Lunedì 20 Novembre 2017 - 5:15

Il contribuente distratto e il ravvedimento

Sono già diversi anni che il legislatore ha introdotto la possibilità di sanare i ritardi o alcune omissioni relativi al pagamento delle imposte o alle presentazioni delle dichiarazioni, a mezzo istituto del ravvedimento. Questi è finalizzato al ripristino della legalità violata in ambito amministrativo e tributario. Per il tramite del ravvedimento il contribuente può spontaneamente regolarizzare errori o illeciti fiscali, versando entro il termine prescritto il tributo non pagato, una sanzione stabilita in misura ridotta e gli interessi, calcolati giorno per giorno sul tributo non pagato al tasso legale. Il ravvedimento operoso rappresenta, pertanto, nel rinnovato rapporto di collaborazione tra amministrazione finanziaria e contribuente, uno strumento di immediata efficacia per evitare l’instaurazione del contenzioso. Il ravvedimento operoso nasce per due motivi. Il primo è per limitare e ridurre i casi di contenziosi e ricorsi tra fisco e contribuenti, il secondo è per agevolare, e quindi far pagare sanzioni lievi al contribuente che commette errori in buona fede e ha voglia di sanarle. Le tipologie attuali sono: ravvedimento sprint breve, intermedio, lungo, ultrannuale, lunghissimo, successivo alla contestazione della violazione, per omessa presentazione della dichiarazione. Ravvedimento Sprint nei primi 14 giorni dalla violazione 1/10 del minimo (0,20% per giorno di ritardo). Ravvedimento Breve dal 15° al 30° giorno dalla violazione 1/10 del minimo (3%), fino a 90 giorni dalla violazione o dal termine di presentazione della dichiarazione 1/9 del minimo. Ravvedimento Lungo dal 91° giorno all’anno dalla violazione o entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione 1/8 del minimo. Ravvedimento Ultrannuale oltre il termine di cui sopra ma entro 2 anni dalla violazione o entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello in cui è stata commessa la violazione 1/7 del minimo. Ravvedimento Lunghissimo oltre i 2 anni dalla violazione oppure oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello in cui è stata commessa la violazione 1/6 del minimo. (questo ravvedimento riguarda solo per i tributi gestiti dall’Agenzia delle Entrate). Ravvedimento successivo alla contestazione della violazione, esecuzione dell’adempimento dopo la notifica della contestazione della violazione (verbale), sempre che non si tratti di avviso bonario, avviso di accertamento o di avviso di liquidazione 1/5 del minimo. Ravvedimento Omessa presentazione della dichiarazione Presentazione della dichiarazione con ritardo non superiore a 90 giorni 1/10 del minimo Tutti i tributi. A tutte le sanzioni va aggiunto la quota di interesse legale che decorre dalla data dell’omissione o ritardo alla momento in cui si sana tale inadempimento. Con l’ampliamento di tale istituto si sono eliminate quelle barriere di accesso che limitavano l’adesione nel passato, in particolare nelle fattispecie di accessi, ispezioni, verifiche etc, tale norma ha effetto retroattivo pertanto, oggi il contribuente distratto ha tutti gli strumenti qualora voglia sanare le proprie posizioni ed eliminare contrasti o contenziosi con l’amministrazione finanziaria. cdamiano@damianoeassociati.it

di Carmine Damiano

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ: ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
TECNOLOGIA&INNOVAZIONE
di Michela Raiola
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica