Giovedì 18 Gennaio 2018 - 8:34

Olimpiadi invernali, le Coree sfileranno insieme

Corea del Nord e Corea del Sud hanno raggiunto un accordo per sfilare insieme in occasione della cerimonia di inaugurazione delle Olimpiadi invernali di Pyeongcheang, il 9 febbraio prossimo. Lo ha annunciato il ministero per la Riunificazione sudcoreano.

Secondo il ministero, citato dall'agenzia di stampa sudcoreana Yonhap, durante il secondo round di colloqui a Panmunjon, il villaggio situato lungo la linea smilitarizzata al confine tra le due Coree, i due Paesi hanno concordato di sfilare uniti sotto la bandiera della "Corea unita". E ai Giochi, in rappresentanza del Nord e del Sud, parteciperà un'unica squadra di hockey sul ghiaccio femminile.

L'accordo è arrivato dopo che Pyongyang aveva già annunciato, oggi, l'invio di 230 cheerleader a sostegno degli atleti nordcoreani e di una squadra dimostrativa di taekwondo e, ieri, diun'orchestra composta da 140 elementi che si esibirà a Seul e in un'altra città sudcoreana a margine delle Olimpiadi.

Frasi razziste su Meghan, leader Ukip lascia la fidanzata

Henry Bolton ha messo fine alla sua relazione con la modella Joe Marney, dopo che il Mail on Sunday aveva pubblicato una serie di sms nei quali si lasciava andare a commenti apertamente razzisti su Meghan Markle, la fidanzata del principe Harry.

Il leader dell'Ukip era stato messo dai suoi colleghi di partito di fronte alla scelta tra il suo ruolo e la sua nuova fidanzata 25enne, per la quale aveva recentemente lasciato la moglie. Bolton, intervenendo ad un programma mattutino di Itv, ha ammesso che la sua relazione era diventata «ovviamente piuttosto incompatibile» con il suo ruolo di leader politico e che «l'aspetto romantico» si è concluso.

Oltre ai messaggi nei quali, in riferimento a Meghan Markle venivano usate espressioni come «negra», «questa non è l'Africa, è la Gran Bretagna», sostenendo che le origini afroamericane della fidanzata del principe Harry avrebbero «macchiato» il sangue della famiglia reale, sono emersi ulteriori messaggi imbarazzanti scritti dalla Marley.

Si tratta di uno scambio avvenuto su Facebook con un'amica, nel quale la Marney paragonava gli abusi sugli animali alle violenze sessuali sui bambini. La Marney si è giustificata affermando che la sua amica aveva fatto un “taglia e incolla" dei messaggi «per far sembrare che stessi dicendo cose strane a caso».

La vicenda non sembra comunque conclusa, almeno nei suoi aspetti politici. L'europarlamentare dell'Ukip Bill Etheridge ha continuato a chiedere la testa di Bolton, definendo la sua separazione dalla nuova fidanzata «la mossa disperata di un uomo disperato», che non fa che confermare la sua «inadeguatezza per qualsiasi carica». Per domenica prossima, il Comitato esecutivo nazionale dell'Ukip ha convocato un nuovo vertice per discutere della posizione di Bolton.

Trump si difende: non sono razzista

WASHINGTON. Il presidente americano Donald Trump respinge le accuse di razzismo dopo aver usato parole offensive nei confronti di Haiti, El Salvador e paesi africani. "Non sono razzista, sono la persona meno razzista che potrete mai intervistare, ve lo posso garantire", ha affermato rivolto ai giornalisti al suo arrivo al Trump International Golf Course, a Palm Beach, in Florida ieri sera. Trump aveva ammesso di aver usato un linguaggio "forte" in un incontro dedicato all'immigrazione giovedì alla Casa Bianca con un gruppo di senatori.

Nel colloquio nello Studio Ovale con alcuni membri del Congresso che gli suggerivano il ripristino di protezioni per le migliaia di immigrati da Haiti, El Salvador e da alcuni Paesi africani, Trump avrebbe detto: "Perché gli Stati Uniti devono avere tutta questa gente da queste mer... di Paesi?". Secondo quanto riportato dal 'Washington Post', che cita due fonti anonime informate sull'incontro, il presidente americano avrebbe anche suggerito che gli Stati Uniti dovrebbero attirare più immigrati da Paesi come la Norvegia.

Arrestata 27enne, preparava attacchi terroristici

LONDRA. Una cittadina britannica di 27 anni è stata arrestata all'aeroporto londinese di Heathrow con l'accusa di preparare atti terroristici. La Metropolitan Police rende noto che la donna era sbarcata da un volo decollato da Addis Abeba, in Etiopia. L'arresto è scattato secondo quanto previsto dalla quinta sezione della legge antiterrorismo del 2006.

Colloqui tra Seul e Pyongyang: gli atleti del Nord ai Giochi invernali

La Corea del Nord manderà una propria delegazione ai Giochi olimpici invernali che si terranno in Corea del Sud a partire dal 9 febbraio. Lo hanno riferito fonti di Seul dopo i colloqui - i primi dal dicembre del 2015 tra le due Coree - che si sono tenuti nella Casa della pace a Panmunjon, lungo la linea smilitarizzata. Nel corso dei colloqui la Corea del Sud ha anche proposto di tenere riunioni tra le famiglie separate dalla guerra del 1950-53. "Il Nord - ha annunciato il vice ministro per la Riunificazione sudcoreano Chun Hae-Sung - ha proposto di inviare una delegazione di alto livello, una delegazione del Comitato olimpico nazionale, con atleti, sostenitori, artisti, osservatori, una squadra dimostrativa di taekwondo e giornalisti" ai Giochi.

Stoccolma, bomba davanti alla metro: un morto e un ferito

STOCCOLMA. Un uomo di 60 anni è morto per un'esplosione davanti all'ingresso di una fermata della metropolitana alla periferia di Stoccolma. Una donna sulla quarantina, che era con lui, è rimasta ferita al volto e a una gamba. Lo ha reso noto il portavoce della polizia Sven-Erik Olsson.

La polizia ritiene al momento che l'esplosione non sia legata al terrorismo. "Non vi è nulla che faccia pensare che queste due persone fossero state prese di mira", ha detto la polizia, che sta cercando di chiarire quanto è accaduto.

 

Secondo i quotidiani Aftonbladet ed Expressen, l'ordigno esploso era una bomba a mano. La polizia non ha confermato questa informazione, ma ha riferito che lo scoppio si è verificato quando la vittima ha raccolto un oggetto da terra. Gravemente ferito, l'uomo è poi deceduto.

L'esplosione è avvenuta alle 11 ora locale davanti alla stazione di Varby Gard nella municipalità di Huddinge, un sobborgo di Stoccolma.

Trump: pronto a parlare con Kim

WAHINGTON. Nessun problema a parlare con il leader della Corea del Nord Kim Jong-un per favorire il dialogo con Seul. Ad affermarlo è il presidente degli Usa, Donald Trump, conversando con i giornalisti a Camp David.

''Io credo sempre nel dialogo'' ha detto, sottolineando però che la posizione degli Usa nei confronti del leader nordcoreano ''resta molto ferma''.

I riflettori sono accesi sull'incontro previsto per martedì nel villaggio di confine di Panmujom, tra il nordcoreano Ri Son-gwon presidente del comitato per la riunione pacifica della Corea e il ministro per l'Unificazione sudcoreano Cho Myoung-gyon.

Russiagate, Trump all'ex stratega: «Ha perso la testa»

WASHINGTON. Steve Bannon ha "perso la testa". Così il presidente americano Donald Trump risponde alle dichiarazioni sul Russiagate dell'ex stratega della Casa Bianca contenute in un nuovo libro scritto da Michael Wolff, 'Fire and Fury'. Nel libro Bannon ha definito "sovversivo" e "antipatriottico" l'incontro tra il primogenito di Trump e un gruppo di russi alla Trump Tower durante la campagna elettorale. "Steve finge di essere in guerra con i media, che chiama il partito di opposizione, ma ha passato il suo tempo alla Casa Bianca facendo trapelare false informazioni ai media per sembrare molto più influente di quello che è", si legge in una dichiarazione rilasciata dalla Casa Bianca. 

Trump a Kim Jong-Un: "Il mio è più grosso. E funziona"

ROMA. "Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha appena dichiarato che 'il pulsante nucleare è sempre sulla sua scrivania'. Qualcuno di questo regime esaurito e alla fame lo informi per favore che anch'io ho il pulsante nucleare, ma è molto più grande e più potente del suo, e il mio funziona". È quanto ha scritto oggi su Twitter il presidente degli Stati uniti Donald Trump, in risposta alle affermazioni del leader di Pyongyang durante il discorso di Capodanno. Dopo avergli detto che "è basso e grasso", Trump torna a ironizzare sulle qualità fisiche del tiranno nordcoreano, nascondendo in un Twitter, fintamente innocente, degli apprezzamenti "machi" sul giovane dittatore asiatico. "Anch'io ho il pulsante nucleare, ma è molto più grande e più potente del suo, e il mio funziona" sembra più una battuta di sfida  tra giovani adolescenti che tra capi di Stato. Ma ormai anche la politica delle potenze mondiali è scaduta a becera pornografia. E speriamo che non si passi mai alle dimostrazioni pratiche. In tutti i sensi.

Iran nel caos, morti e arresti

Non si fermano le proteste antigovernative in Iran, dove nella notte sono rimaste uccise 9 persone. A riferire il bilancio è la tv di Stato iraniana, secondo cui sono almeno i 20 morti dall'inizio delle proteste esplose giovedì scorso contro il carovita. Le ultime notizie riferiscono dell'uccisione nella notte di un agente dei Guardiani della Rivoluzione, in precedenza identificato come un poliziotto, ucciso a colpi d'arma da fuoco a Najafabad. Tra le vittime, stando alla tv di Stato iraniana, ci sono anche un bambino di 11 anni e un ventenne, uccisi a Khomeinishahr. Entrambe le città si trovano nella provincia di Isfahan, nell'Iran centrale. Il vice ministro iraniano dell'Interno, Mohammad Hossein Zolfaqari, in dichiarazioni riportate dall'agenzia di stampa Irna, ha sostenuto che in "molte aree" dell'Iran prevale ora la calma. "La politica rispetto alle recenti rivolte è stata di tenere la situazione sotto controllo. La polizia e le altre forze di sicurezza hanno dato prova di tolleranza - ha affermato Zolfaqari - Ma quando alcuni rivoltosi hanno spinto la situazione alla violenza, le forze di sicurezza hanno dovuto contrastare i vandali". La Guida suprema iraniana, ayatollah Ali Khamenei, ha accusato i "nemici" dell'Iran di essersi uniti contro la Repubblica Islamica. "I nemici si sono uniti utilizzando i loro strumenti - come denaro, armi, politica e servizi di sicurezza - per creare dei problemi" all'Iran, ha detto Khamenei, facendo riferimento agli "eventi degli ultimi giorni". Le dichiarazioni di Khamenei, rilanciate dall'agenzia di stampa ufficiale iraniana Irna, sono le prime della Guida Suprema dall'inizio delle proteste.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale