Sabato 19 Gennaio 2019 - 0:02

Folla ai funerali dello studente morto in gita

MILANO. Una chiesa di Altichiero strapiena, con tanti giovani anche fuori nel piazzale antistante, ha dato l'ultimo saluto a Domenico Maurantonio, lo studente padovano morto nella notte tra sabato e domenica scorsa dopo una caduta dal quinto piano di un hotel di Milano.

 

«Tutti abbiamo un debito di verità e coscienza nei confronti di Domenico. Era il mio amico, il mio eroe - ha ricordato Bruno Maurantonio, il papà dello studente padovano - Mi prendeva in giro perché diceva che ero troppo vecchio, ma lui ci ha lasciato troppo giovane. Per raccontarlo mi ci vorrebbero 19 anni, non so se avrò la forza di andare avanti. Ha lasciato qualcosa di importante che noi dobbiamo portare avanti». «Se tutta la verità è uscita bene - ha detto il parroco di Altichiero don Lorenzo durante l'omelia - se ce n'e' ancora di nascosta sotto il 'magone' e la paura speriamo che la si lasci uscire al più presto per quanto male possa fare perchè solo con la verità c'e' futuro e libertà». Dopo l'omelia del parroco e il ricordo del padre, all'uscita tanti hanno abbracciato commossi i genitori del giovane studente del liceo Ippolito Nievo. Una cerimonia sobria così come era stata voluta dai genitori (con cameramen e fotografi fuori dalla chiesa) e centinaia di amici, compagni di classe, parenti in lacrime. All'uscita nessun commento della preside del liceo frequentato da Domenico e dagli altri suoi insegnanti, chiusi in uno stretto riserbo, critici per le tante ipotesi sulla morte di Domenico pubblicate sui giornali e dai tg.

 

Fecondazione, cade il divieto per coppie portatrici di malattie

ROMA. La Consulta ufficializza il suo via libera alla caduta di uno degli ultimi paletti della legge 40/2004 sulla fecondazione assistita: «La Corte costituzionale, nella Camera di consiglio del 14 maggio - si legge in una nota - ha dichiarato l'illegittimità costituzionale degli artt. 1, commi 1 e 2, e 4, comma 1» della normativa, «nella parte in cui non consentono il ricorso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita alle coppie fertili portatrici di malattie genetiche trasmissibili, rispondenti ai criteri di gravità di cui all'art. 6, comma1, lettera b), della legge 22 maggio 1978, n. 194, accertate da apposite strutture pubbliche».
 

Rogo di Fiumicino, indagati cinque operai

ROMA. Concorso in incendio colposo il reato ipotizzato nei confronti degli indagati dal procuratore Gianfranco Amendola e dal pm Valentina Zavatto. Il loro coinvolgimento nell'inchiesta è legato a filmati del sistema a circuito chiuso nei quali li si vede lavorare nella sala dove si è sviluppato il rogo. I cinque operai nei giorni precedenti il rogo, avrebbero attivato un condizionatore portatile per ovviare al surriscaldamento di un quadro elettrico. Il condizionatore però si spegneva poiché non era collegato all'esterno.

Rapina in ospedale, esploso un colpo di pistola

ROMA. Rapina la notte scorsa all'ospedale Grassi di Ostia dove tre uomini, intorno a mezzanotte, hanno immobilizzato e ammanettato un vigilante sottraendogli anche la pistola. I tre hanno poi tentato di aprire le casseforti al primo piano senza però riuscirci. I malviventi sono poi scappati e, inseguiti da un altro vigilante, hanno esploso un colpo di pistola. Dopo la fuga è stato recuperato il caricatore della pistola. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di Ostia che hanno avviato le indagini.

Bus e metro, sciopero con pochi disagi

LINEA 1 DELLA
METROPOLITANA ATTIVA TRA PISCINOLA E DANTE, STAZIONE DELLA
FUNICOLARE CENTRALE CHIUSA, 14 PER CENTO DEI MEZZI ANM RIENTRATI
NEI DEPOSITI. QUESTI, DOPO UNA PRIMA RILEVAZIONE DELL'AZIENDA
NAPOLETANA MOBILITÀ, GLI EFFETTI DELLO SCIOPERO DEI LAVORATORI
DEL TRASPORTO PUBBLICO ADERENTI DELL'USB IN CORSO NEL CAPOLUOGO
CAMPANO.
LA LINEA 1, QUINDI, NON STA COPRENDO LA TRATTA COMPRESA TRA
LE STAZIONI DI PIAZZA DANTE E PIAZZA GARIBALDI, MENTRE SONO
REGOLARMENTE ATTIVE LE FUNICOLARI DI CHIAIA E MERGELLINA. POCHI
I DISAGI AL MOMENTO PER CIÒ CHE RIGUARDA IL TRASPORTO SU GOMMA.
RISPETTATE LE FASCE DI GARANZIA.

 

ROMA. È scattato lo sciopero del trasportio pubblico indetto dal sindacato Usb. Queste le modalità nelle principali città:

ROMA. Ecco la situazione sulla rete romana: metro A chiusa, metro B e B1 chiusa, metro C regolare, Roma-Viterbo attiva con riduzione di corse, Roma-Lido attiva con riduzione di corse, Termini-Giardinetti attiva con riduzione di corse (dalle 11.10 limitato tra Centocelle e Giardinetti), in superficie possibile riduzione di corse o sospensione di linee.

MILANO. Su disposizione della Prefettura il servizio sarà regolare per l’intera giornata per garantire i mezzi pubblici per l'Expo.

TORINO. Lo sciopero nazionale non interesserà i servizi svolti da Gtt. La mobilitazione è stata rinviata per la concomitanza con il Salone del Libro.

NAPOLI. L'eventuale interruzione del servizio sarà gestita garantendo i servizi minimi secondo le seguenti modalità. Linee bus: il servizio sarà garantito dalle 5.30 alle 8.30 e dalle 17 alle 20.

È arrivato il ciclone Ferox: temporali al Nord

ROMA. Ferox è arrivato in Italia: il ciclone annunciato i giorni scorsi sta seminando temporali anche molto forti sulle zone alpine e prealpine del Nord. A riportarlo è ilMeteo.it, aggiungendo che la situazione peggiorerà nelle prossime ore. Forti temporali sono già in atto sul Piemonte settentrionale, Lombardia nordoccidentale e Prealpi venete. Durante la giornata i temporali raggiungeranno anche le zone della pianura, specie il Cremonese, Mantovano, il lago di Garda e possibili anche sulla pianura veneta orientale. Temporali anche sulla Toscana e qualche pioggia sull’Umbria e Marche, mentre al sud resiste il bel tempo.

 
Domani i temporali raggiungeranno la Sardegna e resisteranno su alcune zone del Nordest, specie sui monti e in Emilia Romagna. Da domenica Ferox si sposterà rapidamente verso sud colpendo la Sicilia con temporali e grandinate, specie sul palermitano e messinese. Sul resto d’Italia invece tornerà il sole e il clima estivo con 28/30° al Nord e 32° a Roma.

Tragedia familiare, spara
al fratello
e lo uccide

MESSINA. Tragedia familiare nel messinese. A Barcellona Pozzo di Gotto un 28enne ha ucciso il fratello di 32 anni intorno alle 5 di stamani al culmine di una lite nella loro abitazione. Indagano i carabinieri e secondo gli investigatori, per motivi ancora tutti da accertare, il 28enne ha sparato colpi di fucile contro il fratello uccidendolo sul colpo. Sembra che tra i due vi fossero di frequente dei contrasti.

«Renzi bocciato», gli studenti rispondono al premier con un contro-filmato

ROMA. «Ciao Matteo, siamo contenti che tu sia contento che finalmente la scuola sia al centro del dibattito del Paese. Di certo però non è merito tuo e del tuo governo». Inizia così la replica - ironica - degli studenti alla "video-lezione" del premier sulla riforma della scuola.

 
«Renzi si arroga il merito di aver aperto il dibattito nel Paese sulla scuola. In realtà è proprio lui e il suo Governo ad aver tentato di silenziarlo, manganellando gli studenti, sgomberando le scuole in occupazione o tacciando gli studenti e i professori di squadrismo. Siamo stati noi a porre la scuola al centro dell'attenzione, perché proprio quest'ultima è al centro di un attacco!» dichiara Danilo Lampis, Coordinatore Nazionale dell'Unione degli Studenti.

«Continuano a portare avanti un modello di scuola autoritario con un dirigente che continua a decidere tutto in forma diretta ed indiretta, succube dei privati, che legittima le disuguaglianze attraverso il 5 X 1000 e lo school bonus invece che abbatterle e che mette in concorrenza falsata scuole pubbliche e private, concedendo nuove agevolazioni a favore di queste ultime. Non c'è un euro sul diritto allo studio - sottolinea Lampis - e non si pensa a finanziare realmente la scuola pubblica per raggiungere la media di investimenti europea».

A tre anni veglia
il cadavere della madre in casa
per tre giorni

PARIGI. Il nonno non aveva più notizie della figlia e della nipotina da tre giorni. Così si è recato a casa delle due e ha fatto la triste scoperta. La donna era morta e la bambina, di soli tre anni, era rimasta accanto al corpo della madre per tutto il tempo. Il fatto, riporta il sito Ouest France, è accaduto nella città francese di Tessy-sur-Vire, nel dipartimento della Manica, nella regione della Bassa Normandia. La donna, trentenne, separata da poco e alla ricerca di un lavoro come domestica, era stata vista per l'ultima lunedì volta all'uscita della scuola di Tessy. Quando il nonno materno venerdì sera è andato a casa loro ha trovato la figlia morta in bagno e la bambina sdraiato sul letto della camera matrimoniale. Secondo i primi accertamenti, la donna era morta da giorni, durante i quali la piccola è sopravvissuta mangiando patatine e dolci trovate nella dispensa della cucina. Per capire le cause del decesso bisognerà attendere l'autopsia, ma al momento la pista privilegiata è quella di una morte naturale.

Kabul, attacco talebano
al residence:
un italiano tra gli 11 morti

KABUL. I talebani afghani hanno rivendicato l'attacco sferrato ieri sera contro la guesthouse Park Palace di Kabul, frequentata da stranieri e vicina a un ufficio delle Nazioni Unite e di altre agenzie internazionali. Undici le vittime dell'assalto, tra cui un cittadino italiano secondo quanto riferisce la Farnesina, un americano secondo l'ambasciata di Washington a Kabul e due indiani. «L'attacco è stato pianificato con cura per colpire il party al quale stavano partecipando persone importanti e americani», ha riferito il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid in un comunicato. Ieri sera nella guesthouse era in programma un concerto del cantante Altaf Hussain. Secondo Mujahid, l'azione è stata condotta da un unico attentatore armato di kalashnikov, una cintura esplosiva e una pistola. Secondo il governo afghano, invece, sarebbero stati tre i miliziani coinvolti.

L'assalto è iniziato alle 20 e 30 di ieri sera ora locale, quando i talebani hanno iniziato a sparare nel ristorante della guesthouse, ed è durato sette ore. Secondo il capo della polizia di Kabul Abdul Rahman Rahimi che almeno sei sono i feriti e «54 persone sono state tratte in salvo dalle forze di sicurezza». Come ha spiegato la portavoce dell'ambasciata di Washington a Kabul Monica Cummings, tra le vittime si conta anche un civile americano.

Tre dipendenti della guesthouse, due cittadini stranieri e un soldato sono rimasti feriti, come ha dichiarato il vice ministro degli Interni afghano Ayoub Salangi, spiegando anche che due degli attentatori sono stati uccisi dalle forze della sicurezza, mentre un terzo risulta latitante.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)