Mercoledì 19 Settembre 2018 - 6:08

Scuola e vaccinazioni: basterà un'autocertificazione

ROMA. Non un certificato della Asl che attesti l’avvenuta vaccinazione, ma un’autocertificazione: basterà questo per consentire l’iscrizione a scuola dei bambini per l’anno scolastico 2018-19. Questa la novità inserita nella circolare che sarà presentata al ministero della Salute da Giulia Grillo. Il provvedimento amministrativo al quale ha fatto cenno il ministro Grillo interviene in vista della scadenza del 10 luglio, l’ultima - secondo la legge Lorenzin - per dimostrare di essere in regola con le vaccinazioni per l’iscrizione a scuola nel prossimo anno scolastico. «Occorre precisare che il decreto Lorenzin non prescrive che venga necessariamente consegnato alle scuole un certificato di avvenuta vaccinazione - afferma il ministro - ma più in generale qualsivoglia documentazione che possa essere considerata “idonea” a comprovare l’effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie ovvero la richiesta di vaccinazione all’Azienda Sanitaria. Va inoltre chiarito - ha proseguito Grillo - che la normativa vigente non prevede che per gli alunni di età compresa tra i 6 e i 16 anni sia consentito l’accesso ai servizi educativi anche in mancanza delle vaccinazioni ma con il pagamento di una sanzione amministrativa. La comminazione della sanzione infatti non consegue, in via automatica, alla mancata presentazione della idonea documentazione per l’iscrizione scolastica».

Immigrati e pensioni: scontro tra Boeri e Salvini

ROMA. Nuovo scontro a distanza sulla questione migranti tra il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini e il presidente dell'Inps Tito Boeri. "Il nostro Paese ha bisogno di aumentare" l'immigrazione "regolare", ha detto Boeri alla presentazione della relazione annuale dell'Inps a Montecitorio. La domanda di lavoro immigrato in Italia "è forte", ha spiegato, perché sono "tanti i lavori che gli italiani non vogliono più svolgere". Quindi ha aggiunto: "I dati sull'immigrazione, anche quelli che sono stati qui riportati, sono dati incontrovertibili, per altro le fonti che ho citato sono diverse: da Istat a Eurostat, a organizzazioni internazionali che fanno proiezioni sulla spesa pensionistica. Credo che questi dati parlano da soli".

Parole che hanno provocato l'immediata reazione del leader della Lega, che è tornato ad attaccare Boeri. "Dove vive, su Marte?", ha tuonato Salvini."'Servono più immigrati per pagare le pensioni... cancellare la legge Fornero costa troppo... servono più immigrati per fare i tanti lavori che gli italiani non vogliono più fare...'. Il presidente dell'Inps continua a fare politica - ha aggiunto -, ignorando la voglia di lavorare (e di fare figli) di tantissimi italiani".

Prete gay si sposa con il compagno alle Canarie

Si è sposato a Gran Canaria con il suo compagno di sempre. È la storia di don Giuliano Costalunga, che dopo dieci anni ha realizzato il suo sogno: si è sposato ad aprile nell'isola spagnola con il compagno di sempre, Paolo. E' quanto riportano oggi i quotidiani di Verona.

Don Giuliano Costalunga è stato parroco di Selva di Progno, in servizio fino a due anni fa nella piccola parrocchia sui Monti Lessini, è ufficialmente è ancora prete, anche se da diverso tempo non esercita più il suo ministero.

"È ancora prete - conferma il vescovo di Verona Zenti all'Arena di Verona - è una vicenda molto triste per la nostra chiesa. Un mio predecessore aveva impedito la sua ordinazione forse perché aveva capito che non era la scelta giusta, ma lui è andato a farsi ordinare sacerdote a Rieti. Di sicuro la sua è una vicenda personale difficilissima e tristissima. Non ha chiesto di essere sollevato dal ministero ed è quindi ancora un prete: se non lo farà a breve, ci muoveremo d'ufficio".

Saldi, conto alla rovescia

Conto alla rovescia per i saldi estivi. Meno quattro giorni alla ventata di sconti che investirà, finalmente, tutta Italia. Già partiti in Sicilia e nelle Marche, a partire dal prossimo 7 luglio gli sconti arriveranno in tutte le regioni. Via allo shopping a prezzi vantaggiosi, quindi, che secondo Confcommercio costerà a famiglia poco meno di 250 euro. E come ogni anno, anche per questo 2018 l'associazione ha ricordato alcune regole essenziali che rientrano fra i diritti/doveri dei consumatori. Ecco quali:
PRODOTTI IN VENDITA - I capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso.
PROVA DEI CAPI - Non c'è nessun obbligo di prova, ma è rimessa alla discrezionalità del negoziante.
PREZZI - E' obbligatorio per il negoziante indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.
PAGAMENTI - Non solo contante. Il negoziante deve accettare anche le carte di credito.
CAMBI - E' possibile cambiare il capo dopo che lo si è acquistato, è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n. 24/2002). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

Oscurata Wikipedia

Il classico logo bianco dipinto di nero e un avviso verde che parla chiaro: "Difendiamo una rete aperta". Wikipedia Italia è stata oscurata in segno di protesta contro la direttiva sul diritto d'autore in approvazione al Parlamento europeo che "mette a repentaglio i valori, la cultura e l'ecosistema da cui Wikipedia dipende" si legge nella pagina di servizio dell'enciclopedia libera.

"Il 5 luglio 2018 il Parlamento europeo in seduta plenaria deciderà se accelerare l'approvazione della direttiva sul copyright - scrive la comunità italiana di Wikipedia -. Tale direttiva, se promulgata, limiterà significativamente la libertà di Internet. Anziché aggiornare le leggi sul diritto d'autore in Europa per promuovere la partecipazione di tutti alla società dell'informazione, essa minaccia la libertà online e crea ostacoli all'accesso alla Rete imponendo nuove barriere, filtri e restrizioni".

"Se la proposta fosse approvata - ammoniscono - potrebbe essere impossibile condividere un articolo di giornale sui social network o trovarlo su un motore di ricerca. Wikipedia stessa rischierebbe di chiudere". Stando a quanto si riferisce nel comunicato la proposta "ha già incontrato la ferma disapprovazione di oltre 70 studiosi informatici, tra i quali il creatore del web Tim Berners-Lee, 169 accademici, 145 organizzazioni operanti nei campi dei diritti umani, libertà di stampa, ricerca scientifica e industria informatica e di Wikimedia Foundation".

"Per questi motivi - si legge ancora nella nota - la comunità italiana di Wikipedia ha deciso di oscurare tutte le pagine dell'enciclopedia. Vogliamo poter continuare a offrire un'enciclopedia libera, aperta, collaborativa e con contenuti verificabili. Chiediamo perciò a tutti i deputati del Parlamento europeo di respingere l'attuale testo della direttiva e di riaprire la discussione vagliando le tante proposte delle associazioni Wikimedia, a partire dall'abolizione degli artt. 11 e 13, nonché l'estensione della libertà di panorama a tutta l'UE e la protezione del pubblico dominio".

Verdini condannato a 6 anni e 10 mesi

La Corte d'appello di Firenze ha condannato l'ex senatore di Ala Denis Verdini a sei anni e dieci mesi di reclusione per il crac dell'ex Credito cooperativo fiorentino, la banca locale di cui è stato presidente per vent'anni.

La Corte ha ridotto la pena inflitta a Verdini che in primo grado era stata di nove anni. Riduzioni anche per gli imprenditori Riccardo Fusi e Roberto Bartolomei, condannati oggi a 5 anni e 10 mesi ciascuno. Verdini non era presente in aula alla lettura della sentenza.

Aggressione a Niccolò Bettarini, 4 fermi

Quattro persone sono state fermate nella notte dalla polizia per il tentato omicidio di Niccolò Bettarini, il figlio della conduttrice Simona Ventura e dell’ex calciatore Stefano, accoltellato ieri all’alba vicino al locale Old Fashion in viale Alemagna a Milano.

Gli agenti dell'Ufficio Prevenzione generale e della Squadra mobile della Questura hanno sottoposto a fermo due giovani italiani di 24 e 29 anni e due cittadini di origine albanese, di 23 e 29 anni, "gravemente sospettati" dell’aggressione contro il 19enne, colpito con 11 coltellate al tronco e all’addome e ricoverato all’ospedale Niguarda - in prognosi riservata, ma non in gravi condizioni - in attesa di essere operato nei prossimi giorni per la lesione al nervo riportata all’arto superiore. Sono in corso, inoltre, gli accertamenti di natura amministrativa per un provvedimento del questore riguardante il locale.

«Prime le italiane», staffetta azzurra diventa un caso

È diventato un caso politico la vittoria delle azzurre Libania Grenot, Maria Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso e Raphaela Lukudo ai Giochi del Mediterraneo di Tarragona. Le quattro atlete, arrivate prime nella staffetta 4X400, sono state immortalate dopo la vittoria in una foto diventata virale sul web in poche ore. Lo scatto, accompagnato dall'hashtag #primeleitaliane - versione provocatoria del celebre motto della Lega "prima gli italiani" - è infatti stato interpretato da molti, lo scrittore Roberto Saviano e gli esponenti dem in primis, come simbolo dell'Italia antirazzista, suscitando le critiche del Carroccio.

LA RISPOSTA A PONTIDA - Tra i primi a rilanciare la foto delle azzurre è stato lo scrittore Roberto Saviano che, nel giorno del raduno leghista, ha commentato su Facebook: "I loro sorrisi sono la risposta all'Italia razzista di Pontida. L'Italia multiculturale nata dal sogno repubblicano non verrà fermata". Sulla stessa linea l'ex premier Matteo Renzi che, definendo il trionfo delle connazionali "la notizia più bella di ieri", commenta entusiasta sui social: "Vince l'Italia che non ha paura". "#leitalianeprime", gli fa eco il segretario reggente del Pd Maurizio Martina. "Salvini ha paura, loro hanno coraggio", twitta provocatorio l'ex ministro del Mibact Dario Franceschini.

LA REPLICA DELLA LEGA - A stretto giro è arrivata la replica degli esponenti del Carroccio. A partire dal segretario nonché ministro dell'Interno Matteo Salvini. "Bravissime, mi piacerebbe incontrarle e abbracciarle", scrive il vicepremier su Facebook, prima di lanciare un attacco al Pd: "Come tutti hanno capito (tranne qualche 'benpensante' e rosicone di sinistra), il problema è la presenza di centinaia di migliaia di immigrati clandestini che non scappano da nessuna guerra e la guerra ce la portano in casa, non certo ragazze e ragazzi che, a prescindere dal colore della pelle, contribuiscono a far crescere il nostro Paese. Applausi ragazze!!!" "Vinte 156 medaglie ai giochi del mediterraneo e Saviano e il PD si ricordano solo di quella vinta dalle atlete di colore. Chi è il razzista? - ribatte invece il ministro leghista dell'Agricoltura, Gian Marco Centinaio - BRAVI a TUTTI gli atleti italiani! La vera risposta ai politicanti da salotto...." "I veri razzisti - aggiunge Centinaio in un secondo post - sono quelli che si dimenticano di tutti gli altri atleti che hanno vinto delle medaglie ai giochi del mediterraneo. bravi a TUTTI gli atleti italiani".

«Niccolò Bettarini accoltellato per difendere l'amico»

''Questa notte nostro figlio Niccolò, è stato aggredito da molte persone, mentre cercava di difendere un amico. Fortunatamente le conseguenze non sono gravi, Niccolò si sta riprendendo velocemente, un miracolo visto le 11 coltellate inferte". E' quanto si legge in una nota congiunta di Simona Ventura e Stefano Bettarini, entrambi all'ospedale Niguarda dal figlio Niccolò. "Sperando che i colpevoli vengano presto assicurati alla giustizia, vogliamo ringraziare in primis la Questura di Milano, le Istituzioni e la meravigliosa squadra del Pronto Soccorso dell'Ospedale Niguarda per esserci stati così vicino'', concludono.

Il 19enne "è ricoverato per lesioni superficiali da taglio su tronco, addome e un arto superiore", comunicano dall'ospedale. Sono stati eseguiti "tutti i necessari accertamenti, è in programma nei prossimi giorni intervento per la lesione riportata all'arto superiore (lesione al nervo)", si annuncia nel bollettino medico. "Le condizioni non sono gravi. La prognosi è comunque riservata, in attesa dell'operazione", conclude la nota, precisando che non è in pericolo di vita.

Quattro sospettati sono stati portati in Questura anche se a quanto si apprende per ora nessun provvedimento è stato preso dalla Squadra Mobile e dell'autorità giudiziaria competente.

Nessuno dei fendenti per fortuna ha colpito organi vitali. Quando è stato soccorso fuori dal locale era cosciente. Il gestore del locale Roberto Cominardi, parlando con l'Adnkronos, dichiara che "Niccolò non è mai stato allontanato dal locale , come qualcuno ha scritto, lui è andato via per ultimo, tutti sono usciti tranquillamente". "Erano degli animali", ha detto un amico-testimone. "Si sono accaniti contro il 'Betta'. Non so perché sia scoppiata la lite, ma si sono accaniti contro di lui" rimarca un altro giovane. "Tre di loro mi sembravano drogati, avevano 30-40 anni. Spero che facciano anni di galera".

Il 19enne ha trascorso in compagnia di un gruppo di amici, con loro anche alcune ragazze ma una volta uscito sarebbe stato circondato da più persone e colpito più volte con un coltello. L'arma non è stata trovata dalla polizia.

Niccolò è il primo figlio dell'ex coppia Ventura-Bettarini, prima ha tentato la strada del calcio andando a studiare e ad allenarsi in Inghilterra, ma di recente si è avvicinato al mondo dello spettacolo.

M5S cambia idea:
«Sì alle Olimpiadi a Torino»

TORINO.  "I rapporti sono ricuciti. Siamo compatti nel mandare avanti la candidatura di Torino" alle Olimpiadi invernali del 2026. Dopo il no del sindaco di Roma alle Olimpiadi nella Capitale, M5S cambia idea. L'annuncio arriva al termine dell'incontro tra la maggioranza grillina e il sindaco di Torino, Chiara Appendino, alla presenza del leade Cinque Stelle Luigi Di Maio. "Martedì invieremo a Roma - aggiunge la prima cittadina - lo studio di fattibilita'". 

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno