Amici di Pordenone, questa è la nostra terra descritta nella nostra Lingua! Voi continuate pure a fare la raccolta differenziata bella e precisina e continuate a scrivere sui cassonetti “Non siamo a Napoli”, perché di Napoli ce n’è una sola ed è esclusivamente nostra! “Ce piacene ’è ccanzone: quanno tramonta ’o sole fenesta ’e Marechiaro ’e ttrezz’e Carulina. ’O mare ’e Margellina ’a luna mmiez’o cielo nu fritt’e calamare ’a luce d’‘e lampare. ’A pizza margherita cu ’a pummarola ’ncoppa, ’o sole ca ce scarfa l’addore d’‘o ccafè. Non siamo mai puntuali, arriviamo in ritardo, la colpa non è nostra, ce steve ’na prutesta. Siamo giocherelloni, allegri… pazzaglioni, diciamo rassegnati: ha da passà ’a nuttata. E quann’è juorno ’e festa dì chello ca vuò tu, ma a tavola mia moglie m’ha da purtà ’o rraù. Dateme nu balcone, nu vico, nu lampione, nu vaso cu ’e ggeranie, ’a faccia ’e na figliola. E io cu nu mandulino e cu nu filo ’e voce, lle porto ’a serenata chiena ’e parole doce. Alla prossima.