Avvocato del Popolo che vara la Manovra del Popolo, è in arrivo il Biglietto del Popolo. Oh, è una cosa seria eh? Non l’avete letta la notizia che Di Maio, di fatto, vuol nazionalizzare Alitalia attraverso Ferrovie dello Stato? Ecco. A voi potrà sembrare un’astruseria, roba da addetti ai lavori. Invece vi sbagliate. Se non ci credete, potete ascoltare come Giuseppe Conte (chi? Ah sì, quello che fa il premier vice dei vicepremier) ha giustificato l’operazione che, se andrà a buon fine, porterà al nuovo monopolio pubblico dei trasporti: «Così sarà possibile fare un solo biglietto treno-aereo». Il Biglietto del Popolo. Magnifico. Certo, qualcuno avrebbe dovuto spiegare all’Avvocato del Popolo che il biglietto comune - treno e aereo - è già pratica commerciale diffusa; ma poi come la giustifichi la genialata di mettere sul groppone di tutti noi le perdite di Alitalia da 1,2 milioni al giorno? Fs, infatti, è al 100% del Tesoro. Tradotto: in caso di fusione, come sempre a rimetterci saranno i contribuenti, chiamati a ripianare i deficit dei baracconi di Stato vecchi e nuovi. Tuttavia, c’è di che stare allegri. Il Biglietto del Popolo, infatti, avrà un prezzo politico per i fortunati percettori del sussidio di povertà (pardon, reddito di cittadinanza). Farsi un bel viaggetto anziché il mazzo a lavorare, infatti, pur non essendo il massimo della moralità, non sarà considerata una «spesa immorale» e quindi vietata. Al massimo sarà amorale. Dunque consentita. Ma le buone notizie non finiscono qui. No. Oltre che per i giovani, notoriamente più propensi a viaggiare, il Biglietto del Popolo sarà scontato pure per i pensionati. La ragione è ovvia: se a uno gli dai la pensione del Popolo a 62 anni, dopo che ha passato una vita col culo piantato su una sedia e stipendio assicurato (quasi la metà di coloro che usufruiranno di quota 100 sono dipendenti pubblici e di aziende del parastato), questi avrà pure il diritto di vedersi un po’ il mondo, no? Quindi col Biglietto del Popolo potrà andarsene a zonzo e godersi l’agognata pensione. Con calma però, tanto nel frattempo gliela pagano i giovani. Quelli che la quota 100 se la sognano di notte. A loro non basterà manco quota 120. Ma torniamo ai nostri eroi. Quelli che pensano al Popolo. Soprattutto a quello votante. Dunque, riassumiamo: col Biglietto del Popolo pensionati del Popolo e sussidiati di cittadinanza potranno finalmente girarsi il mondo a buon mercato... Oops, è scappata la parola mercato. Scusate, il termine è bandito dal lessico gialloverde. Evocativo di complotti e burocrati, trame nere, «pezzi di merda» annidati nei ministeri e avidi speculatori. Per carità, facciamo ammenda. Diciamo solo che la storia non ci pare stare molto in piedi. Magari ci sbagliamo, ma quest’idea di mettere assieme Fs e Alitalia puzza di statalismo lontano chilometri (ferroviari, s’intende). In ogni caso, semmai doveste incontrare qualcuno che vi dovesse chiedere come mai un’alleanza di tal genere non esiste da nessun’altra parte - anche perché treno e aereo ormai si fanno concorrenza e semmai andrebbe favorita la competizione, altro che un nuovo monopolio - abbozzate. Lasciatelo sfogare. Sarà un reduce del vecchio mondo. Mettetevi comodi dunque, anche perché la destinazione più gettonata del Biglietto del Popolo sarà il Venezuela. Lontanuccio? Sì, ma credeteci: ne vale la pena. Lì troverete il compagno Maduro. Uno che con Chavez, suo predecessore, a botte di nazionalizzazioni in nome del popolo che deve tornare padrone di se stesso la gente l’ha ridotta in mutande davvero. Insomma, lui sì che se ne intende. Vedrete, vi accoglierà a braccia aperte. Raggiante e affacciato a un balcone col pugno chiuso. Vi ricorda qualcuno? Problemi vostri.  

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici